Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

I sauditi stanno sterminando il popolo yemenita usando bombe italiane: ora basta.

Il governo gialloverde denunciato per traffico illecito di armi verso l'Arabia Saudita

Mercoledì prossimo, 27 febbraio, ore 11, in piazza San Silvestro a Roma, ci sarà una Conferenza Stampa per denunciare i ministri che continuano ad autorizzare l'export di armi all'Arabia Saudita. Verrà anche annunciata una mozione del deputato LeU Stefano Fassina per bloccare le armi ai sauditi.
25 febbraio 2019
Patrick Boylan

(a.) Bombe della multinazionale RWM all'aeroporto di Cagliari in Sardegna, pronte al decollo. (b.) Un padre porta in braccia il figlio ferito durante un bombardamento saudita della capitale dello Yemen, Sana'a.

Anche la Camera dei Rappresentati statunitense ha votato lo scorso 13 febbraio per il ritiro del sostegno delle forze armate USA alla Coalizione saudita che, da 4 anni, bombarda a tappetto lo Yemen, provocando “la peggiore crisi umanitaria del pianeta” secondo il responsabile delle Nazioni Unite per le questioni umanitarie, Mark Lowcock. Inoltre, sulla scia della risoluzione del Parlamento Europeo dello scorso 25 ottobre chiedendo un embargo totale, anche diversi paesi europee, con la Germania in testa, hanno bloccato la loro fornitura di armi al regno saudita.

E l'Italia?

Nonostante i proclami del Ministro Di Maio e l'interessamento della Ministra alla Difesa, Trenta, il governo italiano tace, continuando a permettere la vendita e l'esportazione ai sauditi delle bombe fabbricate dalla multinazionale RWM in Sardegna.

Per sollecitare un dibattito parlamentare sulla questione, il deputato LeU Stefano Fassina sta preparando una mozione per la Camera dei Deputati, simile a quello che egli ha già fatto adottare – all'unanimità – dal Consiglio comunale di Roma Capitale. La mozione impegnerà il governo, tra le altre cose, a “bloccare le esportazioni di armi e articoli correlati, prodotti in Italia e destinati all'Arabia Saudita e a tutti i Paesi coinvolti nel conflitto armato nello Yemen”.

Una delegazione di pacifisti della Sardegna verrà nella Capitale mercoledì prossimo, 27 febbraio, per tenere in piazza San Silvestro alle ore 11, insieme al gruppo pacifista NoWar-Roma e a esponenti dei sindacati di base COBAS e USB, una Conferenza Stampa Denuncia nei confronti dei vari Ministri del governo italiano che fanno parte del Comitato Consultivo previsto dalla Legge 185/90, art.7, il quale continua ad autorizzare l'esportazione di armamenti verso i paesi in guerra.

L'on. Fassina illustrerà ai manifestanti la mozione che intende presentare alla Camera.

La cittadinanza è invitata a partecipare.  Per ragguagli si può telefonare al 347-9369527 oppure scrivere a nowar@gmx.com.

Articoli correlati

  • Nuovo strappo fra M5s e pacifisti
    Disarmo
    Convegno a Roma su "Produzioni e commercio di armamenti: le nostre responsabilità"

    Nuovo strappo fra M5s e pacifisti

    Il sottosegretario pentastellato agli esteri Manlio Di Stefano ha dichiarato che l'export di armi italiane verso l'Arabia Saudita non si può interrompere. "E' sbagliato pensare che si possa risolvere il problema con l’interruzione dell’esportazione delle armi prodotte in Italia", ha detto.
    2 marzo 2019 - Redazione PeaceLink
  • “O indagate questi cinque Ministri o incriminateci per calunnia”
    Disarmo

    “O indagate questi cinque Ministri o incriminateci per calunnia”

    Un'associazione pacifista sarda denuncia, presso le Procure di Roma e di Cagliari, cinque Ministri dell'attuale Governo gialloverde. Ipotesi di reato: traffico d'armi verso l'Arabia Saudita e concorso nelle stragi commesse dai sauditi nello Yemen.
    28 febbraio 2019 - Redazione
  • BASTA! L'Italia non venda più armi all'Arabia Saudita
    Disarmo
    Guerra in Yemen

    BASTA! L'Italia non venda più armi all'Arabia Saudita

    La vita di un bambino in Yemen vale 1675 euro in armi italiane. PeaceLink si unisce all'appello lanciato da Nigrizia per vietare la vendita di armi italiane all'Arabia Saudita.
    15 dicembre 2018 - Redazione PeaceLink
  • La CGIL, Mediterranea e lo Yemen
    Disarmo
    Guerre, traffico d’armi, emergenze umanitarie

    La CGIL, Mediterranea e lo Yemen

    Ma allora sorge spontanea una domanda: l’intervento umanitario e “la difesa dell’umanità” sono un fatto universale o un orpello etico da esibire ad intermittenza?
    28 novembre 2018 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.20 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)