Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Biden e Putin siglano un comunicato congiunto “on Strategic Stability”

Good News? La speranza continua

"Gli Stati Uniti e la Russia avvieranno insieme un dialogo bilaterale integrato di stabilità strategica nel prossimo futuro, che sarà deliberato e solido. Attraverso questo Dialogo, cerchiamo di gettare le basi per future misure di controllo degli armamenti e di riduzione dei rischi.”
17 giugno 2021

Attivisti di ICAN a Ginevra per l'incontro tra Biden e Putin

“Stabilità strategica nucleare” Sembra sottolineare un “congelamento”, un non-progresso nella strada del disarmo, quanto appare nell'intestazione del Joint Statement che i Presidenti Joseph R. Biden e Vladimir Putin hanno stilato lo scorso 16 giugno a Ginevra. Eppure è difficile, anche all'ombra dei disaccordi e della diffidenza reciproca dimostrati negli ultimi mesi dai due leader, non trovare in questo un piccolo spiraglio di speranza.

“La recente estensione del nuovo Trattato START esemplifica il nostro impegno per il controllo degli armamenti nucleari. Oggi riaffermiamo il principio che una guerra nucleare non può essere vinta e non deve mai essere combattuta.

Coerentemente con questi obiettivi, gli Stati Uniti e la Russia avvieranno insieme un dialogo bilaterale integrato di stabilità strategica nel prossimo futuro, che sarà deliberato e solido. Attraverso questo Dialogo, cerchiamo di gettare le basi per future misure di controllo degli armamenti e di riduzione dei rischi.”

Osserviamo che alcuni passaggi della dichiarazione ricalcano quasi alla lettera quanto ha voluto sottolineare l'appello redatto dalle Organizzazioni IPPNW e Pugwash e consegnato nei giorni precedenti ai governi russo e statunitense:

“Nella loro cooperazione per creare il Trattato di non proliferazione del 1968, i vostri predecessori limitarono la diffusione delle armi più pericolose mai inventate e impegnandosi alla loro completa eliminazione. I successivi trattati bilaterali ne hanno ridotto il numero di oltre l'85%.”

“Vi invitiamo a mostrare di nuovo lo stesso coraggio e lo stesso senso di urgenza quando vi incontrerete a Ginevra. Nello specifico, vi invitiamo a:

  • Riaffermare la dichiarazione congiunta di Mikhail Gorbachev e Ronald Reagan: “Una guerra nucleare non può essere vinta e non deve mai essere combattuta”.
  • Impegnarsi in un dialogo strategico bilaterale che sia regolare, frequente, completo e

orientato al risultato che porta a un'ulteriore riduzione del rischio nucleare che incombe sul mondo e alla riscoperta della strada per un mondo libero dalle armi nucleari.”

E’ stato lo Statement congiunto un'operazione  “di facciata” per indorare la pillola a favore dei media e degli attivisti? Un inno alle buone intenzioni? Vedremo quanto nel prossimo futuro accadrà.

Anche perché dietro alla Bomba ci sono meccanismi economici e finanziari immensi che la sola politica - anche si trattasse di buona politica - difficilmente riuscirebbe a smantellare. Deve rimanere sempre alta l’azione di tutti noi, organizzazioni e movimenti. Focalizzando l’attenzione anche a tutti questi aspetti “di contorno” nella ramificata catena dell’industria del nucleare.

Note: - Biden-Putin Summit in Geneva: "Strategic Stability", no real commitment to disarmament: https://www.icanw.org/biden_putin_summit_geneva_strategic_stability_not_enough

- Why NATO members should join the UN Ban on Nuclear Weapons: https://www.icanw.org/report_nato_tpnw

- Biden-Putin Joint Statement: http://en.kremlin.ru/supplement/5658

Articoli correlati

  • Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange
    Conflitti
    Putin: il nuovo Bush?

    Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange

    Commettendo ciò che molti giornali chiamano “il lapsus freudiano del secolo”, l’ex presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, ha inavvertitamente definito la propria invasione dell’Iraq nel 2003 come “ingiustificata e brutale.” Proprio ciò che Julian Assange aveva rivelato 12 anni fa.
    23 maggio 2022 - Patrick Boylan
  • Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina
    Conflitti
    Scomparsi i negoziati e la parola "pace"

    Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina

    Il discorso pubblico sulla guerra in corso si va modificando in modo rapido e sostanziale ma, al contempo, poco visibile e perciò “indolore”. Questi cambiamenti così rilevanti raramente sono oggetto di discussione in quanto tali e questo può contribuire a renderli invisibili ai nostri occhi.
    1 maggio 2022 - Daniela Calzolaio
  • Ucraina: un film già visto. Riusciremo questa volta a cambiarne il finale?
    Conflitti
    La lunga sfida NATO-Russia, usando gli ucraini come pedine. Le tre tappe.

    Ucraina: un film già visto. Riusciremo questa volta a cambiarne il finale?

    2014: tutti i mass media gridarono che solo le armi potevano fermare Putin che avrebbe invaso l’Ucraina senza provocazione. Per fortuna, Angela Merkel intervenne allora per far presente le provocazioni NATO a monte e così riportare la pace... momentaneamente. Oggi chi può farlo in maniera duratura?
    30 marzo 2022 - Patrick Boylan
  • La guerra in corso non infiammi il pianeta!
    Conflitti
    Arrivano senza sosta comunicati ed appelli da Organizzazioni e istituzioni pacifiste mondiali

    La guerra in corso non infiammi il pianeta!

    "Come premi Nobel per la pace rifiutiamo la guerra e le armi nucleari. Chiediamo a tutti i nostri concittadini del mondo di unirsi a noi nella protezione del nostro pianeta, casa per tutti noi, da coloro che minacciano di distruggerlo."
    18 marzo 2022 - Roberto Del Bianco
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)