Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Per un'informazione civile che vada oltre spot e comizi senza contraddittorio

Punta Izzo e tutela delle coste, 6 domande agli aspiranti Sindaco

Sono 5 i candidati in corsa per la poltrona di Sindaco alle elezioni municipali di Augusta del 4 e 5 ottobre. A loro gli attivisti di Punta Izzo Possibile hanno rivolto 6 domande sui temi della tutela del paesaggio e del patrimonio costiero. Beni comuni primari da difendere.
19 settembre 2020
Gianmarco Catalano (Coordinamento Punta Izzo Possibile)

punta izzo

Il 4 e 5 ottobre i cittadini di Augusta saranno chiamati alle urne per il rinnovo della Giunta e del Consiglio comunale. In vista dell’appuntamento elettorale, siamo andati a leggere i programmi dei 5 candidati alla poltrona di Sindaco. Abbiamo così potuto constatare che sulla tematica di Punta Izzo, e più in generale sui temi della tutela e della conservazione del patrimonio costiero, i programmi elettorali si rivelano generici, aleatori e del tutto insufficienti a permetterci di comprendere a fondo le reali proposte dei politici in corsa.

Abbiamo pertanto deciso di sottoporre agli aspiranti Sindaco alcune domande, semplici e dirette, per meglio conoscere le loro idee e intenzioni programmatiche. Nell’interesse della cittadinanza ad un’informazione che vada oltre gli spot e i comizi senza contraddittorio, le risposte di ciascun candidato verranno pubblicate sulla nostra pagina e fatte oggetto di una nostra analisi critica.

1. E’ favorevole o contrario/a, e per quali ragioni, alla realizzazione del nuovo poligono a Punta Izzo progettato dal Ministero della Difesa ?

2. E’ favorevole o contrario/a alla smilitarizzazione del comprensorio di Punta Izzo per una sua conversione in parco naturale e culturale? Se favorevole, attraverso quali azioni politico-amministrative intende raggiungere questi obbiettivi?

3. Decenni di esercitazioni e attività militari hanno prodotto la contaminazione da metalli pesanti di parte del promontorio costiero di Punta Izzo, con danno all’ambiente e potenziali rischi per la salute dei cittadini. Ad oggi solo una parte del promontorio è stata sottoposta a indagini ambientali e nessuna bonifica è stata compiuta. Qual è la sua posizione e come intende agire al riguardo ?

4. Quali sono, secondo lei, le competenze di tutela e vigilanza paesaggistico-ambientale di un Comune e di un Sindaco rispetto alla realizzazione di opere militari sul territorio?

5. Qual è la sua posizione in merito al Documento di programmazione strategica di sistema (Dpss) di recente deliberato dalla Giunta e dal Consiglio comunale? Quali ricadute, secondo lei, esso produrrà per il futuro della costa megarese, da Punta Magnisi a Capo Santa Croce, passando per Punta Izzo ?

6. La legge regionale 15/2005 impone ai Comuni costieri la redazione di un Piano di Utilizzo del Demanio Marittimo, allo scopo di disciplinare l’utilizzo del litorale. Augusta è ancora priva di questo importante strumento di pianificazione, mentre continua ad aggravarsi il processo di privatizzazione a uso abitativo, turistico e commerciale della costa, benché riconosciuta dal Piano Paesaggistico regionale come « bene comune primario » da preservare. Qual è la sua posizione in merito ? E’ favorevole o contrario/a, e per quali ragioni, alla nascita di nuove strutture turistico-commerciali private e/o lottizzazioni lungo il litorale megarese ?

Coordinamento Punta Izzo Possibile

Articoli correlati

  • Come 14 milioni di automobili
    Disarmo
    L'impatto ambientale della militarizzazione in Europa

    Come 14 milioni di automobili

    E' stato pubblicato uno studio pioneristico ma parziale, per via della mancanza di dati in questo ambito, e che getta un primo allarmante sguardo sul reale impatto ambientale delle attività militari. Gli autori si sono concentrati su 6 stati dell'Unione Europea, tra cui l'Italia.
    12 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • El Salvador, tra elezioni e crisi economica e istituzionale
    Latina
    Un anno dopo il tentativo (fallito) di golpe, Bukele si prepara a fagocitare il Parlamento

    El Salvador, tra elezioni e crisi economica e istituzionale

    Secondo i principali sondaggi effettuati dopo l'inizio della campagna elettorale, il partito del presidente Nayib Bukele, Nuove Idee (Ni), non solo starebbe per stravincere le elezioni, ma si appresterebbe addirittura a ottenere la maggioranza qualificata dei due terzi (56 seggi).
    23 febbraio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Honduras, uno scenario complicato
    Latina
    Due consultazioni elettorali in nove mesi

    Honduras, uno scenario complicato

    Attualmente l’Honduras si colloca tra i peggiori paesi latinoamericani per disuguaglianza economica, con il 62% della popolazione che vive in condizioni di povertà e quasi il 40% in miseria. L'impatto della pandemia e degli uragani acuirà ulteriormente le disuguaglianze.
    16 febbraio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Mi voti? Ma quanto mi voti?
    CyberCultura
    Kazakistan: le nuove misure di sicurezza online incrementano i timori tra l'opposizione

    Mi voti? Ma quanto mi voti?

    Kazakistan: introdotto un certificato internet che consente allo Stato di monitorare e deviare il traffico della rete, a un mese dalle elezioni. Si ricorda che il Kazakistan è un regime de facto
    15 dicembre 2020 - Mariam Kiparoidze
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)