Sono sottoposti a indagini giudiziarie per attentato alla sicurezza pubblica dei trasporti

Solidarietà per i lavoratori di Genova che hanno boicottato il commercio di armi

La loro "colpa" è in realtà quella di aver organizzato manifestazioni e presidi contro le navi che trasportavano armi per rifornire l’Arabia Saudita nella guerra in Yemen, traffico fra l'altro recentemente bandito dall’Italia con lo stop alla vendita di bombe.
24 marzo 2021
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)

Esprimiamo solidarietà per i lavoratori genovesi che si sono opposti all’utilizzo del porto per il trasporto di armi utilizzate nello Yemen contro la popolazione civile.

A un mese dalla perquisizione da parte della Digos nelle abitazioni e nel luogo di lavoro di cinque lavoratori portuali del Calp di Genova, la Procura ha deciso di sottoporli a indagini giudiziarie per attentato alla sicurezza pubblica dei trasporti.

La loro "colpa" è in realtà quella di aver organizzato manifestazioni e presidi contro le navi che trasportavano armi per rifornire l’Arabia Saudita nella guerra in Yemen, traffico fra l'altro recentemente bandito dall’Italia con lo stop alla vendita di bombe. Guerra nello Yemen

Confidiamo che la magistratura non vada oltre la fase delle indagini, così come accadde nel processo che aveva assolto pacifisti e antimilitaristi dall'accusa di blocco ferroviario per aver fermato il "treno della morte" proveniente dalla Germania e diretto a Livorno carico di mezzi militari destinati alla prima guerra in Iraq.

Voler fermare le navi con forniture militari dirette in Arabia Saudita, armi già usate in terribili e sanguinose stragi di civili, non è un crimine, è un crimine semmai fare il contrario.

Il ripudio della guerra è alla base dell'articolo 11 della nostra Costituzione, esprimere tale ripudio è un diritto complementare tutelato dall'articolo 21.

A questi lavoratori oggi sottoposti a indagini va non solo la nostra solidarietà ma anche la nostra riconoscenza. Hanno rappresentato l'Italia quando lo Stato italiano restava inerte.

Troppa ignavia e troppa indifferenza hanno consentito inaudite stragi di civili. Con vergognosi silenzi si è consentito un lucro immorale su quelle immani sofferenze.

Note: Il parlamentare di Forza Italia Maurizio Gasparri ha dichiarato di aver presentato un'interrogazione in Commissione di Vigilanza Rai "per chiedere chiarezza all'azienda in merito alla trasmissione Presa Diretta di Rai3 che, con chiaro spirito antimilitarista, ha dedicato un reportage al tema delle spese militari intriso di inesattezze e di faziosità".

Articoli correlati

  • Chi autorizza le esportazioni di armamenti in Italia
    Disarmo
    Le autorizzazioni revocate alla RWM Italia Spa

    Chi autorizza le esportazioni di armamenti in Italia

    L'Unità per le autorizzazioni dei materiali d’armamento, con diplomatici della Farnesina e rappresentanti di altre amministrazioni, ha il compito di applicare la legge 185/1990 e gli indirizzi del Governo
    22 marzo 2021 - Lidia Giannotti
  • Caporale dell'esercito britannico protesta contro la guerra in Yemen
    Disarmo
    Le parti coinvolte nel confitto commettono gravi violazioni del diritto internazionale

    Caporale dell'esercito britannico protesta contro la guerra in Yemen

    "Presto servizio nell'esercito britannico dal 2017, ma ho giurato di proteggere e servire questo Paese non di far parte di un governo corrotto che continua ad armare e sostenere il terrorismo"
    8 ottobre 2020 - Maria Pastore
  • L'Italia ripudia la guerra, ma vende le armi nel mondo
    Disarmo
    La nostra industria di armamenti da lavoro, incluso l’indotto, a circa 150.000 persone

    L'Italia ripudia la guerra, ma vende le armi nel mondo

    Eppure la legge n. 185 del 9 luglio 1990 vieta l'esportazione ed il transito di materiali di armamento verso i Paesi in stato di conflitto armato. Eppure l'articolo 11 della Costituzione ripudia la guerra. Perciò occorre subito sospendere l’esportazione di armi verso le parti in conflitto in Yemen.
    1 giugno 2020 - Dale Zaccaria
  • A portata di mano un divieto italiano alla vendita di armi ai sauditi
    Disarmo
    Finalmente arriva davanti alla Camera dei Deputati

    A portata di mano un divieto italiano alla vendita di armi ai sauditi

    Domani (24-6-2019) alle ore 15, la mozione dell'on. Fassina de “La Sinistra” verrà presentata a Montecitorio. Potrete seguire il dibattito live sulla webtv della Camera.
    23 giugno 2019 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)