Latina

Da Haiti. Cronache sul filo del web e della radio

Dal sito "Radiopassioni" un articolo molto dettagliato su quanto della tragedia di Haiti riesce ad arrivare attraverso difficili percorsi radiofonici e della Rete.
15 gennaio 2010

Leggo dal blog "Radiopassioni" di Andrea Lawendel, giornalista attivo in campo radio e sociale, Per saperne di più su Haiti, con e senza radio: un articolo molto dettagliato su quanto della tragedia di Haiti riesce ad arrivare attraverso difficili percorsi radiofonici e della Rete. Le emittenti locali haitiane sono tuttora tra i pochi ponti informativi capaci di portare all'esterno - anche grazie al mix di broadcast e di web - notizie, voci dai sopravvissuti, immagini anche agghiaccianti di una realtà che sicuramente conosciamo ancora solo in piccola parte.
Tra queste emittenti locali Andrea cita in particolare Radio Metropole, attivatasi già da subito e in modo molto efficace. 

Su un altro fronte si sposta poi l'analisi di Andrea. Parlando di radio non si può non citare l'opera sempre essenziale dei radioamatori che però nello specifico frangente è al momento assai limitata. Manca l'elettricità, mancano gli stessi operatori in grado di trasmettere, e soprattutto rimane difficile un coordinamento per i soccorsi. Si apprende intanto che un supporto per le comunicazioni avverrà sulle frequenze di 3720, 7045, 14265 e 14300 KHz sulle onde corte, che la comunità radioamatoriale raccomanda di mantenere libere per non intralciarne l'operatività, mentre nel servizio di Echolink, il VoIP radioamatoriale, potrebbe essere utile l'ascolto sul canale 278173 che dovrebbe ripeterne il traffico. Intanto un radioamatore dalla confinante Repubblica Dominicana, Cesar Pio Santos (HR2P), sta cercando di raggiungere l'area disastrata con apparecchiature adatte ai contatti d'emergenza.


Fin qui, i numeri. Indicazioni utili per conoscere e approfondire. Rimane lo sgomento e lo sconvolgimento interiore per un avvenimento catastrofico e improvviso. Certo: grazie alle tecnologie ci accorgiamo ancor più che "il mondo è piccolo"; rimane da capire se il pensiero che alberga nei nostri cuori sia effetto di un'onda emotiva o se giunga dalla consapevolezza che, se il mondo è piccolo, tutto ciò che avviene, a qualsiasi latitudine, diventa parte della nostra vita e del nostro sentirci "cittadini insieme" in questo pianeta mai sazio di fragilità e di dolore.

Se fosse così, avremmo raggiunto una maturità nel nostro pensiero e nel nostro essere. Maturità sempre più necessaria per andare di pari passo con le possibilità che il progresso ci dona.

Radio Metropole è già nostra vecchia conoscenza: la propria giornalista Nancy Roc, che produce tuttora la rubrica Metropolis, nel 2003 ricevette in Italia il premio UNESCO/FLIP per i diritti umani e ad assegnare il premio fummo invitati proprio noi (qui il programma e qui un commento personale).

Articoli correlati

  • Mafie in Abruzzo, il ventre oscuro dei colletti bianchi. Mentre la politica smarrisce spesso la polis …
    PeaceLink Abruzzo

    Mafie in Abruzzo, il ventre oscuro dei colletti bianchi. Mentre la politica smarrisce spesso la polis …

    Queste pagine, così come i precedenti capitoli, vengono dedicate alla memoria di Guido Conti, che quasi tutta la sua vita ha dedicato a combattere gli avvelenatori della nostra Regione a quasi un anno dalla sua tragica morte, Roberto Mancini, il cui esempio e la cui memoria sono fari per chi denuncia e lotta le eco camorre e i colletti bianchi che devastano l’ambiente e la salute, e Michele Liguori, la cui famiglia finalmente in queste settimane ha visto riconosciuto che è morto “vittima del dovere”.
    30 ottobre 2018 - Alessio Di Florio
  • Messico: la società civile resiste e si auto-organizza di fronte al terremoto
    Latina
    La gestione governativa dell'emergenza è rivolta esclusivamente a fare affari con le imprese interessate alla ricostruzione

    Messico: la società civile resiste e si auto-organizza di fronte al terremoto

    I messicani provano a riprendere in mano un paese sull'orlo del collasso politico ed economico
    25 settembre 2017 - David Lifodi
  • Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia
    PeaceLink Abruzzo

    Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia

    Nel novembre 2009, grazie all’associazione Kabawil e all’Abruzzo Social Forum, Hebe de Bonafini a nome delle Madres de Plaza de Mayo incontrò i familiari delle vittime della Casa dello Studente. Le Madres hanno insegnato al mondo che memoria fa rima con giustizia, che non c’è vera memoria senza giustizia. E’ quel che hanno testimoniato nell’Argentina post dittatura. E’ quello che, nell’infinita notte mai giunta all’alba e rimasta ferma alle 3.32 del 6 aprile 2009, che L’Aquila, l’Abruzzo e tutti i territori teatri di “tragedie” impongono.
    6 aprile 2017 - Alessio Di Florio
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca
    Editoriale

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)