Latina

E' il terzo morto in meno due anni presso l'industria Avibrás, nella città di São José dos Campos

Brasile: operaio ucciso per la prolungata inalazione di amianto

Le lobby industriali si sono sempre opposte alla sua messa al bando
31 gennaio 2009
David Lifodi

Ancora un morto per contaminazione con l'amianto in Brasile, nella città di São José dos Campos (stato di San Paolo): è il terzo in meno di due anni. Donizete Gomes de Oliveira, 52 anni, lavoratore di Avibrás, industria aerospaziale operante nel settore della missilistica e della costruzione di razzi, è morto per l'esposizione prolungata all'amianto, durata circa venti anni, il periodo della sua vita lungo il quale ha lavorato in fabbrica.
In passato, gli altri due morti per inalazione di amianto provenivano sempre da Avibrás, che fino ad ora incredibilmente ha scelto di tacere, decidendo di non pronunciarsi di fronte ad episodi così gravi. La morte di Donizete Gomes de Oliveira è avvenuta lo scorso 7 Gennaio, ma il caso è venuto alla ribalta solo recentemente, soprattutto grazie alla denuncia dei sindacati e dell'Abrea (Associação Brasileira dos expostos ao amianto). Organizzazione non governativa sorta nel 1995, Abrea fin dalla sua fondazione si è battuta per denunciare presso i lavoratori e l'opinione pubblica i rischi che corrono coloro che lavorano a stretto contatto con l'amianto, si è impegnata a livello nazionale e internazionale per la sua messa al bando, ha sostenuto le azioni giudiziarie messe in atto dalle famiglie delle vittime, infine si è preoccupata di recuperare quelle zone infestate da industrie che in passato hanno utilizzato l'amianto come materiale per le loro attività. Probabilmente però, nemmeno Abrea sarebbe riuscita a salvare la vita di Gomes de Oliveira: "stiamo seppellendo un operaio vittima di un'esposizione all'amianto risalente ad oltre venti anni fa", ha spiegato una funzionaria del Ministero del Lavoro brasiliano. Lo stesso percorso hanno seguito i due operai deceduti prima di Donizete. Silvan Dias Barrios, 43 anni, è morto nell'aprile 2007 per un cancro ai polmoni, un anno dopo anche Nivaldo da Silva, 50 anni, si è dovuto arrendere dopo essersi sottoposto ad un intervento chirurgico che lo aveva lasciato con delle menomazioni fisiche. Tutti e tre hanno lottato diversi anni prima di essere sopraffatti dalla malattia, ma il direttore di Abrea Luiz Carlo Gomes denuncia che altri sessanta lavoratori di São José dos Campos potrebbero essere contaminati. Utilizzato, nel caso di Avibrás, per rivestire i razzi, l'amianto è proibito per legge in tutto lo stato di San Paolo dallo scorso anno per merito del Tribunale Supremo Federale, che se ne è fatto garante tramite l'approvazione della legge 12684/07, ma i suoi effetti si materializzano anche 35 anni dopo la contaminazione, come è successo nel caso dei due colleghi di Donizete Gomes de Oliveira. Nonostante l'impegno dei sindacati per la proibizione dell'amianto in Brasile, questo micidiale materiale continua a circolare liberamente in tutto il paese, molte industrie insistono nel farne uso e i loro padroni raramente intendono concedere un adeguato indennizzo alle famiglie delle vittime, questo perché è in gioco un mercato bilionario. Il Brasile esporta il 60% della produzione di amianto, i principali acquirenti sono India, Thailandia, Messico, Colombia, Indonesia ed Emirati Arabi: la città di Minaçu (stato di Goiania) ospita la terza maggior miniera del mondo, Canabrava (la cui attività estrattiva è portata avanti dall'impresa mineraria Sama, del gruppo Eternit) e muove un mercato di due bilioni di reais. Definita cancerogena dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, questa sostanza è stata abolita in ben 49 paesi, inclusi tutti quelli dell'Unione Europea, ma sopravvive ampiamente in Brasile, uno dei cinque maggiori produttori mondiali insieme a Russia, Cina, Kazakistan e Canada: il Congresso brasiliano ha più volte cercato di vietare o quantomeno controllare l'utilizzo e la diffusione dell'amianto, ma è sempre stato costretto a scontrarsi con le potenti lobby industriali presenti nel paese.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Di gratis c'è solo acqua sporca
    Ecologia
    Sulla mancanza di acqua potabile in Kenya

    Di gratis c'è solo acqua sporca

    Oggi il lago Vittoria è una torbida brodaglia. In Kenya chi ha bisogno di acqua pulita, è costretto a depurarla o ad acquistarla. Soltanto in pochi possono pagarla
    3 ottobre 2020 - Ilona Eveleens
  • Sandro ci mancherai
    Taranto Sociale
    Perdiamo una delle sue persone più buone che ci ha accompagnato in questi anni

    Sandro ci mancherai

    Sorridente e scoppiettante come pochi, sapeva rendere colorate e leggere le manifestazioni che facevamo assieme per combattere l'inquinamento a Taranto
    8 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Brasile: i militari saranno impiegati in conflitti con i paesi vicini
    Latina
    "Per difendere gli interessi strategici del paese"

    Brasile: i militari saranno impiegati in conflitti con i paesi vicini

    Si tratta di una provocazione contro i paesi aderenti all’Alba. Ne ha dato notizia il quotidiano Brasil de Fato
    4 settembre 2020 - David Lifodi
  • "L'onda nera nel Lambro"
    Cultura
    Recensione del libro di inchiesta di Marco Fraceti

    "L'onda nera nel Lambro"

    Il caso Lombarda Petroli e lo sversamento di idrocarburi del 2010 nel fiume Lambro. Prefazione di Vittorio Agnoletto. Mimesis Edizioni, collana Eterotopie.
    15 agosto 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)