Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Nel 2018 alla difesa sono stati destinati 1.822 miliardi di dollari

Non bombe ma denaro dagli elicotteri

Nell’emergenza non siamo tutti uguali. E invece tutti hanno il diritto ad esistere, tutelati e protetti dalle malattie e dalla povertà
20 marzo 2020

lancio denaro dagli elicotteri

Nel mondo non vi è cartello che indichi la chiusura dei conflitti in corso per coronavirus. Uno studio IISS* afferma che la corsa agli armamenti degli USA ha causato un aumento senza precedenti delle spese militari in tutto il mondo negli ultimi dieci anni. In Italia aumenta la spesa militare**. Nelle grandi manifestazioni contro la guerra in Iraq del 2004 si vedevano cartelli e striscioni che chiedevano “'Guerra per nessuno, reddito per tutti''. Due articoli per sostenere il diritto fondamentale all’esistenza.

Cos’è “Helicopter money” di cui si parla in questi giorni? E’ una politica monetaria ipotizzata come estremo tentativo, mai attuato, per rilanciare l’economia e che consiste letteralmente nel “lanciare soldi da un elicottero”***.

Emergenza. Come, e perché, è giusto estendere il “reddito di cittadinanza”, ora “I fondi stanziati per le prossime settimane sono ingenti, pari a 10 miliardi complessivi, per misure che prevedono anche la sospensione delle scadenza fiscali, ma si presentano frammentarie rispetto alla copertura della totalità dei lavoratori, alle difficoltà di accesso non del tutto risolte”. https://ilmanifesto.it/emergenza-come-e-perche-e-giusto-estendere-il-reddito-di-cittadinanza-ora/

Andrea Fumagalli: “Denaro dall’elicottero? Sì, ma vada direttamente alle persone” “Parla l'economista dell'università di Pavia e membro del Basic Income Netowork Italia (Bin): "In questa crisi indotta dal Coronavirus bisogna definire un nuovo canale di trasmissione della liquidità, con la mediazione dei governi, e finanziare un reddito di base incondizionato in maniera strutturale" https://ilmanifesto.it/andrea-fumagalli-denaro-dallelicottero-si-ma-vada-direttamente-alle-persone/

Per conoscenza ecco un elenco parziale, dal 1 marzo ad oggi, delle violenze in corso:

Libia: Violenti scontri scoppiano in tutto il nord mentre le forze dell’Esercito Nazionale Libico (LNA) tentano di avanzare - Libia: Le forze di Haftar bombardano 2 scuole a Tripoli Repubblica Democratica del Congo: Almeno 17 morti in scontri con le Forze Democratiche Alleate (ADF) a Beni - Somalia: 5 membri al-Shabaab uccisi in un singolo attacco aereo USA - Nigeria: Sei morti in attacco di Boko Haram sulla base militare a Damboa Esercito afghano riprende le operazioni contro i Talebani - Afghanistan: Talebani e forze afghane si scontrano nella provincia di Balkh Thailandia: 1 soldato ucciso e altri 2 feriti in scontri con i militanti nel sud - Indonesia: 4 ribelli dell’Esercito di Liberazione Papua Occidentale (WPLA) uccisi in scontri con le forze di sicurezza nella regione di Papua Yemen: 11 morti in scontri tra ribelli Houthi ed esercito yemenita a Taiz - Yemen: 14 ribelli Houthi uccisi in scontri con le forze governative yemenite nella provincia di Al-Hudaydah Turchia: Caccia turco abbatte aereo da guerra siriano sopra Idlib - Siria: 19 soldati siriani uccisi in attacchi drone turchi

Riferimenti:

* Global defence spending: the United States widens the gap https://www.iiss.org/blogs/military-balance/2020/02/global-defence-spending
World military expenditure grows to $1.8 trillion in 2018 https://www.sipri.org/media/press-release/2019/world-military-expenditure-grows-18-trillion-2018
** Anno 2020: mentre aumenta la spesa militare scarseggia la spesa per la ricerca e l’istruzione https://www.peacelink.it/disarmo/a/47294.html
ESTENDERE IL REDDITO DI CITTADINANZA! SE NON ORA QUANDO? Firma anche tu! https://www.bin-italia.org/estendere-il-reddito-di-cittadinanza-se-non-ora-quando-firma-anche-tu/
*** Le radici dell’Helicopter money https://www.borsaitaliana.it/notizie/sotto-la-lente/helicopter-261.htm

Articoli correlati

  • Come un giovane cadetto il PNRR è entrato civile ed è uscito in divisa
    Editoriale
    Il 18 per cento del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) andrà in spese militari

    Come un giovane cadetto il PNRR è entrato civile ed è uscito in divisa

    Nelle commissioni di Camera e Senato è intervenuta qualche manina che vorrebbe dirottare una parte dei fondi europei, in arrivo con il Recovery plan, verso la filiera militare delle armi. Al comparto industriale militare quasi 27 miliardi di euro per investimenti dal 2017 al 2034.
    2 aprile 2021 - Mao Valpiana
  • Sorpresa nell’uovo di Pasqua: una parte del Recovery Plan destinata a nuove armi
    Disarmo
    Per il Senato occorre promuovere la filiera industriale con i fondi europei

    Sorpresa nell’uovo di Pasqua: una parte del Recovery Plan destinata a nuove armi

    Nel testo licenziato dalla Camera si raccomanda di “incrementare, considerata la centralità del quadrante mediterraneo, la capacità militare dando piena attuazione ai programmi di specifico interesse volti a sostenere l’ammodernamento e il rinnovamento dello strumento militare".
    2 aprile 2021 - Rete Italiana Pace e Disarmo
  • Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"
    Kimbau
    Intervista sulla solidarietà al tempo della pandemia

    Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"

    "O si entra in questa dimensione di voler pensare agli altri e ciascuno di noi entra in questa prospettiva anche di globalizzazione della solidarietà con gli altri, o non riusciremo a salvarci tutti assieme, in questo dovremmo imparare anche dall’Africa".
    22 settembre 2020 - Laura Tussi
  • Schede
    Breve scheda

    Raoul Follereau (1903- 1977)

    Fu promotore di un movimento di solidarietà con le vittime della lebbra e di lotta contro la lebbra. Incontrò i lebbrosi, li aiutò e per tutta la vita denunciò l'indifferenza nei confronti della loro condizione. Invitò i potenti della terra a convertire le spese militari per aiutare chi soffre
    Peppe Sini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)