Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Venezuela: il chavismo è maggioranza nel paese
    Alle regionali del 15 ottobre disfatta dell’opposizione

    Venezuela: il chavismo è maggioranza nel paese

    Alle destre solo cinque stati contro i diciassette bolivariani
    22 ottobre 2017 - David Lifodi
  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Grande enfasi ha accompagnato nei giorni scorsi la notizia dell’uscita ufficiale dell’Abruzzo dal commissariamento sulla sanità post-sanitopoli. Dall’attuale alla precedente maggioranza quasi una corsa ad accreditarsi i meriti dell’uscita da quello che è stato definito un tunnel. Ma per i cittadini, i malati, i meno abbienti di questa Regione purtroppo non c’è nulla da festeggiare. Perché per loro dal tunnel non c’è nessun uscita, ieri, oggi, e ancora domani e in futuro resta un calvario infinito, un peso enorme quotidiano.
    20 settembre 2016 - Alessio Di Florio

Dopo il 10 aprile l’Italia rilanci l’Europa federale

Presa di posizione della Gioventù Federalista Europea sui programmi elettorali e sul futuro governo per superare la crisi dell'integrazione europea.
8 aprile 2006

Manifestazione dei giovani federalisti durante la convenzione dei cittadini europei di Genova, 3 e 4 dicembre 2005 La Gioventù Federalista Europea ritiene che al centro dell’agenda politica del futuro Governo dovranno esservi delle priorità essenziali per riprendere il ruolo insostituibile che l’Italia ha sempre avuto nel superare le crisi dell’integrazione europea.

Queste priorità sono:
1) una iniziativa forte per il rilancio della Costituzione europea;
2) un impegno a favore di un piano europeo per la crescita e l'occupazione;
3) la scelta di una difesa europea autonoma e per un ruolo dell'Europa nella politica mondiale teso ad affermare un nuovo modello di civiltà per garantire la pace, la solidarietà tra i popoli, un futuro dignitoso ai paesi più poveri del mondo e la sopravvivenza di tutte le specie viventi nell'ambiente naturale che le ospita.

Analizzando i programmi elettorali delle due coalizioni la GFE prende atto con soddisfazione che il programma elettorale dell'Unione ha accolto i punti sopraelencati. In particolare, laddove afferma che l’Italia debba tornare ad essere protagonista del futuro europeo, scrivendo: l'Unione si impegna "a rilanciare il processo costituzionale, lavorando affinché l'Europa si doti di una Costituzione", e si impegna a far rientrare l'Italia nel gruppo di testa dei Paesi più europeistici, a fianco della Germania di Angela Merkel, e a far sì che la Costituzione sia "sottoposta al voto popolare mediante un referendum su scala europea da svolgersi in occasione delle prossime elezioni europee del 2009".

La GFE ricorda e condivide le parole del Presidente della Repubblica Ciampi, in visita di Stato a Berlino lo scorso 28 marzo, a favore dell’approvazione della Costituzione europea, anche senza l’unanimità, e della creazione di avanguardie di Paesi per promuovere politiche europee più integrate.

Nel programma elettorale della Casa delle Libertà non compare alcun impegno in merito alle richieste dei federalisti. Soltanto nel capitolo sui valori (cap. 4) si afferma che "resta cruciale la scelta europeistica e atlantica" e che "la costruzione di un'Europa dei popoli più unita, ispirata all'originale principio di sussidiarietà e con caratteristiche più federali, costituisce un punto fermo" dell'agenda del Governo. Tutto ciò è in contrasto con quanto sostenuto dall’attuale Governo all’interno della Convenzione europea, dove ha contribuito a togliere dalla Costituzione europea ogni riferimento al modello federale e alla pace come valore su cui fondare la politica estera dell'Ue.

L'involuzione nella politica dell'Italia è emersa anche nelle continue polemiche contro l'euro e nelle reiterate richieste di allentare i vincoli del Trattato di Maastricht, quando il vero problema da affrontare è, invece, quello di accompagnare l'unione monetaria con la costituzione di un effettivo governo economico dell'Europa.

La GFE vigilerà con attenzione e indipendenza la politica europea, qualunque sia il futuro Governo dell’Italia, convinta che il futuro del nostro paese non è slegato dal futuro che il Governo saprà costruire per l’Europa. La linea di divisione su cui la GFE giudicherà il prossimo Governo italiano sarà quella indicata da Altiero Spinelli nel Manifesto di Ventotene: è la linea tra chi pone come fine dell’attività politica la conservazione dell’illusorio potere nazionale e tra coloro che pongono come fine lo sviluppo della democrazia europa. Soltanto quest’ultimi saranno capaci, rilanciando il progetto europeo, di dare un futuro di prosperità e pace al nostro paese.

Samuele Pii
Presidente GFE

Massimo Contri
Segretario generale GFE

Milano 6 aprile 2006

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)