Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Ricerca dell' European Food Safety Authority (EFSA)

Alimenti: allarme per livelli di diossina illegali rinvenuti nell’ 8% di prodotti alimentari

I più alti livelli della sostanza tossica in relazione al tenore di grassi sono stati trovati nel fegato e nei prodotti di fegato da animali.
27 aprile 2010
Giovanni D'Agata

La sicurezza alimentare riguarda la collettività intera che molto spesso, presa dagli impegni quotidiani e da una pressoché generalizzata noncuranza in tema di alimentazione trascura i possibili rischi per la salute umana.

Ormai da tempo come componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori, Giovanni D’AGATA, si occupa di segnalare le più recenti ricerche sul tema al fine di poter stimolare gli istituti preposti ai controlli per interventi a garanzia e protezione della salute dei cittadini.

Non da ultimo, vale la pena porre all’attenzione della cittadinanza e delle suddette Autorità nazionali ed europee, le recenti indagini che hanno rilevato che livelli eccessivi di diossina sono stati individuati nell’otto per cento di migliaia di campioni di prodotti alimentari nel corso di un periodo di nove anni.

I più alti livelli della sostanza tossica in relazione al tenore di grassi sono stati trovati nel fegato e nei prodotti di fegato da animali, ha detto la European Food Safety Authority (EFSA). Tra l’alimentazione animale, i più alti livelli delle sostanze cancerogene sono stati identificati negli oli di pesce.

La relazione si basa sui test di più di 7.000 campioni prelevati tra il 1999 e il 2008 in 21 paesi europei.

“Complessivamente, l’otto per cento dei campioni hanno superato i livelli massimi diversi di cui alla normativa UE “, ha detto l’agenzia. “Tuttavia, alcuni di questi campioni erano chiaramente originati da campionamenti mirati, durante gli episodi di contaminazione specifici. C’erano anche ampie variazioni tra i diversi gruppi di alimenti e mangimi in termini di percentuale di campioni che superano i livelli massimi.

“Le diossine e i composti analoghi, come le diossine-simili bifenili policlorurati (PCB), comprendono una serie di sostanze tossiche che si formano dalla combustione. Si trovano a livelli bassi in molti cibi e pur non causando problemi di salute immediati, l’esposizione a lungo termine a livelli elevati di sostanze chimiche è pericoloso per la salute.

La questione è stata rilevata da poco dall’ European Food Safety Authority (EFSA), l’Agenzia Europea che si occupa dei controlli nella stessa materia sotto l’egida della Commissione Europea, che ha dichiarato in una nota ufficiale che “la loro persistenza e il fatto che si accumulano nella catena alimentare, in particolare nel grasso animale, continua quindi a causare alcuni problemi di sicurezza”,

La relazione dell’agenzia sulla raccolta dei dati e l’unità di esposizione, ha sollecitato un controllo continuo.

Secondo D’AGATA, chiede che continui la sperimentazione casuale di un numero sufficiente di campioni di cibo e di campioni di alimenti per animali per garantire che le stime accurate dei livelli di diossina siano raccolti per il futuro.

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)