Il 30 dicembre ricorre il decimo anniversario della sua scomparsa

Danilo Dolci

Cosa resta di un sognatore critico? Un ricordo di Danilo Dolci di Daniele Novara, una delle più significative personalità in campo di nonviolenza ed esperienza maieutica.
23 dicembre 2007
Daniele Novara (direttore del Centro Psicopedagogico per la Pace e la gestione dei conflitti)

Danilo Dolci A dieci anni dalla morte di Danilo Dolci, la società in cui ci troviamo a vivere non è esattamente quella che lo stesso avrebbe desiderato. Danilo sognava una comunità umana centrata sui valori della creatività e della partecipazione, dove l’anomia individuale venisse progressivamente colmata da centri, luoghi, organismi, iniziative, sistemi educativi che riducessero il gap fra le potenzialità creative dell’essere umano e la sua concreta espressione. Lo spreco era per lui un tema centrale. Sentiva quanta vitalità, quanta forza era contenuta nelle tante persone che incontrava e sognava per loro uno sviluppo completo, vero e fecondo. Al contrario era inquietato da come spesso tutto si perdesse nell’assorbimento conformistico e nell’incapacità di organizzarsi e di dare il meglio di se stessi.

È anche un mondo dove la guerra è tornata a farla da padrone, dove i movimenti pacifisti non sembrano in grado di scalzare le nuove forme di legittimazione della violenza. Lui che si considerava gandhiano al cento per cento come Luther King rabbrividirebbe a sapere tutte le partecipazioni militari dell’Italia in giro per il mondo, che poi oggi si chiamino in un altro modo, ossia che abbiano la nomea di interventi umanitari o di polizia internazionale lo renderebbe ancora più duro e caustico verso l’utilizzo indebito dei termini… lui che ogni notte passava tempo prezioso a cercare sui vocabolari il significato preciso delle parole che gli servivano poi per realizzare le poesie, i racconti, le riformulazioni dei pensieri che aveva raccolto dalle tante testimonianze che andava ad assorbire a destra e a sinistra nelle sue peregrinazioni e nella sua ricerca di contatti profondi di varia umanità.

È un sogno spezzato quello di Danilo Dolci, è stato anche un sogno di una generazione. Recentemente un bellissimo film “Bobby” dedicato alla figura di Robert Kennedy ci ha riportato in maniera struggente e tenerissima come una generazione uscita dai meandri e dalle macerie della più tremenda esperienza bellica dell’umanità – la Seconda Guerra Mondiale – ci abbia provato, abbia tentato di ribaltare l’andazzo storico dell’homo homini lupus, abbia tentato di proporre una speranza concreta, un’utopia pratica.
È questo che ha lasciato l’incontro di me ventiquattrenne con Danilo: non accontentarsi mai, cercare sempre, osare nuove strade, provarci!

Ricordo con tenerezza le sue correzioni a mano sui primi fogli di un libro che raccontava l’esperienza che stavo vivendo come obiettore di coscienza presso la Casa Accoglienza e che entusiasticamente voleva che pubblicassi.

Il libro resta in uno dei miei cassetti, ma la memoria di quell’incontro è ancora viva e riconoscente.


Opere di Danilo Dolci

– Fare presto (e bene) perché si muore, De Silva – Torino 1954;
– Banditi a Partinico, Laterza – Bari 1955;
– Processo all’articolo 4, Einaudi – Torino 1956;
– Inchiesta a Palermo, Einaudi – Torino 1957;
– Una politica per la piena occupazione, Einaudi, Torino 1958;
– Spreco, Einaudi – Torino 1960;
– Milano, Corea: inchiesta sugli immigrati, Feltrinelli – Milano 1960;
– Conversazioni, Einaudi – Torino 1962;
– Racconti siciliani, Einaudi – Torino 1963;
– Verso un mondo nuovo, Einaudi – Torino 1965;
– Chi gioca solo, Einaudi – Torino 1966;
– Poema umano, Einaudi – Torino, 1974;
– Esperienze e riflessioni, Laterza – Bari 1974;
– Creatura di creature, Feltrinelli, Milano 1979;
– Dal trasmettere al comunicare, Sonda, Torino 1988;
– La struttura maieutica e l’evolverci, La Nuova Italia, Firenze 1996;
– Nessi fra esperienza etica e politica, Lacaita, Manduria 1993;
– Comunicare, legge della vita, La Nuova Italia, Scandicci (Fi) 1997;
– Una rivoluzione nonviolenta, Terredimezzo, 2007.

