PeaceLink English

On ‘Wind-days’ the local population is advised to minimise exposure to pollution

The steel mill’s dust engulfs the city, but school windows need to stay open due to Covid-19

The residents of Taranto have been struggling with air pollution long before the Covid-19 pandemic. They are now caught in the crossfire of two public health emergencies that require local authorities to take action and demand the shutting down of the polluting premises.
8 October 2020
Taranto’s City Committee for Health and the Environment

Based on a decree from the Apulian regional government (n. 1944 – 02/10/2012) which aims at curbing pollution from PM10 and benzo(a)pyrene, the Apulian Regional Agency for Environmental Protection (ARPA) has set up ‘Wind-days’ for the city of Taranto. These are days in which the wind blows from the Ilva steel mill – the largest in Europe - to its adjacent residential neighbourhoods, engulfing them with its dust and toxic compounds. A residential neighbourhood in Taranto during a 'wind-day' in July 2020.

On these ‘Wind-days’ the local population is advised by the local public health authorities to minimise exposure to pollution by reducing outdoor activities in the morning and late evening. In addition to this, residents are asked to ventilate their homes only between 12pm and 6pm, when pollution levels are supposedly lower. 

These public health recommendations translate into operational guidelines for schools and should be enforced by the mayor of Taranto. Schools are required to ventilate classrooms between 12pm and 6pm on ‘Wind-days’ to reduce concentrations of PM10. These guidelines nevertheless clash with more recent public health directions, which stress on the importance of continuous ventilation in classrooms to reduce risk of Covid-19 infection among pupils. The contradiction between these two different procedures create a public health dilemma which urges immediate action from the local and national authorities.

Taranto’s City Committee for Health and the Environment stresses that it is the mayor’s duty to push for the halting of the hot rolling mills of the factory in order to safeguard the public health of the residents. To curb the spread of Covid in classrooms, which now need steady ventilation, it is also necessary to interrupt all industrial activity that drastically increases the production of PM10.

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 May 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 May 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 May 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)