Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Oggi i miei studenti hanno detto cose terribili
    Lettera aperta a Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della Pace

    Oggi i miei studenti hanno detto cose terribili

    L'epilogo vergognoso di questa vergognosa guerra richiede a mio parere una netta condanna della Tavola della Pace. A che e' servito marciare da Perugia ad Assisi per ricordare Capitini se poi i ragazzi vedono torturare Gheddafi senza alcuna immediata presa di distanza di Napolitano e della stessa Tavola della Pace? Lo tsunami della "guerra giusta" oggi ha annichilito decenni di impegno di educazione alla pace e non possiamo continuare a fare finta di nulla.
    25 ottobre 2011 - Alessandro Marescotti
  • “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”. (Art. 1. Dichiarazione Universale dei Diritti Umani)

    Una coda colorata lunga venti chilometri.

    Una di queste sere dall’alto dell’autorevolezza di un programma di approfondimento televisivo, non sarà difficile trovare uno dei tanti tuttologi che li definirà illusi o ipocriti. Fatto è che domenica camminando da solo in mezzo al “Popolo della Pace”, mi sono sentito molto meno solo.
    26 settembre 2011 - Ernesto Celestini
  • Intervista sulla Marcia per la Pace Perugia Assisi
    Sette domande ad Alessandro Marescotti

    Intervista sulla Marcia per la Pace Perugia Assisi

    A cura della newsletter "La nonviolenza e' in cammino". La marcia si svolgerà il 25 settembre, per informazioni www.perlapace.it
    20 settembre 2011 - Peppe Sini
  • PeaceLink, a Perugia laboratori didattici per costruire pace, libertà e sviluppo sostenibile
    Diario di un'esperienza

    PeaceLink, a Perugia laboratori didattici per costruire pace, libertà e sviluppo sostenibile

    Prima della Marcia Perugia Assisi alcuni peacelinkers hanno animato degli incontri con studenti provenienti da scuole di varie regioni italiane.
    Alessandro Marescotti

Da Cancun a Perugia per un'Europa di pace

27 agosto 2004 - Nicola Vallinoto
Fonte: Europa - 17 settembre 2004

DA CANCUN A PERUGIA PER UNA EUROPA DI PACE

"WTO: non democratico, non trasparente, antisviluppo ed obsoleto". Sono i testi dei cartelli che 50 attivisti della campagna "Questo mondo non è in vendita" hanno alzato durante la seduta inaugurale del WTO a Cancun. La critica principale rivolta a organismi economici internazionali, come la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale, da parte dei movimenti della società civile mondiale è la mancanza di democrazia e di trasparenza nel processo decisionale. Nel caso del WTO, per esempio, sono sotto accusa le "green room", ovvero incontri ristretti sulle tematiche negoziali solo tra alcuni dei paesi membri. A Cancun l'arroganza dei paesi più ricchi è stata fermata grazie alla coalizione tra i paesi in via di sviluppo, guidata da Brasile, India e Cina, denominata G21, e i paesi poveri del continente africano.

Anche per l'Europa, tuttavia, esiste un problema di deficit democratico. Come ha sottolineato Romano Prodi nel suo intervento al Parlamento europeo del 3 settembre "L'attuale progetto di Costituzione contiene ancora più di 50 decisioni all'unanimità, alcune in settori chiave della vita dell'Unione". Il potere di veto degli stati nazionali resta ancora in materie decisive come la politica estera, la difesa e la fiscalità. In un'Europa con 25 paesi significherà la paralisi totale. Manca la cinghia di trasmissione che lega i cittadini europei, il voto al Parlamento europeo e il governo dell'Unione. Le imponenti manifestazioni per la pace del 15 febbraio ne sono una evidente dimostrazione. Le richieste di pace di gran parte della società civile europea e del Parlamento europeo sono rimasti inascoltati perchè non esiste ancora un governo democratico europeo in grado di tradurre questa volontà in atti politici concreti.

Molti commentatori hanno intravisto nelle dimostrazioni del 15 febbraio la nascita del popolo europeo. Un popolo senza stato. La società civile europea sta reagendo a questa ingiustizia al fine di costruire un'Europa politica capace di parlare con una sola voce in un mondo multipolare per ripristinare la pace, la giustizia e la democrazia internazionale. Ottobre sarà un mese di mobilitazione del popolo europeo: il 4 ottobre a Roma in occasione dell'apertura della Conferenza intergovernativa ci saranno le manifestazioni per un'altra Europa del forum sociale europeo e dei sindacati; e poi dal 9 al 12 ottobre a Perugia la V Assemblea dell'Onu dei Popoli che si concluderà con la Marcia per la Pace Perugia-Assisi. 5 assemblea dell'Onu dei popoli L'Assemblea e la Marcia, organizzate dalla Tavola della Pace e dal Coordinamento degli Enti Locali per la Pace, saranno dedicate all'Europa e al suo ruolo per la pace nel mondo. ll movimento pacifista ha deciso, infatti, di investire sull'Europa come unica alternativa possibile e praticabile all'unilateralismo americano per la costruzione di un mondo diverso basato sulla forza del diritto e non sul diritto alla forza. La Campagna per inserire nella costituzione europea il diritto alla pace e il ripudio della guerra come strumento di risoluzione delle controversie internazionali rappresenta la premessa di una convergenza politica tra il pacifismo e il federalismo.

La resistenza del fronte nazionalista e conservatore potrà essere vinta solo con una grande mobilitazione di tutte le anime del demos europeo a favore dell'Europa federale del Manifesto di Ventotene.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)