Latina

Venezuela: Chavez accusa gli Stati Uniti di essere dietro all’arresto del ribelle Granada

25 gennaio 2005
Fonte: Agence France-Presse

CARACAS - Migliaia di dimostranti hanno sostenuto il presidente Hugo Chavez, che ha accusato gli Stati Uniti e i funzionari Colombiani di stare provocando una crisi diplomatica fra i due vicini Caraibici.

"So da dove viene questa provocazione: da Washington, non da Bogota!" ha detto Chavez di fronte ad una folla di sostenitori che lo acclamavano.

Domenica scorsa, Chavez ha detto che gli Stati Uniti sono dietro all'arresto da parte della Colombia, in territorio Venezuelano, di un ribelle Colombiano, un fatto che potrebbe innescare una nuova crisi diplomatica con Bogota.

Un comandante delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC), Rodrigo Granada, era stato arrestato a Caracas il 13 Dicembre 2004, cosa che aveva già scatenato una crisi diplomatica.

"Questa cosa riguardante Granada non è stata progettata da Bogota," ha detto Chavez.

Chavez ha inoltre criticato la sua controparte, il presidente Colombiano Alvaro Uribe, per "non avere un minuto di tempo” per rispondere alle accuse portate da Chavez.

La scorsa settimana, Chavez aveva richiesto una spiegazione e aveva detto di essere intenzionato a congelare il commercio che intercorre fra i due paesi, che sono legati da un accordo di libero scambio. Domenica, ha minacciato di congelare i progetti bilaterali.

"Spetta al governo Colombiano di ammettere il proprio errore," ha detto Chavez alla folla di sostenitori.

Chavez ha ripetuto la minaccia di cancellare parecchi progetti infrastrutturali bilaterali .

"Non sono intenzionato ad avere rapporti aperti e franchi con un governo che non riconosce l'errore commesso da un gruppo di suoi funzionari.

"Ho ordinato che parecchi progetti vengano annullati: il ponte internazionale, le condutture petrolifere e le autostrade binazionali.

"Il commercio bilaterale cadrà ad un livello minimo," ha detto Chavez alla folla.

I dimostranti pro-governativi hanno richiesto il rispetto della sovranità Venezuelana camminando per molti chilometri attraverso la capitale e hanno contestato il ruolo giocato dagli Stati Uniti nella cattura del leader ribelle.

Il Vice Presidente Jose Vicente Rangel ha detto che la marcia ha avuto lo scopo di sostenere l'integrazione economica del Venezuela e della Colombia "di fronte alle manovre di Washington e della oligarchia Colombiana, che è favorita dal governo di Uribe."

Ha detto che Washington esibisce "un intenzionale comportamento aggressivo verso il Venezuela," facendo riferimento ad un documento del Dipartimento di Stato Americano che critica Caracas per il polverone diplomatico sollevato.

La nuova Segretaria di Stato Condoleezza Rice ha espresso il suo appoggio per la Colombia nella questione e Martedì ha detto che Chavez è "una forza negativa" nella regione.

Il presidente dell'Assemblea Nazionale del Venezuela, Nicolas Maduro, ha dichiarato Sabato che la Casa Bianca è dietro al conflitto armato in Colombia e ha collegato gli Stati Uniti ad un piano su scala internazionale avente lo scopo di isolare Chavez nella regione.

I due paesi hanno avuto relazioni polemiche e una disputa che è ribollita a lungo su di una questione di confine che potrebbe determinare l’accesso ai campi petroliferi.

Note: Tradotto da Melektro per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando le fonti, l'autore e il traduttore.

Articoli correlati

  • Quando cade un tabù: una democrazia può commettere crimini di guerra?
    Editoriale
    L'arresto richiesto dal presidente della Corte Penale Internazionale del premier Netanyahu

    Quando cade un tabù: una democrazia può commettere crimini di guerra?

    La reazione indignata del primo ministro israeliano Netanyahu, che ha respinto con veemenza il paragone tra lo "Stato democratico di Israele" e Hamas, tocca la diffusa convinzione che una nazione considerata "democratica" sia immune dall'accusa di crimini contro l'umanità. Il caso di David McBride
    22 maggio 2024 - Alessandro Marescotti
  • La nostra solidarietà ai giovani americani
    Editoriale
    Protestano pacificamente contro il sostegno militare Usa all'esercito israeliano

    La nostra solidarietà ai giovani americani

    Chiedono un cambiamento significativo nella politica di Biden verso Israele ma ottengono pallottole e arresti. Catherine Elias - leader della protesta - dice: "Siamo nel Paese che non solo finanzia, ma produce e crea anche la maggior parte delle bombe che vengono lanciate su Gaza".
    26 aprile 2024 - Redazione PeaceLink
  • "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"
    Economia
    Intervista a Jeffrey Sachs sulla guerra in Ucraina, la Nato, l'Europa, gli USA e la Cina

    "La Cina è un affronto all'idea egemonica degli Stati Uniti"

    "Gli Stati Uniti hanno chiamato il primo ministro Meloni e hanno detto di uscire dalla Via della Seta. Pensate che abbia avuto da sola quell’idea? L'idea statunitense è che nessuno debba rivaleggiare con la potenza degli USA. Dovremmo invece puntare a costruire un mondo multipolare e cooperativo".
    6 febbraio 2024 - Jeffrey Sachs
  • Colombia: gli omicidi mirati non si fermano
    Latina
    Nel 2023 sono stati compiuti 93 massacri e circa 200 i lottatori sociali assassinati.

    Colombia: gli omicidi mirati non si fermano

    La pace totale resta un obiettivo difficile da raggiungere di fronte alla forza dell’oligarchia, delle transnazionali e delle milizie paramilitari di estrema destra.
    30 gennaio 2024 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)