Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

Vertice di Rio+20

Se la "green economy" diventa la maschera verde del capitalismo

22 giugno 2012
Fonte: Articolo del Gruppo di articolazione internazionale del Vertice dei Popoli per la Giustizia Sociale e Ambientale http://www.altramente.info/archivio/8-articoli/401-recuperiamo-il-nostro-futuro-rio-20-e-oltre.html

Oggi "l'economia rinverdita", spinta in avanti nella corsa verso Rio 20, si basa sulla stessa logica e meccanismi che stanno distruggendo il pianeta e mantiene la gente affamata. Per esempio, si cerca di integrare gli aspetti della fallita "rivoluzione verde" in modo più ampio al fine di garantire le esigenze dei settori industriali di produzione, quali la promozione dell'uniformità di semi, di semi brevettati da corporazioni, di semi geneticamente modificati, ecc . L'economia capitalistica, basata sul sovra-sfruttamento delle risorse naturali e degli esseri umani, non potrà mai diventare "verde". Si basa sulla crescita illimitata in un pianeta che ha raggiunto i suoi limiti e sulla mercificazione delle rimanenti risorse naturali che finora erano senza prezzo o sotto il controllo del settore pubblico. In questo periodo di crisi finanziaria, il capitalismo globale, cerca nuove forme di accumulazione. E ' in questi periodi di crisi che il capitalismo può accumulare di più.

Oggi, sono i territori e beni comuni l'obiettivo principale della capitale. Come tale, la green economy non è altro che una maschera verde per il capitalismo. E 'anche un nuovo meccanismo per appropriarsi delle nostre foreste, fiumi, terra ... dei nostri territori! Dalle le riunioni preparatorie dello scorso anno verso Rio +20, l'agricoltura è stata citata come una delle cause del cambiamento climatico. Eppure, nei negoziati ufficiali non si distingue tra agricoltura industriale e l'agricoltura contadina, e non si esplicita nessuna differenza nei loro effetti sulla povertà, il clima e le altre questioni sociali che abbiamo di fronte. La "green economy" è commercializzata come un modo per attuare uno sviluppo sostenibile per quei paesi che continuano a subire pesanti e sproporzionati livelli di povertà, fame e miseria. In realtà, ciò che viene proposto è un'altra fase di ciò che noi identifichiamo come "programmi di aggiustamento strutturale verdi", che cercano di allineare e riordinare i mercati nazionali e dei regolamenti per presentare l'arrivo del "capitalismo verde". Gli investimenti di capitale ora cercano nuovi mercati attraverso la "green economy"; assicurarsi le risorse naturali del mondo come input primari e materie prime per la produzione industriale, come serbatoi di carbonio o anche per la speculazione.

Questo è stato dimostrato dal crescente accaparramento di terre a livello mondiale, per la produzione vegetale sia per l'esportazione che per gli agrocarburanti. Le nuove proposte come “l'agricoltura intelligente climatica", che prevede "l'intensificazione sostenibile" dell'agricoltura, incarnano anche l'obiettivo di corporazioni e agro-business di sfruttare la terra, con l'etichetta "verde", e rendendo i contadini dipendenti per gli alti costi di semi e input. Permessi di nuove generazioni di inquinanti vengono rilasciati al settore industriale, in particolare nei paesi sviluppati, attraverso programmi tipo quelli di riduzione delle emissioni da deforestazione e del degrado forestale (REDD + +) e altri sistemi di servizi ambientali. L'economia verde mira a garantire che i sistemi ecologici e biologici del nostro pianeta restino ancora al servizio del capitalismo, con l'uso intenso di varie forme di biotecnologie, le tecnologie di sintesi e la geo-ingegneria. OGM e le biotecnologie sono parti fondamentali della agricoltura industriale, promosse nell'ambito della "green economy". La promozione della green economy include richiami alla piena attuazione del Doha Round dell'OMC, l'eliminazione di tutte le barriere commerciali per le "soluzioni verdi"in arrivo, il finanziamento e il sostegno di istituzioni finanziarie come la Banca Mondiale e progetti come i programmi US-AID, e la legittimazione costante delle istituzioni internazionali che servono a perpetuare e promuovere il capitalismo globale.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)