Da Aristotele ai giorni nostri

Frasario incredibile per l'8 marzo

Ecco come alcuni "grandi uomini" hanno descritto la donna nella storia.

Il più schematico fu un greco: “La donna è il peggiore dei mali”.

Parole di Euripide (480-406 a.C.), drammaturgo greco.

Ma la galleria delle frasi incredibili non finisce qui. Vediamone alcune.


“L'uomo è per natura superiore, la donna inferiore; il primo comanda, l'altra ubbidisce, nell'uno v'è il coraggio della deliberazione, nell'altra quello della subordinazione.”
Aristotele (384-322 a.C.) filosofo greco.

“Nelle chiese le donne tacciano”.
Paolo di Tarso (5-64 d.C.), Lettere ai Corinzi (più noto come San Paolo Apostolo).

“Dio ha creato Adamo padrone e signore di tutte le creature viventi, ma poi Eva ha rovinato ogni cosa”.
Martin Lutero (1483 – 1546) teologo tedesco, promotore della riforma protestante.

"La donna, insomma, è in un certo modo verso l’uomo ciò che è il vegetale verso l’animale, o la pianta parassita verso quella che si regge e si sostentata da sé".
Vincenzo Gioberti (1801-52), politico e filosofo cattolico italiano.

"Compete al marito, secondo la convenienza della natura, essere capo e signore; compete alla moglie, e sta bene, essere quasi un’accessione, un compimento del marito, tutta consacrata a lui e dal suo nome dominata".
Antonio Rosmini (1797-1855), filosofo cattolico italiano.

“Le donne sono adatte a curarci ed educarci nell'infanzia, appunto perché esse stesse sono puerili, sciocche e miopi, in una parola tutto il tempo della loro vita rimangono grandi bambini: esse occupano una specie di gradino intermedio fra il bambino e l'uomo, che è il vero essere umano”.
Arthur Schopenhauer (filosofo), Parerga e paralipomena, 1851.

Vignetta su Berlusconi


Mi sono sempre stupito che si permettesse alle donne di entrare nelle chiese. Che conversazione possono mai avere con Dio?
Charles Baudelaire (1821 – 1867) poeta francese.

“Donna, l'inconsistenza nobilitata dall'incoscienza”.
Karl Kraus (1874 – 1936) scrittore, giornalista e autore satirico austriaco.

“Noi vogliamo glorificare la guerra, il militarismo, il patriottismo, il gesto distruttore dei libertari, le belle idee per cui si muore e il disprezzo della donna”.
Filippo Tommaso Marinetti (1876 – 1944) poeta, scrittore e drammaturgo italiano.

Ma Marinetti non è contento e aggiunge: “La guerra sta all'uomo come la maternità alle donne”.

Passando al XXI secolo concludiamo con il nostro Presidente del Consiglio.

Durante la conferenza stampa del 12 febbraio 2010, mentre si parla della lotta per fermare i criminali scafisti provenienti dall'Albania, Silvio Berlusconi afferma: "Faremo un'eccezione per chi porta belle ragazze".

Articoli correlati

  • Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»
    Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • Messico: dilagano i casi di femminicidio
    Latina
    In tutto il paese le donne hanno marciato per chiedere la fine dell’impunità

    Messico: dilagano i casi di femminicidio

    Attualmente sono oltre 24.600 le denunce relative alla sparizione di donne, gran parte delle quali tra i 12 e i 19 anni
    9 maggio 2022 - David Lifodi
  • Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia
    Sociale
    La cerimonia si è svolta presso l'auditorium "De Franchis" nella sede di Alife - Caserta

    Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia

    I figli di Stefania Formicola, vittima di femminicidio, ricevono il "Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia". Agnese Ginocchio, ha presentato un proprio brano dal titolo "E' tempo di pensare...", dedicato alla prima “Giornata Internazionale delle coscienze” indetta dall’ONU
    17 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Le donne contro la guerra
    Pace
    Nel secondo dopoguerra, si rafforza un impegno contro la guerra sempre più rilevante e capillare

    Le donne contro la guerra

    Il fascismo aveva educato le donne a fare i figli per la guerra, invece le donne i figli devono farli per la pace e per un mondo migliore
    4 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)