Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Gli argentini attribuiscono le malattie ai pesticidi della Monsanto
    La biotecnologia americana ha fatto dell'Argentina il terzo produttore mondiale di grano di soia, però l'uso delle sostanze chimiche che hanno potenziato questo boom vanno oltre i campi di soia, cotone e mais

    Gli argentini attribuiscono le malattie ai pesticidi della Monsanto

    Uno studio ha individuato malattie che prima non erano comuni, come anomalie congenite, malformazioni cerebrali, spina bifida, cecità o sordità, lesioni neurologiche, sterilità e problemi insoliti della pelle
    14 dicembre 2013 - Michael Warren e Natacha Pisarenko
  • biodiversità, agricoltura, ecologia

    Biodiversità e agricoltura industriale.

    Nel libro Campi di Battaglia, Vandana Shiva racconta storie di sopraffazione e resistenza, quando la resistenza viene dalla terra, anche da cosa ci seminiamo. Nella relazione si cercano di applicare queste teorie a Taranto.
    15 maggio 2014 - Antonio Caso
  • Blocca il mais transgenico in Brasile
    Una sentenza storica del TRF4, il Tribunale Regionale Federale Brasiliano

    Blocca il mais transgenico in Brasile

    Una decisione che potrà far riconsiderare tutta la regolamentazione degli OGM in Brasile, dal momento che finora non si è mai valutato il rischio a cui stanno andando incontro i bioma di tutto il paese.
    19 marzo 2014 - Terra de Direitos
  • Monsanto: un'azienda per un'agricoltura sostenibile
    Il Premio Nobel per l'Agricoltura conferito ad una azienda produttrice di pesticidi e sementi OGM

    Monsanto: un'azienda per un'agricoltura sostenibile

    La famosa multinazionale Monsanto ha ricevuto il World Food Prize, il premio Nobel del cibo, nonostante in varie parti del mondo stia montando, da mesi, la protesta contro la diffusione delle sementi OGM e l'uso incontrollato di pesticidi e altri prodotti agrochimici, di cui la stessa azienda fa largo uso
    14 dicembre 2013 - Beatrice Ruscio

Il biologico italiano deve essere libero da ogm

La scelta del Consiglio dei Ministri agricoli è l'ennesima testimonianza di una Europa sempre più lontana dai cittadini
15 giugno 2007 - Andrea Ferrante (Presidente AIAB - Associazione Italiana per l'Agricoltura Biologica)
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

L'incredibile, l'indicibile è stato approvato a larga maggioranza da burocrati che sembrano sempre più rappresentare se stessi. L'approvazione di questo nuovo Regolamento Europeo sull'agricoltura biologica è un passo indietro che il biologico europeo ora deve affrontare e che sicuramente risponde a logiche che non sono quelle di chi lo produce e lo consuma. Il nuovo regolamento comunitario sull'agricoltura biologica va nella direzione sbagliata; infatti la contaminazione accidentale da ogm prevista fino allo 0,9% testimonia la volontà di banalizzare un modello di produzione e consumo che rappresenta una vera alternativa al modello agroindustriale che ha espulso i contadini dalla terra, ha prodotto una catena infinita di scandali alimentari ed ha desertificato i nostri suoli. In Italia ci stiamo credendo e, pur con mille difficoltà, siamo diventati i primi in Europa.
La Commissione Europea ed il Consiglio dei Ministri Agricoli, con il voto di martedì scorso, hanno dato un ennesima dimostrazione di quanto sia incrinato il rapporto di fiducia fra i cittadini europei e le Istituzioni comunitarie. Tutti i sondaggi di opinione hanno fin qui dimostrato che i cittadini europei vogliono un biologico completamente libero da ogni contaminazione, il voto del parlamento europeo, inoltre, in maniera chiara si è pronunciato in questo senso. La scelta del Consiglio dei Ministri agricoli semplicemente ignora tutto ciò ed è l'ennesima testimonianza di una Europa sempre più lontana dai suoi cittadini.
L'Italia, pur votando contro l'approvazione di questo regolamento, ha sicuramente perso l'opportunità di valorizzare al meglio il voto parlamentare e la straordinaria mobilitazione del settore e di migliaia cittadini e associazioni in tutta Europa non riuscendo a mobilitare la sensibilità di altri governi europei.
Questo isolamento sembra anche il frutto di un comportamento ambiguo che ha portato solo pochi giorni fa alla presentazione di protocolli per la sperimentazione Biotech in pieno campo per colture simbolo del made in Italy da parte del Ministro delle politiche agricole.
Il biologico italiano, comunque è e deve rimanere libero da ogni contaminazione. Dobbiamo ricordare che nessuna semente ogm ancora è autorizzata in Italia e mai lo dovrà essere. E' impossibile ogni coesistenza fra colture ogm e non ed in primo luogo con il biologico. Non è un caso, infatti, che la Commissione Europea si sia battuta tanto per introdurre questa soglia di contaminazione: il vero obiettivo è smontare ogni resistenza, fin qui vincente in tutta Europa, alla coesitenza. La possibilità del bio di essere contaminato, ma di rimanere "ufficialmente bio" di fatto facilita di gran lunga chi vuole imporre una coesistenza nei campi fra colture ogm e ogm free; in questo modo l'inevitabile contaminazione non danneggerebbe economicamente il prodotto che rimarrebbe comunque BIO. Anche per questo motivo va subito fatta in Italia la nuova legge sull'agricoltura biologica che garantisca un biologico totalmente esente da contaminazione. Abbiamo il tempo per farla. Il nuovo regolamento infatti entrerà in vigore solo il primo gennaio 2009.
Dobbiamo ricordare, comunque, che le sementi ogm sono vietate in Italia e in commercio ci sono solo soia e mais ogm, prodotti usati principalmente per fare i mangimi, quindi oggi non esiste un problema contaminazione sul cibo bio che quotidianamente mangiamo.
Il diritto dei produttori a non essere contaminati ed il diritto dei cittadini a mangiare cibo non contaminato deve essere alla base della nuova legge ispirata dalla piena affermazione del principio della sovranità alimentare. Il biologico legato al territorio, il biologico per tutti e di qualità fatto di lavoro giusto, salvaguardia della biodiversità e della fertilità del suolo, di valorizzazione della straordinaria cultura enogastronomica del nostro paese, deve essere il nostro modello e sicuramente una buona legge italiana, in quanto primi produttori Europei, sarà anche un ottimo servizio che daremo a tutti i cittadini europei.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)