Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Un altro passo e anche in tribunale sarà… No MUOS?
    Il MUOS (Mobile User Objective System) è composto da cinque satelliti geostazionari e quattro stazioni terrestri, una delle quali è sorta a Niscemi, ed è gestito dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti

    Un altro passo e anche in tribunale sarà… No MUOS?

    Chieste 4 condanne e la confisca del sito nel processo per abusivismo e violazione della legge ambientale nella costruzione del sistema militare USA a Niscemi (Sicilia)
    17 febbraio 2018 - Alessio Di Florio
  • F-35

    F-35

    La cinica conclusione nella Relazione speciale sulla partecipazione italiana al Programma F-35 Lightning II della Corte dei conti e la cupa posizione dei sindacati confederali. Di fatto le forze aeree straniere che utilizzano l’F-35 saranno costrette a finanziare con 150 milioni di dollari i laboratori software degli Stati Uniti occupati quasi per il 50% da personale statunitense
    1 settembre 2017 - Rossana De Simone
  • Le bugie sull’Afghanistan
    Nessuna ricostruzione nonostante i 100 miliardi di dollari spesi dagli USA

    Le bugie sull’Afghanistan

    Un triste bilancio sulla missione USA in Afghanistan mentre Trump rilancia e promette "più uomini fino alla vittoria finale"
    24 agosto 2017 - Matthew Hoh
  • Ritorniamo a dire pubblicamente NO alla guerra
    Nessuna rassegnazione e nessuna caduta di tensione civile

    Ritorniamo a dire pubblicamente NO alla guerra

    Ogni marcia di protesta contro la guerra, ogni appello in favore della pace, ogni veglia di preghiera, ogni bandiera arcobaleno esposta, ogni segno di pace esibito costituisce un piccolo-grande atto di elevata politica per togliere dalle mani dei padroni del mondo il nostro futuro e il nostro destino
    18 aprile 2017 - Michele Di Schiena

Il vero nome di Katrina

L’uragano che si è abbatuto ieri sulla Louisiana è stato battezzato Katrina dal Servizio Meteorologico Nazionale (NWS ).
Il suo vero nome e’ Riscaldamento Globale.
3 settembre 2005 - Ross Gelbspan

New Orleans L’uragano che si è abbatuto ieri sulla Louisiana è stato battezzato Katrina dal Servizio Meteorologico Nazionale (NWS ).
Il suo vero nome e’ Riscaldamento Globale.
Quando il 2005 iniziò con la violenta nevicata a Los Angeles, la causa fu il riscaldamento globale.
Quando i venti da 124 miglia orarie [200 km/h] distrussero gli impianti nucleari in Scandinavia e lasciarono senza luce centinaia di migliaia di persone in Irlanda e nel Regno Unito, la causa fu il riscaldamento globale.
Quando all’inizio dell’estate la forte siccità ad ovest del paese fece scendere i livelli dell’acqua del fiume Missouri al suo minimo storico, la causa fu il riscaldamento globale.
A Luglio, quando la peggior siccità mai registrata causò incendi in Spagna e Portogallo e lasciò i livelli dell’acqua in Francia ai loro minimi storici da oltre 30 anni, la spiegazione fu il riscaldamento globale.
Quando un'ondata di caldo letale in Arizona mantenne la temperatura sopra i 43 gradi centigradi e uccise più di 20 persone in una settimana, il colpevole fu il surriscaldamento globale.
E quando la città indiana di Bombay (Mumbai) ricevette 90 centimetri di pioggia in un giorno – uccidendo 1000 persone e compromettendo la vita di altre 20 milioni – il criminale fu il surriscaldamento globale.

Se l’atmosfera si riscalda essa genera siccità più durature, acquazzoni più intensi, ondate di caldo più frequenti e tempeste più minacciose.
Sebbene Katrina sia iniziato come un uragano relativamente piccolo che ha attraversato velocemente il Sud della Florida, esso era supercarico di straordinaria intensita’ a causa delle roventi temperature della superfice marina del Golfo del Messico. Le conseguenza sono state sia distruttive che terrificanti.
Sfortunatamente, solo poche persone in America conoscono il vero nome dell’uragano Katrina perchè le industrie del petrolio e del carbone hanno speso milioni di dollari per mantenere il pubblico nell’ignoranza.

La ragione è semplice: per permettere che il clima si stabilizzi è necessario che l’umanità diminuisca del 70% l’uso di carbone e di petrolio. Questo, naturalmente, minaccerebbe la sopravvivenza di una delle più grandi imprese commerciali della storia. Nel 1995, si scoprì che in Minnesota l’industria del carbone pagò più di 1 milione di dollari a quattro scienziati per sminuire pubblicamente il problema del riscaldamento globale. La Exxon Mobil spese piu’ di 3 milioni di dollari dal 1998 in lobbies e pubbliche relazioni anti-riscaldamento globale.
Nel 2000, le grandi industrie di petrolio e carbone registrarono la loro più grande vittoria elettorale quando George W. Bush fu eletto presidente – e successivamente ricevette i suggerimenti dall’industria per la sua politica energetica ed ambientale. Mentre la situazione climatica cambia velocemente, molti ricercatori temono che siamo gia’ entrati in un periodo di irreversibilita’.

Sullo sfondo attuale, l’ignoranza del pubblico americano circa il riscaldamento globale spicca come un atto d’accusa verso i mass media americani.
Quando la stampa americana si è preoccupata di affrontare l’argomento del riscaldamento globale, essa si è concentrata quasi esclusivamente sugli aspetti politici e diplomatici e non su cosa il surriscaldamento provocherà all’agricoltura, alla fornitura di acqua, alla vita animale e vegetale, alla salute pubblica, al tempo.
Per anni, l’industria dell’energia fossile ha influenzato i media per accontentare una manciata di scettici sul riscaldamento globale in modo da armonizzare le ricerche della Commissione Intergovernativa sul Cambiamento Climatico – più di 2000 scettici da 100 paesi come riportato dalle Nazioni Unite.

Oggi, con la scienza che si è fatta più vigorosa – e gli impatti tanto visibili quanto la mega tempesta che ha ricoperto gran parte del Golfo del Messico – la stampa ammette un po’ di colpa per la nostra distruzione auto-indotta con le industrie del petrolio e del carbone. Come bostoniano, ho paura che l’inverno che si avvicina, come l’ultimo inverno, sarà insolitamente breve e straordinariamente rigido. All’inizio del 2005, una fatale tempesta di ghiaccio mise alle corde migliaia di persone nel New England e scaricò un metro di neve da record sulla città di Boston.
Il nome convenzionale di quel mese era Gennaio. Il vero nome era riscaldamento globale.

Note:

Ross Gelbspan
Fonte: www.boston.com
Link: http://www.boston.com/news/globe/ editorial_opinion/oped/articles/2005/08 /30/katrinas_real_name/ 30.08.05

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da MANRICO TOSCHI

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)