Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

A 32 anni dalla firma del Trattato, ritorneranno gli Euromissili?

ICAN Statement on INF Treaty

Dichiarazione di ICAN sul ritiro di USA e Russia dal Trattato INF del 1987 sui missili a raggio intermedio
1 agosto 2019

PRESS RELEASE

(preparato dai membri dell’International Steering Group nell’ipotesi di ritiro degli Stati Uniti e/o della Russia dal Trattato INF il 2 agosto o successivamente)

La Campagna Internazionale per l’abolizione delle armi nucleari (ICAN) deplora l’irresponsabile distruzione del trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF) del 1987 da parte degli attuali leader degli Stati Uniti e della Russia. Al culmine della guerra fredda, questo importante trattato bilaterale ha vietato ed eliminato oltre 2.600 tra i più destabilizzanti dei missili a raggio intermedio, allontanando così il mondo dall’orlo della guerra nucleare e dando il via a ulteriori profondi tagli nei due più grandi arsenali nucleari.

Se i Presidenti Donald Trump e Vladimir Putin uccideranno il Trattato INF, minerebbero ulteriormente lo stesso Trattato di non proliferazione Nucleare (TNP) e metterebbero il mondo a rischio maggiore di uso di armi nucleari e di guerra.

Tra pochi giorni, il mondo ricorderà il 74° anniversario dell’uso delle armi nucleari su Hiroshima e Nagasaki, che hanno ucciso centinaia di migliaia di persone e causato danni a lungo termine alla salute e all’ambiente, che continuano a colpire generazioni nate molto tempo dopo la guerra. Con oltre 13.000 armi nucleari in nove arsenali, tra le crescenti tensioni tra i leaderdegli Stati nucleari, la terribile eredità delle armi nucleari utilizzate e testate ci ricorda che tali armi di distruzione di massa non devono mai essere più utilizzate.

Dopo aver ricevuto il Premio Nobel per la Pace 2017 per la sensibilizzazione sui catastrofici impatti umanitari delle armi nucleari e per contribuire al disarmo nucleare basato sui trattati, ICAN invita gli Stati Uniti e la Russia a:

  • Difendere il Diritto Internazionale, compreso il Diritto internazionale umanitario;
  • Avviare colloqui urgenti per ripristinare la conformità e attuare pienamente il Trattato INF;
  • Effettuare tagli più profondi nei loro arsenali;
  • Spianare la strada per una sicurezza nuclear-free aderendo al Trattato Multilaterale delle Nazioni Unite sul divieto delle armi nucleari (TPNW), negoziato e adottato da oltre i due terzi dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2017.

La nostra sicurezza globale non può essere lasciata nelle mani di alcuni governi e leader che sono disposti a sacrificare i bisogni collettivi dell’umanità e la sopravvivenza per i propri fini politici. Le loro azioni e politiche non stanno solo minando i trattati bilaterali e regionali degli ultimi cinquant’anni, ma stanno anche rischiando la sicurezza futura di tutta la vita sulla Terra.


Reagan e Gorbaciov alla firma del trattato INF (1987).

Reagan e Gorbaciov alla firma del trattato INF (1987).

"La guerra nucleare non può essere vinta e non deve mai essere combattuta; i nostri paesi non cercheranno la superiorità militare".

Storia di altri tempi?


Allegati

Articoli correlati

  • Il femminile è creatività universale
    Pace
    Il potere è l’ombra oscura opposta all’amore universale e al femminile

    Il femminile è creatività universale

    Nella cittadinanza globale, le donne costituiscono la parte più fragile, ma attiva, dei tanti sud del mondo, dove vi è un pensiero al femminile con la coscienza planetaria della terrestrità umana e della solidarietà universale
    4 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Da festeggiare. Forse sì ma forse no
    Disarmo
    Il TPNW quasi in dirittura d'arrivo. Ma i trattati sul disarmo che si sciolgono...

    Da festeggiare. Forse sì ma forse no

    Il TPNW, il Trattato per la proibizione delle armi nucleari, ha trovato adesso un altro impegnativo firmatario. Il Belize, piccolo Stato nei Caraibi che va ad aggiungersi alla schiera delle ratifiche già avvenute da parte delle altre nazioni dell’arcipelago. Però...
    24 maggio 2020 - Roberto Del Bianco
  • Restano in Belgio le bombe: un risultato politico?
    Disarmo
    Ma i favorevoli al disarmo ci sono andati vicino

    Restano in Belgio le bombe: un risultato politico?

    Il recente voto al Parlamento belga sull'eliminazione delle atomiche USA dislocate nel territorio
    19 gennaio 2020 - Roberto Del Bianco
  • E se...
    Disarmo
    Ecco il regalo natalizio che vorrei. Un'utopia da realizzare, sì.

    E se...

    Se la voce dei saggi, dei governi consapevoli (e nel mondo, sì, ce ne sono stati), delle Nazioni Unite ospitanti discussione e approvazione del desiderato Trattato, venisse ascoltata e concretizzata, governi dubbiosi e Stati nucleari...
    21 dicembre 2019 - Roberto Del Bianco
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)