Attac Europe sostiene il No alla Costituzione europea

Sostegno europeo alla campagna di Attac Francia per il No

Dichiarazione di Oslo, 15 maggio 2005
20 maggio 2005

I rappresentanti degli Attac d'Europa riuniti a Oslo (Havtunet) il 15 maggio 2005 rinnovano il loro sostegno ad Attac Francia nella sua attiva campagna per il NO al referendum di ratifica della Costituzione Europea. E continueranno a dimostrarlo, intensificando particolarmente la loro partecipazione solidale
alle squadre dei 'Volontari europei degli Attac per il NO'.

Molti Paesi europei sono stati privati di consultazioni democratica su un progetto che riguarda il loro futuro per diversi decenni . Oggi è dalla Francia che è possibile avviare il necessario e salutare dibattito pubblico sulla natura del progetto di società che vogliamo per l'Europa.

Qualunque sarà il risultato del referendum del 29 maggio, è già fin d'ora acquisito che proseguirà in condizioni che hanno già sconvolto i piani iniziali della 'Convenzione sul futuro dell'Europa' e dei dirigenti europei. Il problema se l'Europa deve essere abbandonata al neoliberismo è posto ormai al centro del dibattito pubblico

Il progetto europeo è finalmente messo radicalmente in discussione e continuerà ad esserlo, in particolare nei paesi dove si terranno i referendum di ratifica (Olanda, Lussemburgo, Portogallo, Polonia, forse in Irlanda) e nel 2006 (Gran Bretagna, Repubblica Ceca). Gli Attac d'Europa si mobiliteranno con forza.

Il dibattito si sta sviluppando anche in Germania, malgrado l'assenza di un referendum. Le iniziative pubbliche organizzate per il NO da Attac Germania il 12 maggio, in occasione della ratifica della Costituzione da parte del Bundestag, ne sono state una brillante dimostrazione.

Il NO sostenuto da Attac è un NO altermondialista : un NO autenticamente europeo e internazionalista per una Europa solidale, sociale, pacifica, democratica.

Viviamo un momento storico : il NO all'attuale Trattato per una Costituzione Europea permetterebbe una vera rifondazione del progetto europeo.

Essa potrà realizzarsi solo con la mobilitazione attiva dei movimenti sociali e dei cittadini d'Europa. La rete degli Attac d'Europa dimostra che una vera cooperazione europea, fondata sui valori di solidarietà è in cammino e promuove la costruzione di un'altra Europa agli antipodi di quelle chi ci è proposta oggi.

Subito dopo il 29 maggio gli Attac d'Europa analizzeranno il seguito da dare alle loro iniziative comuni per far fallire questa Costituzione che mette l'Europa in trappola.

Oslo (Havtunet), 15 maggio 2005

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)