Latina

Cile:Pinochet agli arresti domiciliari

La sua "Gladio" alla sbarra per sequestri e omicidi
13 dicembre 2004
Fonte: L' Unità on line

Sarà processato. A nulla sono valsi le centinaia di certificati medici, coi quali l’ex dittatore cileno ha provato a sottrarsi alla giustizia. Il giudice Juan Guzman ha stabilito che Augusto Pinochet dovrà rispondere in un’aula di tribunale per il suo presunto coinvolgimento nel cosiddetto Piano Condor. Nell’attesa del processo l’ex dittatore dovrà restare agli arresti domiciliari.

Il giudice Guzman ha precisato che l'ex dittatore è accusato di essere il mandante di nove sequestri di desaparecidos e dell'omicidio del militante comunista Ruiter Correa Arce . Cos’è il Piano Condor? Si tratta di un progetto, pianificato dai governi, meglio: dalle dittature sudamericane, per eliminare, fisicamente, le opposizioni di sinistra.

La decisione, Guzman l’ha presa dopo oltre due mesi di riflessioni. Riflessioni – le ha definite lui stesso così – impostegli dalle condizioni mediche del quasi novantenne (ne ha 89 di anni, per l’esattezza) imputato. Ancora pochi giorni fa, uno dei più prestigiosi studi medici di Santiago aveva ribadito che Pinochet non è in grado di affrontare un processo. Nonostante questi, Guzman ha optato per gli arresti domiciliari e èer il processo.

Immediatamente, la notizia ha fatto il giro del paese, suscitando entusiasmo tra i familiari dei 'esaparecidos ed i loro legali, che si sono dati appuntamento davanti al tribunale. «Tutto questo significa il coronamento di un lavoro di molti anni, perchè il Piano Condor è stato senz'altro il caso più emblematico per le sue implicazioni internazionali della chiara impronta di Pinochet in tutti questi crimini», ha assicurato l'avvocato Eduardo Contreras, uno dei vari legali che hanno seguito la vicenda.

Col nome in codice Piano Condor viene chiamato il coordinamento delle operazioni dei servizi segreti dei regimi militari del Cono Sud negli Anni 70, in cui la Dina, la polizia segreta di Pinochet, ebbe un ruolo di protagonista. Secondo il Rapporto Rettig, stilato da una commissione avallata dal governo cileno, ad esso parteciparono, oltre al Cile, anche Argentina, Uruguay, Brasile, Paraguay e Bolivia. A Pinochet in particolare vengono attribuite responsabilità nella scomparsa di 19 cileni. Per questi casi Guzman ha interrogato l'ex dittatore nella sua casa di La Dehesa il 25 settembre scorso, dopo che, in luglio, la Corte suprema, con 9 voti favorevoli e 8 contrari, aveva ratificato una risoluzione della Corte d'Appello che gli aveva revocato l'immunità di cui usufruiva.

Articoli correlati

  • Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile
    Latina
    Carabineros e Patria y Libertad dietro alla morte dei due italiani durante il golpe ad Allende

    Omicidi di Montiglio e Venturelli: l’Italia chiede tre estradizioni al Cile

    Estradizione per Rafael Francisco Ahumada Valderrama, Manuel Vasquez Chahuan e Orlando Moreno Basquez, tre militari della dittatura pinochettista. Sono accusati dalla Procura di Roma di essere i responsabili della morte di Montiglio e Venturelli, di origine italiana
    25 agosto 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
  • Il Cile abolisce il pinochettismo
    Latina
    Amnesty International aveva denunciato innumerevoli violazioni dei diritti umani

    Il Cile abolisce il pinochettismo

    A larghissima maggioranza i cileni hanno votato per una nuova Costituzione che sostituirà quella varata dal regime militare nel 1980. Ora spetterà all’Assemblea Costituente, entro un periodo di 12 mesi, presentare la proposta per una nuova Costituzione.
    26 ottobre 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)