Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

A rischio la rete dei fiumi siberiani

Disastro ambientale nell’Artico

Dichiarato da Putin lo stato di emergenza. Ci vorranno decenni per sanificare il fiume Ambarnaja, nella Siberia centrale. L'area delle città Norilsk era già considerata una delle più inquinate della Russia per via delle attività estrattive.
4 giugno 2020
Redazione PeaceLink

"Secondo quanto chiarito dalla Commissione investigativa, in seguito a un calo di pressione in una centrale termo-elettrica presso Norilsk, 300 km oltre il Circolo polare, 20mila tonnellate di combustibile diesel e lubrificanti sono fuoriusciti da una cisterna: 15mila tonnellate si sono riversate nel fiume Ambarnaja, 6.000 sono state assorbite dal terreno".

Questo si legge sul Sole 24 Ore. Il fiume Ambarnaja, inquinato da 15 mila tonnellate di combustibile diesel e lubrificanti sono fuoriusciti da una cisterna

Maggiori dettagli sull'Agenzia Nova: "Le concentrazioni di inquinanti nei fiumi, dopo l'incidente alla centrale termica russa di Norilsk, superano abbondantemente i limiti ammissibili. Lo ha dichiarato il direttore dell'Agenzia per la tutela dell'Ambiente russa, (Rosprirodnadzor) Svetlana Radionova, nel corso di una riunione con il presidente, Vladimir Putin, sulla risposta all'emergenza. In seguito ad un incendio scoppiato il 29 maggio, sul territorio della centrale di Norilsk, da un serbatoio sono state versate circa 20 mila tonnellate di gasolio, parte delle quali sono finite nel torrente locale e nel fiume Ambarnaja. "Sono stati prelevati circa 25 campioni, i livelli massimi ammissibili sono stati superati di decine di migliaia di volte nei corpi idrici. Il volume massimo di olio oggi è di 20 centimetri, la lunghezza totale dei corpi idrici dal punto di inquinamento è ora di circa 20 chilometri", ha dichiarato Radionova. Il presidente Putin ha deciso di dichiarare lo stato di emergenza federale a Norilsk".

Già nell'estate del 2016, nei pressi della città, il fiume Daldykan si era tinto di rosso in più occasioni tanto da rischiare di inquinare anche il lago Pjasino e il Mare di Kara, si legge su Wikipedia.

Norilsk in Russia è condiderata una delle città più compromesse sotto il profilo ambientale.

Note: Per la traduzione in italiano, con gli appositi sottotitoli, occorre cliccare sulla rotellina dentata ("impostazioni") in basso a destra e poi selezionare "sottotitoli" e poi bisogna cliccare su "traduzione automatica" e infine su "italiano".

Articoli correlati

  • Di gratis c'è solo acqua sporca
    Ecologia
    Sulla mancanza di acqua potabile in Kenya

    Di gratis c'è solo acqua sporca

    Oggi il lago Vittoria è una torbida brodaglia. In Kenya chi ha bisogno di acqua pulita, è costretto a depurarla o ad acquistarla. Soltanto in pochi possono pagarla
    3 ottobre 2020 - Ilona Eveleens
  • Sandro ci mancherai
    Taranto Sociale
    Perdiamo una delle sue persone più buone che ci ha accompagnato in questi anni

    Sandro ci mancherai

    Sorridente e scoppiettante come pochi, sapeva rendere colorate e leggere le manifestazioni che facevamo assieme per combattere l'inquinamento a Taranto
    8 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • "L'onda nera nel Lambro"
    Cultura
    Recensione del libro di inchiesta di Marco Fraceti

    "L'onda nera nel Lambro"

    Il caso Lombarda Petroli e lo sversamento di idrocarburi del 2010 nel fiume Lambro. Prefazione di Vittorio Agnoletto. Mimesis Edizioni, collana Eterotopie.
    15 agosto 2020 - Laura Tussi
  • Nel Green New Deal c’è la chiave per porre definitivamente fine alle guerre
    Disarmo
    Oggi gli USA spendono settanta miliardi di dollari l’anno per guerre senza fine

    Nel Green New Deal c’è la chiave per porre definitivamente fine alle guerre

    Convertire l’intera rete energetica in energia rinnovabile costerebbe quasi duemila miliardi di dollari in meno delle guerre contro l’Iraq e l’Afganistan.
    13 maggio 2020 - Lindsay Koshgarian
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)