Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Dalla consapevolezza che l'era atomica deve finire, o che a finire sarà la vita stessa sul nostro pianeta.

Vienna 2014: Facciamo vincere la speranza!

E' una speranza che non può morire: una speranza alimentata dagli sforzi che in tutto il mondo la Società Civile da lungo tempo sta impiegando.
8 dicembre 2014

ICAN Civil Society Forum: “We are the ones we have been waiting for”

Finalmente gli incontri di Vienna. La terza Conferenza internazionale sulle conseguenze umanitarie delle armi nucleari. Il Forum di ICAN della Società Civile. E la speranza che tra un anno, alla Conferenza del riesame del trattato sulle armi nucleari, si possa arrivare finalmente a concretizzare passi decisivi per la loro messa al bando.

Più di 150 nazioni sono rappresentate a Vienna. Perfino potenze nucleari quali Stati UnitiGran BretagnaIndia e Pakistan hanno deciso la loro partecipazione dopo avere boicottato gli incontri precedenti - a Oslo nel 2013 e a Nayarit all'inizio dell'anno.

Thomas Nash, rappresentante di ICAN e direttore nel Regno Unito dell’osservatorio sulle armi Article 36, ha dichiarato: "Le precedenti conferenze, tenutesi in Norvegia e Messico, hanno concluso che nessuna risposta sarebbe adeguata, nel caso di esplosione accidentale o fortuita di una o più armi nucleari. Questi incontri globali hanno rappresentato una riformulazione collettiva che ha cambiato in modo radicale la discussione sulle armi nucleari a livello internazionale. Le prove presentate finora durante questo processo sono impressionanti. L’impatto delle armi nucleari è perfino peggiore di quello che pensavamo e il rischio del loro uso è più grande di quanto ammettano i governiCi aspettiamo che gli Stati reagiscano a queste prove lanciando un processo per arrivare alla messa al bando delle armi nucleari entro il settantesimo anniversario del bombardamento atomico di Hiroshima e Nagasaki, il prossimo agosto”

E' una speranza che non può morire: una speranza alimentata dagli sforzi che in tutto il mondo la Società Civile da lungo tempo sta impiegando. Dalla consapevolezza, ormai presente nei governi di tantissimi Stati, che l'era atomica deve finire, o che a finire sarà la vita stessa sul nostro pianeta.

Facciamo vincere la speranza!

 


 

Il videomessaggio di Desmond Tutu

Il Premio Nobel per la Pace Desmond Tutu, anche quest'anno ha voluto essere partecipe, con un videomessaggio il cui testo originale è riportato qua.

 


 

7 December 2014, Vienna 

To my brothers and sisters in the ICAN movement, I extend my warmest greetings from South Africa. 

Although I could not be with you in Vienna for this important gathering, rest assured that I am right by your side in this noble effort to free the world from nuclear arms. 
Our task, of course, is not an easy one. But nor was ending Apartheid in South Africa. 
Through perseverance, conviction and determination, we defeated the forces of injustice and hatred. 
We won because we stood on the right side of history; we stood for a just and moral cause. 

And you, too, stand on the right side of history. 

I am confident that, before long, the voices in favour of total nuclear disarmament will drown out those who say that the world cannot change. 
The writing should already be on the wall for the nuclear powers. 
A treaty banning nuclear weapons is on its way. 
The momentum of this campaign is unstoppable. 

You achieved much in Oslo and Nayarit. 
This Vienna conference, no doubt, will be another important milestone on the path to a ban. 
The vast majority of governments are demanding urgent action. 
No longer are the world’s peoples willing to be held hostage to these unspeakable weapons of terror. 

My dear friend and comrade the late Nelson Mandela was an outspoken critic of nuclear arms. 
He regarded the dismantlement of South Africa’s nuclear arsenal as a necessary part of our transition from a pariah state to an accepted member of the family of nations. 
He implored all other nuclear powers to disarm as well. 

In his honour, and for the sake of humanity, let us all intensify our efforts to bring the era of nuclear weapons to an end. 

We can – and must – succeed. 

I wish you well over the coming days as you work hard to strengthen the international resolve to negotiate a treaty banning nuclear weapons. 
I was delighted to learn that your next major gathering may well be here in South Africa! 
That would be most fitting, indeed. 

We will, of course, welcome you with open arms. 
These arms with which we embrace each other are the only arms we need! 

Dear friends, I very much hope that next year will mark the beginning of negotiations for a ban. 
What better way to honour the victims of Hiroshima and Nagasaki in the 70th anniversary year of the atomic bombings. 
Only by eliminating nuclear weapons can we ensure that no one else ever suffers as they did. 
That must be our driving motivation.

Together, let us seize this historic opportunity!

 

Note: 6-7 dicembre 2014: ICAN Forum della Società Civile: http://goodbyenuk.es
8-9 dicembre 2014 - La pagina dal Ministero degli Esteri austriaco: http://www.bmeia.gv.at/en/european-foreign-policy/disarmament/weapons-of-mass-destruction/nuclear-weapons-and-nuclear-terrorism/vienna-conference-on-the-humanitarian-impact-of-nuclear-weapons/
Goodbyenukes: La pagina dei video su Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCgBGY7NX3Ltb5pybHQZUzTw

Allegati

Articoli correlati

  • TPAN: una data storica per l’umanità
    Pace
    TPAN. Un’autentica svolta per l’umanità. Uno dei più grandi traguardi del pacifismo mondiale

    TPAN: una data storica per l’umanità

    Il 22 gennaio 2021 entra in vigore a livello mondiale il TPAN- Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari, uno dei tanti tasselli del lavoro e del percorso per la pace del XXI secolo
    12 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Armi nucleari: inumane, inaccettabili, e adesso illegali
    Disarmo
    Giamaica, Nauru e Honduras gli ultimi Stati firmatari. Il "Nuclear Ban" diventa realtà.

    Armi nucleari: inumane, inaccettabili, e adesso illegali

    Dichiarazione di IPPNW - International Physicians for the Prevention of Nuclear War - al raggiungimento delle 50 adesioni per l'entrata in vigore del Trattato per la Proibizione delle armi nucleari.
    25 ottobre 2020 - Roberto Del Bianco
  • A un passo dalle 50 ratifiche
    Disarmo
    Una svolta storica si avvicina

    A un passo dalle 50 ratifiche

    Con le ratifiche di oggi di Giamaica e Nauru sono infatti 49 gli Stati che hanno aderito al Trattato di proibizione delle armi nucleari #TPNW: con la prossima ratifica si attiverà il percorso dell'entrata in vigore che si concluderà dopo 90 giorni. E ciò significherà per la prima volta l'esistenza
    23 ottobre 2020
  • Invito ad aderire al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari
    Disarmo
    Una novità che invita gli attuali governi ad una svolta

    Invito ad aderire al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari

    Cinquantasei ex presidenti, primi ministri, ministri degli esteri e ministri della difesa di 20 stati membri della NATO, nonché Giappone e Corea del Sud, hanno appena pubblicato una lettera aperta
    21 settembre 2020 - Tim Wright
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)