Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • E la camorra portò le scorie tossiche a Bacoli
    Il nome della cittadina dei Campi flegrei spicca tra gli altri

    E la camorra portò le scorie tossiche a Bacoli

    Il comune flegreo è considerato dall'Oms tra gli otto con il più alto tasso di mortalità e malformazioni della Campania. Eredità degli anni '90, quando qui arrivavano i rifiuti dal nord Italia. Sversare rifiuti illegalmente è una cosa difficile da nascondere in comunità piccole.
    30 gennaio 2008 - Adriana Pollice
  • A Paterno tutti i «veleni» del petrolio
    Ampliata la piattaforma che smaltisce gli scarti dell estrazioni di greggio

    A Paterno tutti i «veleni» del petrolio

    Questione rifiuti. Ambientalisti preoccupati per l’ampliamento del sito di stoccaggio dei fanghi derivanti dalle estrazioni. Nel Materano fioccano sequestri di zone abusive per lo smaltimento di scarti industriali.
    30 gennaio 2008 - Monica Lopardo
  • Così la camorra ricicla i rifiuti
    Campania: business nel triangolo della morte Nola, Acerra, Caserta. E i danni ambientali Acerra (Napoli)

    Così la camorra ricicla i rifiuti

    Centinaia di fuochi, ogni notte, rischiarano la campagna tra Nola e Acerra. Centinaia di roghi visibili ovunque da cui si solleva una fitta nebbia nera, e che nessuno spegne.
    6 dicembre 2007
  • Discariche illegali, minaccia per la salute

    Uno studio fatto in Campania conferma che lo smaltimento abusivo dei rifiuti rappresenta un fattore di rischio rilevante per la salute: +9-12% di mortalità, +84% di malformazioni
    12 aprile 2007 - Consiglio Nazionale delle Ricerche

Con Asini e Bara contro l'Ecomafia a Montecorvino

26 giugno 2006 - Marco Codanti

L’appuntamento, con asini e bara, fissato da tempo per domani martedì 27 giugno 2006 in località Serroni di Montecorvino Rovella, alle prime luci, per sbarrare il passo ai camion dell’Ecomafia è confermato. Codanti consegna ancora una lettera alle maggiori rappresentanze Istituzionali locali, per quanto di competenza, per comunicare la ripresa delle ostilità contro chi da decenni cava abusivamente e riempe di rifiuti le colline Salernitane, nella totale indifferenza Istituzionale. Il danno causato alle falde, al paesaggio e alla salute dei cittadini è ormai irreparabile;
Legambiente ha definito il fenomeno, nell’ultimo rapporto sull’ecomafia in Campania, come la “MATTANZA AMBIENTALE”.
Tante le discariche abusive sul territorio, ma la “discarica bomba”, per la quale non si fa nulla, ubicata alle falde dei Picentini, nel territorio di Montecorvino Pugliano, è drammaticamente descritta nella relazione della Agenzia Nazionale per l’Ambiente, datata 1999, attuale più che mai e riproposta oggi all’attenzione della stampa.


Mario Codanti
Email info@masseriasparano.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)