Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Una soluzione all'inquinamento

Progetto EzMi - Elettrizza Milano!

Il progetto trae spunto dalla constatazione che molti cittadini farebbero uso dei mezzi elettrici in sharing ma faticano a superare semplici difficoltà legate all’uso di nuove tecnologie
21 aprile 2019
ing. Giuseppe Farinella

Progetto Elettrizza Milano!

Lo sviluppo e la diffusione della mobilità elettrica in modalità sharing nella città di Milano può aiutare ad affrontare quattro problemi particolarmente gravi nella nostra città: l’inquinamento da gas di scarico (PM10, NOx, CO, CO2, SO2, COV), la congestione da traffico, l’inquinamento acustico e l’occupazione di spazi ad uso parcheggio [rif. Rapporto sharing mobility 2017, Ministero Ambiente]. Da considerare che le auto elettriche sono a zero emissioni a fronte di una produzione dei mezzi con motore a combustione interna di CO2 da 164 a 210 gr/km, oltre gli altri inquinanti, [rif. Emissioni trasporti su strada 2014, LEAP Politecnico Milano].

Il progetto trae spunto dalla constatazione che molti cittadini farebbero uso dei mezzi elettrici in sharing ma faticano a superare semplici difficoltà legate all’uso di nuove tecnologie ancora poco diffuse, alla individuazione dell’offerta più conveniente o alla mancanza di supporti organizzativi per la gestione condivisa del mezzo [rif. Ricerca ICS mobility 2018, Università di Genova].

Il progetto prevede l’apertura di uno sportello aperto al pubblico per assistere i numerosi cittadini di Milano disponibili a sperimentare la condivisione di mezzi di trasporto elettrici ma che incontrano difficoltà a causa di barriere culturali e/o economiche.

Con il supporto di volontari e associati il progetto si propone non solo di informare ma di avviare dei veri e propri percorsi di accompagnamento all’uso delle nuove tecnologie. A titolo di esempio un anziano attualmente proprietario di una auto con motore a combustione, usata principalmente per piccole commissioni all’interno della città, potrebbe usare una auto elettrica in sharing evitando l’investimento per una nuova auto e la manutenzione liberando nel contempo uno spazio parcheggio occupato per oltre 22 ore al giorno (per ogni auto condivisa in città si determinano otto auto in meno nel parco auto) [rif. IniziativaCarSharing.pdf, ICS Ministero Ambiente].

Nel progetto è prevista l’assistenza ai soci da parte di personale volontario esperto a partire dalla individuazione del servizio di sharing più vantaggioso, l’organizzazione di gruppi di acquisto di auto elettriche, la richiesta di eventuali agevolazioni e sconti, il sostegno alla conoscenza dei supporti informatici, l’assistenza personalizzata alla guida del veicolo fino alla gestione in sharing di uno o più mezzi acquisiti dall’associazione in leasing o in modalità di noleggio a lungo termine che risulta già economicamente più conveniente rispetto alla gestione di mezzi con motore a combustione [rif. E-Mobility report 2018, ES Politecnico di Milano].

Articoli correlati

  • Limiti normativi, indicazioni OMS e rischi per la salute
    Ecodidattica
    I numeri del cancro in Italia (vedere file allegato)

    Limiti normativi, indicazioni OMS e rischi per la salute

    La maggior parte dei risultati degli studi che hanno valutato l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana provengono da studi condotti in aree (italiane o straniere) in cui tali limiti di legge erano rispettati. Questa osservazione vale anche per le valutazioni del rischio oncologico
    AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica)
  • Taranto: un’altra giovane vita spezzata. Aveva solo 5 anni
    Taranto Sociale
    Riportiamo una notizia che ha sconvolto la città

    Taranto: un’altra giovane vita spezzata. Aveva solo 5 anni

    Tra Covid-19 e neoplasie è una bella lotta a Taranto ma a rimetterci sono i più fragili, i bambini. Ha scritto una tarantina: "La Salute prima di tutto, ma non a Taranto!! Taranto grida e le istituzioni nazionali non ascoltano".
    8 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Flacone vecchio di 50 anni ritrovato nelle acque del porto di Ancona
    Ecologia
    La lunga vita dei rifiuti di platica

    Flacone vecchio di 50 anni ritrovato nelle acque del porto di Ancona

    «Ritrovare un oggetto come questo può sembrare assurdo, ma va considerata la particolare durabilità della plastica perché un prodotto di questo genere può resistere 400-500 anni in mare».
    7 gennaio 2021 - Maria Pastore
  • Educazione e Ambiente 
    Ecologia
    Esperienze didattiche

    Educazione e Ambiente 

    L'amore e l'interesse per la natura sono stati la forza motrice del progetto "Educazione e ambiente", un viaggio nel quale i miei colleghi e io ci siamo confrontati all’unisono. È servito a stimolare numerose discussioni pedagogiche e ha incoraggiato l’applicazione di diverse teorie educative.
    7 dicembre 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)