Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Dichiarazioni del sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo (M5S)

F-35, il governo non li vuole più tagliare

Anzi critica il governo Monti che ridusse gli acquisti. Ridurre l'acquisto da 131 esemplari a 90 nel 2012 avrebbe - secondo Tofalo - rischiato di "compromettere le capacità operative del nostro Paese"
28 novembre 2018 - Redazione PeaceLink

“Non possiamo rispondere all'irresponsabilità di chi tagliava a caso per guadagnare qualche voto con il rischio di compromettere le capacità operative del nostro Paese”. F-35, governo contrario allo stop del programma

Lo ha detto il sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo in quota M5S con riferimento al programma Joint Strike Fighter. 

Tofalo critica il taglio di 41 aerei F-35 compiuto nel 2012: “Il taglio meramente numerico dei velivoli (da 131 ai 90 attualmente previsti, ndr) tanto pubblicizzato dalla politica in questi anni non ha portato a un reale risparmio per le tasche degli italiani”. Al contrario, ha pesato sul ritorno del lavoro nel nostro Paese. Così, ha rimarcato il sottosegretario, “non possiamo rispondere all’irresponsabilità di chi tagliava a caso per guadagnare qualche voto con il rischio di compromettere le capacità operative del nostro Paese, interrompendo il programma in modo brusco senza un piano B”.

L'intera dichiarazione è sul sito Formiche.net

Luca Marco Comellini, radicale, segretario del partito per la tutela dei diritti dei militari (Pdm), ha replicato: “Il sottosegretario Tofalo dovrebbe ben conoscere le ragioni che hanno spinto il governo Monti ad accogliere la richiesta di riduzione del programma avanzata dai Radicali nel 2012 e dovrebbe sapere che il “taglio” di 41 velivoli non fu né casuale né azzardato. Ben venga quindi il ripensamento del M5S sulla questione F35 ma non posso non evidenziare come questa inversione di marcia sia l’ennesima dimostrazione che il Movimento in fin dei conti si sta rivelando un partito politico sempre più uguale agli altri in fatto di promesse che non possono essere mantenute ma che, nonostante tutto, continuano ad essere fatte perché sembrano essere l’unico modo per il Movimento per raccogliere consensi”.

Retromarcoa del M5s sugli F-35

Note: L'F-35 ha ricevuto critiche per la sua operatività dagli esperti militari. Su Difesaonline si legge:
"Il concetto di caccia universale è stato un totale fallimento. L’ammissione delle forze armate americane per il JSF non lascia adito a fraintendimenti: il programma F-35 è ritenuto concettualmente viziato, per un’esperienza che il Pentagono non ripeterà mai più. Il Joint Strike Fighter semplicemente non ha funzionato nel modo in cui i militari avevano sperato. Il sogno di un caccia universale, è rimasto tale".

Un esperto militare spiega a Presa Diretta i vari difetti dell'F-35. "Incompetenze ingegneristiche".
https://www.youtube.com/watch?v=3DwQyjOok-U

F-35, l'aereo che il governo italiano continuerà a comprare.
"Serve a far spendere soldi, Questo è il vero compito dell'aereo", parola di esperto militare.
https://www.youtube.com/watch?v=zZOoFJCdfrU

Articoli correlati

  • La Manovra economica accentuerà le disuguaglianze in Italia?
    Economia
    Un ennesimo “condono fiscale camuffato”

    La Manovra economica accentuerà le disuguaglianze in Italia?

    Secondo l'analisi di Oxfam la Manovra economica predisposta dal governo non sposta il peso fiscale su patrimoni e rendite. Inoltre a un ammanco erariale stimato in 109 miliardi di euro all’anno, in media, nel triennio 2013-2015 fa pericolosamente eco il progetto di ‘pace fiscale’
    3 dicembre 2018 - Redazione PeaceLink
  • MUOS, F-35 e TAP: le tre concessioni di Conte a Trump
    Disarmo
    Le scelte del "governo del cambiamento" in politica estera

    MUOS, F-35 e TAP: le tre concessioni di Conte a Trump

    Perché Trump ha avuto un occhio di riguardo per il governo Conte salvando l’Italia dalle sanzioni all’Iran? Secondo il prof. Carlo Pelandra, docente di gepolitica, il governo Conte ha dato a Trump buone garanzie su F-35, TAP e MUOS.
    20 novembre 2018 - Redazione PeaceLink
  • Armi italiane all'Arabia Saudita, il governo non cambia rotta
    Disarmo
    Intanto aumenta la fabbrica di bombe Rwm

    Armi italiane all'Arabia Saudita, il governo non cambia rotta

    Nessuna decisione è stata presa dal Ministero degli Esteri dopo due mesi dalla richiesta del ministro della Difesa di rivedere il commercio di armi con l'Arabia Saudita
    18 novembre 2018 - Alessandro Marescotti
  • Nessuna diminuzione delle spese militari
    Disarmo
    Il "Governo del cambiamento" non taglia gli F35

    Nessuna diminuzione delle spese militari

    Nella NADEF (nota di aggiornamento al documento di economia e finanza) non si fa cenno alla necessità della riduzione delle spese militari. In un primo momento era stato detto che il nuovo governo avrebbe tagliato gli F35. Ma non c'è stata alcuna sforbiciata: il programma militare va avanti.
    14 ottobre 2018 - Alessandro Marescotti

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.2 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)