Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

A rischio la rete dei fiumi siberiani

Disastro ambientale nell’Artico

Dichiarato da Putin lo stato di emergenza. Ci vorranno decenni per sanificare il fiume Ambarnaja, nella Siberia centrale. L'area delle città Norilsk era già considerata una delle più inquinate della Russia per via delle attività estrattive.
4 giugno 2020
Redazione PeaceLink

"Secondo quanto chiarito dalla Commissione investigativa, in seguito a un calo di pressione in una centrale termo-elettrica presso Norilsk, 300 km oltre il Circolo polare, 20mila tonnellate di combustibile diesel e lubrificanti sono fuoriusciti da una cisterna: 15mila tonnellate si sono riversate nel fiume Ambarnaja, 6.000 sono state assorbite dal terreno".

Questo si legge sul Sole 24 Ore. Il fiume Ambarnaja, inquinato da 15 mila tonnellate di combustibile diesel e lubrificanti sono fuoriusciti da una cisterna

Maggiori dettagli sull'Agenzia Nova: "Le concentrazioni di inquinanti nei fiumi, dopo l'incidente alla centrale termica russa di Norilsk, superano abbondantemente i limiti ammissibili. Lo ha dichiarato il direttore dell'Agenzia per la tutela dell'Ambiente russa, (Rosprirodnadzor) Svetlana Radionova, nel corso di una riunione con il presidente, Vladimir Putin, sulla risposta all'emergenza. In seguito ad un incendio scoppiato il 29 maggio, sul territorio della centrale di Norilsk, da un serbatoio sono state versate circa 20 mila tonnellate di gasolio, parte delle quali sono finite nel torrente locale e nel fiume Ambarnaja. "Sono stati prelevati circa 25 campioni, i livelli massimi ammissibili sono stati superati di decine di migliaia di volte nei corpi idrici. Il volume massimo di olio oggi è di 20 centimetri, la lunghezza totale dei corpi idrici dal punto di inquinamento è ora di circa 20 chilometri", ha dichiarato Radionova. Il presidente Putin ha deciso di dichiarare lo stato di emergenza federale a Norilsk".

Già nell'estate del 2016, nei pressi della città, il fiume Daldykan si era tinto di rosso in più occasioni tanto da rischiare di inquinare anche il lago Pjasino e il Mare di Kara, si legge su Wikipedia.

Norilsk in Russia è condiderata una delle città più compromesse sotto il profilo ambientale.

Note: Per la traduzione in italiano, con gli appositi sottotitoli, occorre cliccare sulla rotellina dentata ("impostazioni") in basso a destra e poi selezionare "sottotitoli" e poi bisogna cliccare su "traduzione automatica" e infine su "italiano".

Articoli correlati

  • Inquinamento e cirrosi epatica
    Ecodidattica
    La cirrosi risulta associata all'esposizione a lungo termine a PM10, PM2,5, PM grossolano e NO2

    Inquinamento e cirrosi epatica

    Uno studio di coorte sull'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico e sull'incidenza della cirrosi epatica, realizzato da Riccardo Orioli, Angelo Solimini, Paola Michelozzi, Francesco Forastiere, Marina Davoli e Giulia Cesaroni.
    Redazione Ecodidattica
  • Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici
    Ecologia
    ONU, 2021-2030 dedicato al ripristino degli ecosistemi

    Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici

    La situazione è grave, il nostro pianeta sempre più inquinato, in forte crescita l’uso di plastica, prodotti chimici e pesticidi. La pandemia ha intensificato il rilascio di rifiuti nell’ambiente.
    29 giugno 2021 - Maria Pastore
  • Lo smog in città, intervista a Luca Boniardi
    Consumo Critico
    Smog, aria, citizen science

    Lo smog in città, intervista a Luca Boniardi

    Dati preoccupanti dalla mappa delle concentrazioni di biossido di azoto a Roma e Milano realizzata con i dati raccolti durante la terza edizione (2020) della campagna di scienza partecipata “No2 Nograzie”, promossa dall'associazione Cittadini per l'Aria.
    22 giugno 2021 - Linda Maggiori
  • Aiutateci ad andare a Roma!
    Taranto Sociale
    Presidio "Basta così! Si va a Roma"

    Aiutateci ad andare a Roma!

    Il 13 maggio il Consiglio di Stato si esprimerà sul ricorso presentato da ArcelorMittal contro l'ordinanza sindacale di fermo degli impianti a caldo dell'acciaieria. Fin dal 12, se le misure anticovid lo permetteranno, attenderemo pacificamente il verdetto in presidio a Roma.
    12 aprile 2021 - Comitato cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)