Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il nostro vicino nucleare

    Il nostro vicino nucleare

    La così detta Françafrique è ancora oggi il pilastro del neocolonialismo francese e della sua stessa grandezza economico/militare
    11 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare
    I casi di Google, Amazon, KAIST

    La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare

    “sistemi di apprendimento autonomo, processi decisionali collaborativi uomo-macchina, operazioni umane assistite, operazioni avanzate con sistemi senza equipaggio e reti di armi autonome”
    3 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • Referendum costituzionale del 4 dicembre

    Voto no per tutelare l'ambiente per le future generazioni

    Con la modifica dell’art.117 si arriva ad una concentrazione nelle esclusive “mani“ del governo le autorizzazioni su porti, infrastrutture, energia, inceneritori eliminando qualsiasi possibilità di partecipazione delle comunità e dei governi locali nelle decisioni. Non è un caso che le lobby del petrolio e Confindustria si siano schierate per il Sì. Proprio il presidente di Confindustria Boccia al convegno di Comunione e Liberazione dell’estate scorsa motivava il Sì al referendum non per ragioni politiche ma economiche. E’ qui la sostanza, per nulla segreta, della riforma: far ripartire l’Italia piegando l’ambiente e la sua tutela a quelle logiche che vorrebbero il nostro paese essere terra di conquista per cementificatori, asfaltatori e petrolieri.
    2 dicembre 2016 - Angelo Bonelli
  • Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga
    REFERENDUM

    Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga

    Organizza Il Comitato ANPI e aderenti del NO alle Modifiche Costituzionali di Nova Milanese
    21 ottobre 2016 - Laura Tussi

Attac Europe sostiene il No alla Costituzione europea

Sostegno europeo alla campagna di Attac Francia per il No

Dichiarazione di Oslo, 15 maggio 2005
20 maggio 2005

I rappresentanti degli Attac d'Europa riuniti a Oslo (Havtunet) il 15 maggio 2005 rinnovano il loro sostegno ad Attac Francia nella sua attiva campagna per il NO al referendum di ratifica della Costituzione Europea. E continueranno a dimostrarlo, intensificando particolarmente la loro partecipazione solidale
alle squadre dei 'Volontari europei degli Attac per il NO'.

Molti Paesi europei sono stati privati di consultazioni democratica su un progetto che riguarda il loro futuro per diversi decenni . Oggi è dalla Francia che è possibile avviare il necessario e salutare dibattito pubblico sulla natura del progetto di società che vogliamo per l'Europa.

Qualunque sarà il risultato del referendum del 29 maggio, è già fin d'ora acquisito che proseguirà in condizioni che hanno già sconvolto i piani iniziali della 'Convenzione sul futuro dell'Europa' e dei dirigenti europei. Il problema se l'Europa deve essere abbandonata al neoliberismo è posto ormai al centro del dibattito pubblico

Il progetto europeo è finalmente messo radicalmente in discussione e continuerà ad esserlo, in particolare nei paesi dove si terranno i referendum di ratifica (Olanda, Lussemburgo, Portogallo, Polonia, forse in Irlanda) e nel 2006 (Gran Bretagna, Repubblica Ceca). Gli Attac d'Europa si mobiliteranno con forza.

Il dibattito si sta sviluppando anche in Germania, malgrado l'assenza di un referendum. Le iniziative pubbliche organizzate per il NO da Attac Germania il 12 maggio, in occasione della ratifica della Costituzione da parte del Bundestag, ne sono state una brillante dimostrazione.

Il NO sostenuto da Attac è un NO altermondialista : un NO autenticamente europeo e internazionalista per una Europa solidale, sociale, pacifica, democratica.

Viviamo un momento storico : il NO all'attuale Trattato per una Costituzione Europea permetterebbe una vera rifondazione del progetto europeo.

Essa potrà realizzarsi solo con la mobilitazione attiva dei movimenti sociali e dei cittadini d'Europa. La rete degli Attac d'Europa dimostra che una vera cooperazione europea, fondata sui valori di solidarietà è in cammino e promuove la costruzione di un'altra Europa agli antipodi di quelle chi ci è proposta oggi.

Subito dopo il 29 maggio gli Attac d'Europa analizzeranno il seguito da dare alle loro iniziative comuni per far fallire questa Costituzione che mette l'Europa in trappola.

Oslo (Havtunet), 15 maggio 2005

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)