Latina

Una sua partecipata fornì al regime i nomi dei lavoratori ostili a Pinochet

Cile: il gruppo Angelini-Matte collaborò con la dittatura

La mattanza passò alla storia come “los 19 fusilados de Laja"
20 gennaio 2012
David Lifodi

Tra i regimi militari ed i grandi potentati economici (imprese, multinazionali dell’agrobusiness, grandi industrie) c’è sempre stato un certo feeling: questa teoria è confermata una volta di più dalla scoperta del Centro de Investigación e Información Periodística de Chile (Ciper), che svela dettagli inediti sul caso dei diciannove fusilados de Laja.

Laja è una piccola cittadina che si trova nella regione del Bio Bio, a circa 500 chilometri dalla capitale Santiago, nel sud del paese. E’ trascorsa solo una settimana dal golpe dell’11 Settembre 1973, che portò Pinochet alla Moneda, ma i suoi effetti nefasti sono arrivati in breve anche nelle regioni più lontane dai palazzi del potere. A Laja e San Rosendo si trova la sede della Compañía Manufacturera de Papeles y Cartones de Chile (Cmpc). Si tratta di un’azienda dedita alla produzione e alla lavorazione della carta, ma è controllata dal gruppo Angelini-Matte, padrone del mercato forestale cileno, fortemente ostile ai mapuche e inserito dalla rivista Forbes tra i colossi dell’economia mondiale. Inoltre, Angelini-Matte detiene la maggioranza di Bosques Arauco, l'impresa forestale più grande del Cile, e può contare su una potenza di fuoco tale da influenzare l'opinione pubblica. Strettamente legati al presidente Piñera, tanto da finanziare con cifre da capogiro la sua campagna elettorale conclusasi con la presa della Moneda, quelli di Angelini-Matte cercarono più volte di espugnare le fabbriche durante las tomas degli anni 1970-1973, sotto il governo di Salvador Allende. Non c’è dunque da sorprendersi per le rivelazioni del Ciper: i fucilati di Laja erano in gran parte lavoratori della Compañía Manufacturera de Papeles y Cartones de Chile, che aiutò i carabineros pinochettisti a sbarazzarsi dei loro stessi dipendenti colpevoli di non appoggiare il regime. Il 18 Ottobre 1973 furono fucilati 14 lavoratori della Compagnia, più 2 docenti e 3 studenti. A dare l’ordine di esecuzione il tenente Alberto Fernández Michell, che insieme ai suoi sottoposti portò i prigionieri in un bosco: subito dopo la fucilazione, fatto ancora più odioso, i cadaveri furono seppelliti in un fosso. Tra i responsabili del massacro non figurano solo gli autori materiali, ma anche i mandanti. Due dirigenti di primo piano della Cmpc, Carlos Ferrer e Humberto Garrido, avevano stilato una lista nera in cui erano stati identificati i lavoratori della Compagnia ritenuti ostili alla dittatura. L’elenco con i nominativi da arrestare ed eliminare fu consegnata ai carabineros, che utilizzarono un autobus fornito dalla stessa Compañía Manufacturera per deportare i prigionieri. La vergogna di Laja e San Rosendo sembrava aver ottenuto giustizia nell’Agosto 2011, quando il giudice Carlos Aldana aveva ordinato l’arresto e la carcerazione per i responsabili della mattanza ancora in vita (tre sono già morti), ma anche in questo caso non è stata resa giustizia alle vittime e ai loro familiari. Per tutti, pochi giorni dopo, è arrivata la libertà provvisoria grazie al pagamento di una cauzione tra i duecento e i seicento dollari. Alicia Lira, presidente dell’Asociación de Familiares de Ejecutados Políticos (Afep) ha deplorato il clima di impunità che protegge ancora oggi gli assassini di Laja, ma purtroppo non si tratta dell’unico caso in cui imprese e grandi aziende hanno appoggiato attivamente un regime militare. Rimanendo sempre nel Cono Sur, basta spostarci in Argentina per raccontare un episodio analogo. In questo caso la cattiva di turno è la casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz, legata a doppio filo con Videla e compagni al pari della Cmpc e del gruppo Angelini-Matte con Pinochet. Ancora oggi è in corso un processo negli Stati Uniti contro Mercedes-Benz ad opera dei familiari dei desaparecidos che erano impiegati presso la stessa casa automobilistica. Tra il 1976 ed il 1977, nel pieno della guerra sucia, i dirigenti della Mercedes fornirono al regime una lista di lavoratori ritenuti sovversivi per aver promosso degli scioperi volti a paralizzare la produzione di automobili: tra i primi a sparire furono sindacalisti e militanti.

Per i desaparecidos traditi dai capetti della Mercedes-Benz e dai dirigenti della della Compañía Manufacturera de Papeles y Cartones de Chile si tratta di crimini di lesa umanità che non dovrebbero cadere in prescrizione e nemmeno essere amnistiati, ma di fatto i responsabili in buona parte dei casi finiscono per farla franca: lo stesso gruppo Angelini-Matte, considerato una rispettabile potenza economica, continua a fare affari in campo finanziario, minerario, assicurativo e commerciale senza che nessuno ricordi mai il suo ingombrante (e poco dignitoso) passato.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Il Cile abolisce il pinochettismo
    Latina
    Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

    Il Cile abolisce il pinochettismo

    A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
    26 ottobre 2020 - David Lifodi
  • Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta
    Latina
    Il 2 ottobre un militare ha fatto cadere dal Puente Pío Nono di Santiago un sedicenne

    Cile: i carabineros sono quelli degli anni Settanta

    Non si contano più gli episodi di violenza di cui si sono resi protagonisti gli agenti
    12 ottobre 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)