Latina

Il Mst lancia una campagna per la loro immediata scarcerazione

Brasile: militanti sem terra aggrediti, torturati e arrestati

Impuniti gli uomini incappucciati responsabili dell'attacco
27 maggio 2009
David Lifodi

La criminalizzazione nei confronti del Movimento Sem Terra, che negli ultimi mesi ha avuto una pericolosa quanto preoccupante accelerazione, non accenna a diminuire, al pari di una persecuzione giudiziaria senza precedenti.
L'ultimo episodio è storia di questi giorni: due militanti senza terra sono detenuti a Campina Grande (Paraíba) dallo scorso 1 Maggio con accuse inverosimili, ma su cui la giudice Adriana Maranhão Silva ha costruito un teorema che per il momento li inchioda al carcere.
I fatti. Il 1 maggio un gruppo di sessanta famiglie sem terra dello stato di Paraíba aveva edificato un accampamento nel municipio di Pocinhos nei pressi della fazenda Cabeça de Boi, 700 ettari improduttivi dichiarati dal Governo Federale nel Dicembre 2008 come area di interesse sociale ai fini della Riforma Agraria. Poco dopo essersi accampate, le famiglie dell'Mst sono state sottoposte al fuoco incrociato ad opera di un gruppo di uomini incappucciati: durante l'aggressione di questo squadrone paramilitare (inviato probabilmente dalla proprietaria della fazenda Maria do Rosário Magno Cavalcante), sette militanti del movimento sono stati catturati e torturati, i loro abiti imbevuti di benzina e per finire ripetutamente minacciati di essere bruciati vivi. Ancora più grave il comportamento della polizia, che al suo arrivo ha arrestato i sette senza terra conducendoli in prigione. Inoltre, l'aggressione subita dai Sem Terra è stata letteralmente rovesciata in tribunale: la detenzione illegale di armi da fuoco, la sparatoria e l'accusa di tentato incendio sono state notificate come accuse a carico dei componenti dell'Mst. Dei sette arrestati cinque sono stati liberati il giorno successivo, ma due (Osvaldo Soares Meira e Nilton Tavares de Araújo) continuano a rimanere in prigione da quasi un mese: sono innocenti, ma devono affrontare un vero e proprio accanimento giudiziario nei loro confronti, teso a dimostrare che il Mst è un gruppo violento. Gli avvocati dei senza terra hanno chiesto la revoca degli arresti lo scorso 19 maggio, ma non hanno ricevuto risposta. E' per questo motivo che il Movimento Sem Terra ha fatto appello alle associazioni che si occupano della difesa e della tutela dei diritti umani per portarle a conoscenza del caso e coinvolgendo nella mobilitazione, tra gli altri, la Cut (Central Única dos Trabalhadores) dello stato di Paraíba, il Centro de Defesa dos Direitos Humanos Dom Oscar Romero fino alla Commissione dei Diritti Umani istituita presso la Camera dei Deputati. Le stesse modalità di accusa nei confronti di Osvaldo Soares Meira e Nilton Tavares de Araújo e degli altri arrestati presentano molti lati oscuri, a partire dall'iniziale divieto per gli arrestati di mettersi in contatto con i loro familiari e con i loro avvocati. Nelle prime ore dell'arresto i sette sem terra sono stati letteralmente fatti sparire alla maniera dei desaparecidos. Nebulose anche le circostanze che hanno spinto la giudice Adriana Maranhão Silva a rilasciare cinque arrestati e a costringere al carcere gli altri due, definiti una costante minaccia per l'ordine pubblico. E ancora: sembra che accanto allo squadrone paramilitare di uomini incappucciati fosse presente il fratello della proprietaria della fazenda Constâncio Magno Cavalcante, mentre le armi che l'accusa sostiene essere appartenenti ai sem terra siano in realtà di proprietà dello stesso Constâncio, che le avrebbe utilizzate durante la spedizione punitiva nei confronti dell'accampamento.
Nonostante queste prove mettano ampiamente in chiaro chi è stato l'aggredito e chi l'aggressore la giudice Adriana Maranhão Silva non intende smontare il suo teorema accusatorio e per questo motivo il Mst ha lanciato una campagna per l'invio di fax, in cui si richiede la scarcerazione immediata dei loro compagni a questo indirizzo:

Juiza Adriana Maranhão Silva (Juiz de Direito de 1a. Entrância).
Juiz Titular - Vara Única - Pocinhos 1ª Entrância
Rua Cônego João Coutinho Centro 58150-000
Fórum Des. Luiz Sílvio Ramalho Júnior
Fone/fax: (83)33841135
Processo – 054.2009.000288-9

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Anguillara Veneta: la cittadinanza onoraria a Bolsonaro è un insulto ai più deboli
    Latina
    Il discusso tour del Messia Nero in Italia ha suscitato indignazione e polemiche

    Anguillara Veneta: la cittadinanza onoraria a Bolsonaro è un insulto ai più deboli

    In patria il presidente brasiliano è accusato di aver commesso “crimini contro l’umanità” per la gestione della pandemia
    3 novembre 2021 - David Lifodi
  • Brasile: le cucine comunitarie dei Sem terra
    Latina
    Per garantire alle fasce sociali più povere almeno due pasti al giorno

    Brasile: le cucine comunitarie dei Sem terra

    Insieme ai movimenti per il diritto all’abitare è stato promosso in molte città un programma per sfamare le famiglie più indigenti
    18 ottobre 2021 - David Lifodi
  • “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”
    Sociale
    Sabato 9 ottobre alle ore 11 a Roma in piazza Santi Apostoli presidio del comitato 9 Ottobre

    “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”

    Presidio convocato dai parenti delle vittime di stragi come Vajont, Viareggio, ponte Morandi, Moby Prince e anche dai familiari dei morti sul lavoro e da tutte le associazioni che li sostengono. La Giornata nazionale è stata istituita sul ricordo della strage del Vajont del 9 ottobre 1963.
    9 ottobre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)