Latina

L'esercito ha tentato di impedire con violenza l'arrivo dei movimenti indigeni a Ibaguè

Colombia: la marcia indigena prosegue nonostante le aggressioni governative

Il 21 Novembre è previsto l’arrivo a Bogotà
16 novembre 2008
David Lifodi
Fonte: www.redcolombia.org - 18 novembre 2008

Prosegue la marcia dei movimenti indigeni e popolari colombiani verso Bogotà per rivendicare i diritti ancestrali sulle proprie terre e protestare contro le politiche repressive del governo Uribe, sempre più legato ai paramilitari. Sulla sua strada però, la Minga de Resistencia Social y Comunitaria, organizzata dal Cric (Consejo Regional Indígena del Cauca), ha trovato ancora una volta le provocazioni governative. Il 13 Novembre (34° giorno di marcia) i movimenti avevano in programma l'arrivo nella città di Ibagué, dove la situazione era già critica per l'attività eruttiva del vulcano Machín. Sfruttando questo fatto, il governo ha colto l'occasione per chiedere alla Minga di modificare il percorso della marcia con il pretesto che le autorità della città non sarebbero state in grado di ricevere l'arrivo della mobilitazione indigena. In realtà Ibagué rappresenta un luogo simbolo dello sfruttamento intensivo e indiscriminato del territorio, "la stessa eruzione del vulcano simboleggia la rivolta della Madre Terra", hanno spiegato gli indigeni in marcia, il cui obiettivo era visitare gli sfollati causati dall'eruzione del Machín. Già il giorno prima dell'arrivo a Ibagué il governo aveva fatto presagire quali sarebbero state le sue intenzioni, trattando i marciatori alla stregua di pericolosi terroristi e minacciandoli di interrompere la manifestazione con la forza tramite l'invio dei Carabineros e dei temibili Escuadrones Móviles Antidisturbios. Inoltre, precisano gli indigeni, "il governo ha preferito investire tutte le sue risorse nell'invio dell'esercito piuttosto che occuparsi della popolazione sfollata a causa dell'eruzione del vulcano Machín". A circa sei chilometri dal centro di Ibagué, le organizzazioni popolari sono state bloccate con violenza dall'esercito colombiano, che ha aggredito i partecipanti alla marcia violando i loro più elementari diritti: alcune persone sono state calpestate dalla Cavalleria dell'esercito, e durante l'attacco non sono state risparmiate donne e minori.
La protesta della Minga, iniziata lo scorso 14 Ottobre, intende arrivare ad ogni costo a Bogotà per protestare contro le fallimentari politiche di "sicurezza democratica" a cui crede fermamente Uribe, che lo scorso anno ha addirittura rifiutato di sottoscrivere la Dichiarazione Universale dei Popoli Indigeni presso le Nazioni Unite.
Purtroppo le provocazioni verso i movimenti indigeni sono ben lontane dall'essere terminate: lunedì 17 la marcia dovrebbe arrivare all'Universidad de Cundinamarca, sede di Fusagasugá, dove il rettore e il sindaco del municipio non sembrano assolutamente intenzionati a ricevere i circa dodicimila partecipanti. Stavolta la motivazione addotta come scusa riguarderebbe i problemi derivanti dall'impossibilità di accogliere ben dodicimila indigeni. "L'università è pubblica, non appartiene né al rettore né al sindaco", hanno scritto in una nota gli studenti, che già hanno organizzato seminari congiunti con i movimenti popolari su sicurezza alimentare e sanità.
Il prossimo 21 novembre la marcia raggiungerà Bogotà, dove si terrà un dibattito con il presidente Uribe, mentre il giorno successivo la Minga parteciperà, sempre nella capitale, al Foro de los Pueblos Indígenas.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos
    Latina
    Il presidente Duque militarizza il paese e utilizza il pugno di ferro

    Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos

    Eppure il levantamiento non si ferma, frutto di una protesta contro le disuguaglianze sociali figlie del duqueuribismo, ma non solo
    4 giugno 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Colombia: terrorismo di stato
    Latina
    Continua la violenta repressione contro le proteste che proseguono dal 28 aprile scorso

    Colombia: terrorismo di stato

    Il nuovo levantamiento era iniziato contro la riforma tributaria imposta, e poi ritirata, dal presidente Duque
    18 maggio 2021 - David Lifodi
  • Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili
    Ecologia
    Gli Stati Uniti e le "comunità da sacrificare".

    Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili

    I nostri pozzi sono così inquinati che ora la nostra tribù deve comprare l'acqua. I popoli nativi convivono con minacce vecchie e nuove del petrolio e del gas che contaminano il suolo, i fiumi, le falde acquifere e l'aria. Ciò accresce la crisi climatica e impatta sulla salute.
    7 gennaio 2021 - Casey Camp-Horinek
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)