Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Monaco ha scelto Debian

    Monaco ha scelto Debian

    A due anni dall'annuncio della migraizone a Linux, la città bavarese sceglie una distribuzione non commerciale per i propri 14.000 pc
    29 aprile 2005 - Computer World On Line

Monaco di Baviera: un esempio eccellente di mobilità sostenibile

Un'italiana a Monaco per scoprire che le metropoli possono essere vivibili a certe condizioni che dipendono in parte dall'amministrazione comunale e in parte dallo stile di vita dei singoli: chi ne ha la possibilità si muova a piedi o in bici!
9 giugno 2014 - Gianpaola Gargiulo

Sono stata a Monaco di Baviera in Germania a maggio e ho avuto alcune sorprese.

Non appena sono uscita dalla metro di Monaco, mi aspettavo di essere investita dai soliti rumori di una città frenetica, con i motori delle auto come colonna sonora perenne di una città con più di un milione di abitanti. E invece, con grande mio stupore, arrivata in cima alle scale della metro non ho sentito nulla. Dopo l'iniziale sensazione di smarrimento, ho sbirciato e  -sorpresa ancora più grande - non c'erano auto in quel punto centralissimo della città, a due passi da Marienplatz, la piazza principale di Monaco.

Riuscivo a percepire solo il "rumore" dellle tante, tantissime bici che circolavano, ed addirittura le voci graziose di alcuni bimbi che aspettavano il bus alla fermata appena sopra la metro. Per 4 giorni ho vissuto in questa sorta di mondo parallelo, in cui a predominare erano le tantissime biciclette che, pensate, hanno addirittura una corsia dedicata sul marciapiede; e guai ad invadere la loro corsia. Di auto ce ne sono a Monaco, ed anche di belle. Il punto è che l'intera città è pensata per dissuadere la maggior parte dei cittadini ad usare la macchina e a ricorrere ai mezzi pubblici - efficienti - ed alle bici. Inoltre ogni stazione dei treni che portano a Monaco possiede le rastrelliere dedicate alle bici. La qualità della vita che ho percepito a Monaco è qualcosa d'impensabile in Italia, meno che mai al Sud e purtroppo ancora meno a Taranto, dove tra vie strette e colme di auto la gente urla, strepita, è perennemente alla ricerca di un posto per la propria auto.
Indubbiamente la Germania ha avviato da tanti anni una politica volta ad una mobilità sostenibile, e credo che la popolazione debba essere educata ad un tipo di vita non più auto-dipendente.
So benissimo anche che decisioni quali chiudere al traffico il centro della città o potenziare i mezzi pubblici dipendono dalle amministrazioni locali, ma credo che tutti noi potremmo fare uno sforzo: chi ne ha la possibilità si muova a piedi o in bici. Molto spesso almeno la metà di coloro che usano l'auto in realtà non ne ha reale bisogno:spesso lo fa solo per abitudine, perchè per anni ci hanno insegnato che non vi è altro modo di spostarsi. Ma in una città molto ma molto più piccola di Monaco credo che forse sforzarsi ne valga la pena.

Piste ciclabili a Monaco
Invito tutti a visitare la capitale della Baviera non solo per le sue bellezze artistiche, per il suo cibo, per la storia che possiede, ma anche per osservare un modo differente di vivere. E sono sicura che molti di voi se vedranno come si vive lì difficilmente penseranno che sia inevitabile rimanere imbottigliati per le vie del centro ad urlare all'automobilista davanti di restarsene a casa.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)