Latina

Arrestati in Cile familiari di Desaparecidos

Tomas Hirsch, candidato di Juntos Podemos alle elezioni presidenziali in Cile, arrestato insieme a familiari di Desaparecidos
15 settembre 2005
Anna Polo

Tomas Hirsch manifesta insieme ai familiari dei Desaparacidos.

Il 14 settembre Tomas Hirsch, candidato dell’ampia alleanza di sinistra Juntos Podemos alle prossime elezioni presidenziali cilene, è stato arrestato insieme a militanti di organizzazioni dei diritti umani e familiari di desaparecidos, durante un pacifico sit-in di fronte al Ministero della Giustizia, a Santiago. I manifestanti – una sessantina - protestavano per la riduzione delle pene a militari condannati per violazione dei diritti umani durante la dittatura di Pinochet e per impedire l’approvazione di una “legge di punto finale”, che impedirebbe di fatto di processare chi ha commesso atrocità e torture. I manifestanti vengono dispersi brutalmente dai Carabinieri.
I carabinieri hanno disperso i manifestanti portandoli via con brutalità e bagnandoli con gli idranti. Insieme a Tomas Hirsch sono stati arrestati e portati in commissariato la presidente del Gruppo di familiari di detenuti scomparsi Lorena Pizarro, gli avvocati Julia Urquieta e Hugo Gutiérrez, l’attore di telenovelas Óscar Hernández e José Manuel Guerrero, figlio del professor Manuel Guerriero Ceballos, il cui assassino è stato graziato qualche settimana fa dal presidente Lagos. I manifestanti dispersi con gli idranti.
Mentre veniva caricato su un cellulare, Hirsch ha protestato con i giornalisti presenti per il brutale trattamento subito: “Così viene trattata in Cile la gente che lotta per il rispetto dei diritti umani! Questa è l’impunità promossa dal presidente Lagos, questa è la democrazia bugiarda, che nessuno vuole, in cui chi viola i diritti umani viene protetto! Così si reprimono i familiari! Se io, che sono candidato a presidente, vengo trattato in questo modo, se i dirigenti di organizzazioni dei diritti umani vengono trattati in questo modo, non rimane speranza per il nostro popolo. Eppure noi continueremo a lottare perché in Cile ci sia democrazia, libertà e rispetto dei diritti umani!” Manifestanti rinchiusi nei furgoni dei Carabinieri.

Più tardi, dopo essere stato liberato insieme agli altri arrestati, Hirsch è tornato al monumento a Salvador Allende, davanti al palazzo presidenziale della Moneda. I carabinieri hanno tentato un’altra volta di disperdere i manifestanti e alla fine di lunghe trattative il candidato di Juntos Podemos ha letto un comunicato in cui accusava il Ministro dell’Interno di aver ordinato il suo arresto. Il ministro ha risposto difendendo l’operato dei carabinieri, ma al tempo stesso ordinando un’inchiesta per “determinare se ci sia stato un uso sproporzionato della forza” da parte loro.
Tomas Hirsch si è impegnato a continuare gli sforzi, insieme alle organizzazioni di diritti umani, per evitare l’approvazione di una “ley de punto final”.










Note: Per altre notizie, foto e aggiornamenti: http://www.tomaschirsch.cl

Links ad articoli usciti sull’argomento:

http://www.lasegunda.com/ediciononline/politica/detalle/index.asp?idnoticia=238074

http://www.elmostrador.cl/modulos/noticias/constructor/noticia_new.asp?id_noticia=168811

http://www.cronicadigital.cl/modules.php?name=News&file=article&sid=1691&mode=thread&order=0&thold=0

Articoli correlati

  • Messico: nuovo omicidio di un lottatore sociale
    Latina
    Samir Flores si batteva contro le megaopere del Proyecto Integral Morelos

    Messico: nuovo omicidio di un lottatore sociale

    Giovani giovanissimi si uniscono volontariamente alle brigate che ricercano i desaparecidos
    6 marzo 2019 - David Lifodi
  • Cile: mobilitazione permanente dei mapuche
    Latina
    Indignazione in tutto il paese per l’omicidio del giovane comunero Camilo Catrillanca

    Cile: mobilitazione permanente dei mapuche

    Per protestare contro i carabineros del Comando Jungla, che lo hanno ucciso lo scorso 14 novembre
    28 novembre 2018 - David Lifodi
  • Cile: il caso del machi Celestino Cordova
    Latina

    Cile: il caso del machi Celestino Cordova

    Come il governo cileno non rispetta i diritti umani e le norme internazionali, costringendo un’autorità spirituale mapuche a morire in sciopero della fame
    20 aprile 2018 - Manuel Zani (*)
  • Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?
    Latina
    La provocazione del Servizio penitenziario federale a pochi giorni dal quarantaduesimo anniversario del colpo di stato

    Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?

    A beneficiarne, tra gli altri, ci potrebbero essere Alfredo Astiz, Horacio Martínez Ruiz, Victor Gallo, Jorge “el Tgre” Acosta, Julio Simón e l’ex cappellano militare Cristian Von Wernich
    24 marzo 2018 - David Lifodi

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)