Opere su Danilo Dolci

– Giuseppe Fontanelli, Dolci, La Nuova Italia, Firenze 1984;
– Adriana Chemello, La parola maieutica, Vallecchi, Firenze 1988 (sull’opera poetica di Dolci);
– Antonino Mangano, Danilo Dolci educatore, Edizioni cultura della pace, S. Domenico di Fiesole (Fi) 1992;
– Giuseppe Barone, La forza della nonviolenza. Bibliografia e profilo critico di Danilo Dolci, Libreria Dante & Descartes, Napoli 2004, II ed.;
– Danilo Dolci e la via della nonviolenza, a cura di Lucio C. Giummo e Carlo – Marchese, Manduria-Bari-Roma, Pietro Lacaita Editore, 2005;
– Danilo Dolci, memoria e utopia, di Alberto Castiglione (documentario) 2004;
– Verso un mondo nuovo, di Alberto Castiglione (documentario) 2006.

Note: Daniele Novara, nato nel 1957, vive a Piacenza, dove nel 1989 ha fondato il Centro Psicopedagogico per la Pace e la gestione dei conflitti (CPP) di cui è l'attuale responsabile. È diplomato in maturità scientifica e maturità magistrale. Si è laureato in Lettere a indirizzo pedagogico nel 1981 presso l'Università Statale di Milano con una tesi sul mutuo insegnamento. Ha lavorato in campo sociale durante il periodo del servizio civile promuovendo un centro di accoglienza per soggetti emarginati. In seguito si è sempre occupato di educazione, formazione e progettazione pedagogica. Tra i primi ad affrontare in maniera organica una formazione improntata all'educazione alla pace, è autore di numerosi libri e pubblicazioni. Si occupa professionalmente di gestione educativa dei conflitti (formazione e consulenza pedagogica) e di progetti inerenti i diritti dei bambini (fra l'altro è responsabile scientifico del Centro Educativo per bambini dai 2 ai 5 anni a Klina, in Kosovo). Ha ideato la mostra interattiva Conflitti, litigi e altre rotture per ragazzi dagli 11 ai 16 anni e lo spettacolo interattivo Anna è furiosa per bambini dai 5 ai 10 anni. Dirige il trimestrale Conflitti. Rivista italiana di Ricerca e Formazione psicopedagogica. Negli ultimi anni si è concentrato nella predisposizione di una nuova modalità di aiuto nella gestione dei conflitti: la consulenza maieutica. Da questa iniziativa è nato il Corso di Specializzazione in consulenza maieutica nella gestione dei conflitti, ormai alla IX edizione.

Articoli correlati

  • Una lettera aperta alla capogruppo di "Liberi e Uguali" al Senato
    Migranti
    Alla Senatrice Loredana De Petris:

    Una lettera aperta alla capogruppo di "Liberi e Uguali" al Senato

    Abrogare le misure razziste e incostituzionali, criminali e criminogene, imposte dal governo della disumanita' particolarmente con i due cosiddetti "decreti sicurezza della razza"
    30 agosto 2019 - Peppe Sini
  • Simone Weil, una vita di generosita' e abnegazione
    Storia della Pace
    Attivista e donna di cultura

    Simone Weil, una vita di generosita' e abnegazione

    Ricorre il 24 agosto l'anniversario della scomparsa, nel 1943, di Simone Weil, pensatrice somma, testimone di pace, resistente antifascista, maestra di nonviolenza.
    24 agosto 2019 - Peppe Sini
  • Cosa e' l'antifascismo
    Sociale
    Tutte le vittime vanno salvate

    Cosa e' l'antifascismo

    L'antifascismo e' la nonviolenza, non altro che la nonviolenza. L'antifascismo e' l'affermazione che ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta' e che ogni persona bisognosa di aiuto tu devi soccorrerla, accoglierla, assisterla.
    18 agosto 2019 - Peppe Sini
  • Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino
    Pace
    Centro Studi Sereno Regis, PeaceLink, Disarmisti Esigenti:

    Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino

    La nonviolenza è il filo conduttore sia per il caso Ilva di Taranto sia per il modello Riace: razzismo ambientale, razzismo verso i migranti
    16 agosto 2019 - Laura Tussi
Licenza: Pubblico Dominio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)