Adesso dobbiamo remare, in sincronia

Stasera non esco

Il contagio si è diffuso oltremodo per l'arroganza di chi ha avuto comportamenti irresponsabili persino di fronte a una reale emergenza sanitaria che adesso ci porrà di fronte a scelte spietate, difficili, ma inevitabili per le condizioni di incapienza delle strutture di terapia intensiva.
8 marzo 2020
Adriana De Mitri

Ho sperato in un'assunzione di responsabilità individuale e collettiva di fronte a questa emergenza.
Ho pensato che avremmo dimostrato un reale senso di appartenenza.
Ho pensato che avremmo dimostrato di essere migliori di quello che sembra.

Mi sono sbagliata.

Troppi sciacalli e troppa confusione, e a pagare il prezzo più alto sono i lavoratori e le lavoratrici della Sanità pubblica, i più colpiti dal contagio e dalla quarantena, impegnati in prima linea a far funzionare un apparato defedato, depredato da scelte politiche scellerate, ma che dobbiamo difendere con tutte le nostre forze perché è pubblico e gratuito. A pagare sono e saranno le fasce deboli della popolazione.


Il contagio si è diffuso oltremodo per l'arroganza di chi ha avuto comportamenti irresponsabili e spocchiosi persino di fronte a una reale emergenza sanitaria, emergenza che adesso ci porrà di fronte a scelte spietate, difficili, ma inevitabili per le condizioni di incapienza delle strutture di terapia intensiva.

Inutile scambiarsi accuse e rimpallarsi le responsabilità.
Inutile pensare a quello che poteva essere e non è stato.

Adesso è INDISPENSABILE, per il bene di tutti, FARE SQUADRA elaborare strategie univoche e decisive.

Il tempo per le riflessioni arriverà e spero che questa volta ci sia la voglia di fare le giuste e oneste considerazioni, sulla base di questa terribile esperienza.

Adesso è il momento di pensare a chi si è ammalato e a chi si ammalerà, e se qualcuno se l'è andata a cercare o no, poco importa, adesso siamo tutti sulla stessa barca e dobbiamo remare, in sincronia.

Quando saremo usciti da questo incubo, ne riparleremo senza remore e soprattutto con onestà e la lucidità necessarie.
Con la speranza che questa esperienza ci renda migliori e più vicini agli "altri". Perché adesso gli altri siamo noi.

Prendo in prestito questa vigna di Mauro Biani
Che amo particolarmente... parla di noi.

Emergenza Coronavirus

Articoli correlati

  • Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"
    Kimbau
    Intervista sulla solidarietà al tempo della pandemia

    Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"

    "O si entra in questa dimensione di voler pensare agli altri e ciascuno di noi entra in questa prospettiva anche di globalizzazione della solidarietà con gli altri, o non riusciremo a salvarci tutti assieme, in questo dovremmo imparare anche dall’Africa".
    22 settembre 2020 - Laura Tussi
  • ONU, giornata internazionale per la pace
    Pace
    21 settembre 2020

    ONU, giornata internazionale per la pace

    Lo slogan è "plasmare la pace insieme". L'Assemblea Generale dell'ONU lancia un importante messaggio affinché sia dichiarato il cessate il fuoco in tutte le zone di conflitto e vengano rafforzati gli ideali di nonviolenza che possono accomunare i popoli.
    21 settembre 2020 - Redazione PeaceLink
  • Il costo delle armi nucleari
    Disarmo
    Un video di Pax Christi International

    Il costo delle armi nucleari

    Un confronto fra le spese mondiali per fronteggiare la pandemia del Covid-19 e le spese militari connesse alla supremazia nucleare.
    6 agosto 2020 - Redazione PeaceLink
  • 5G e anti 5G
    Ecologia

    5G e anti 5G

    Due docenti universitari rispondono ad alcune domande
    15 luglio 2020 - Mathieu Tamigniau
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)