Kimbau

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Neroazzurro per l'Africa
    La nuova campagna lanciata da PeaceLink assieme a Gazzetta Mondo, la pagina del mercoledì della Gazzetta del Mezzogiorno

    Neroazzurro per l'Africa

    Nell'aula musi lunghi. Tra il depresso e l'indignato. Ad un certo punto le nostre facce sono cambiate. Compare una bandiera dell'Inter. E' una diapositiva. La bandiera dell'Inter nella foresta del Congo? E che ci fa lì?
    31 gennaio 2006 - Alessandro Marescotti
  • Bruchi arrostiti e fufu
    E-mail dal Congo

    Bruchi arrostiti e fufu

    In questo momento a Kimbau manca il cibo. La dottoressa Chiara Castellani mangia, con gli altri abitanti del villaggio, bruchi arrostiti e fufu, la farina di manioca. Sul sito http://www.kimbau.org/ abbiamo appena inserito "E-mail da Kimbau", un libro elettronico per conoscere la storia di questa missionaria laica che ha deciso di condividere tutto con i "suoi" poveri.
    27 settembre 2005 - Alessandro Marescotti
  • Meno bombe, più container
    La campagna "PeaceLink for Africa"

    Meno bombe, più container

    Da oggi il 50% dei fondi che saranno donati a PeaceLink andranno in Africa. Ti spieghiamo come.
    27 maggio 2005 - Alessandro Marescotti
  • La Croce non solo come simbolo di una Fede ma come simbolo dell'umanità sofferente

    I miei auguri di Pasqua con i poveri del Congo

    La Pasqua sta nell'accettare di portare, e soprattutto di condividere fino in fondo, la Croce, quella nostra o di chi soffre accanto a noi.
    27 marzo 2005 - Chiara Castellani
La dottoressa Chiara Castellani all'Istituto Righi

Dal Congo a Taranto per combattere la mosca tse tse

Per eliminare questa mosca lì si usa una trappola che pare sia molto efficace, cioè una stoffa neroazzurra che la attira.
1 febbraio 2006 - Caterina Sozzo (II A, Corso serale Istituto Righi di Taranto)

Chiara Castellani, Paolo Moro, abbè Yves Kingata, Maria Teresa Tarallo (AIFO Taranto) nell'incontro del 20 gennaio 2006 con il corso serale dell'Istituto Righi di Taranto e i cittadini intervenuti

Venerdì 20 gennaio 2006 abbiamo tenuto un incontro presso il nostro Istituto con la dottoressa Chiara Castellani che ci ha spiegato e fatto visionare le condizioni di vita nella Repubblica Democratica del Congo.

Nelle diapositive che ci ha mostrato si è notato subito quanta povertà c'è e quante persone hanno bisogno dell'aiuto di tutti.

In questa nazione c'è mancanza d'acqua per lavarsi quando da noi la si spreca; infatti lì per procurarsi acqua quando piove usano bicchieri per riuscire a raccoglierla.

Oltre alla mancanza d'acqua, non ci sono medicinali per curare varie malattie e sono carenti i vaccini per i bambini. Mancano i mezzi per far fronte alle emergenze che riguardano le donne che devono partorire.

Oltre a tutti questi problemi che ci sono c'è anche quello della mosca che provoca la malattia del sonno che è causa della morte di migliaia di persone. Per combattere questa mosca lì si usa una trappola che pare sia molto efficace, cioè una stoffa neroazzurra che la attira. Pare che la mosca non resista a questi colori.
Ecco i colori neroazzurri per attirare la mosca tse tse.


Per gli africani questo mezzo è molto importante mentre da noi se ne fa un uso più futile.

Infine il benessere dei paesi ricchi fa dimenticare a tutti noi che ci vuole poco per salvare una vita.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)