MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Gli indovinelli mediatici del "Corriere"

    I media parlano di "armi di distruzione di massa" ma lasciano intendere tra le righe che non ci credono neppure loro.
    19 marzo 2003 - Carlo Gubitosa

    Che razza di mondo e' quello in cui viviamo? I nonviolenti, descritti come pusillanimi complici delle dittature, sfidano i bulldozer con un megafono e sono pronti a scommettere la propria vita sul briciolo di umanita' che immaginano ancora presente in chi sta per ucciderli. Rachel Corey quella scommessa l'ha persa, e domani i suoi amici dell'International Solidarity Movement verranno ancora una volta insultati e dipinti come "amici dei kamikaze", "pacifisti a senso unico" e "antisemiti", mentre cercano solamente di occupare quei metri di terra che separano un bulldozer dalla vita e dagli affetti di famiglie gia' mutilate nel corpo e nell'anima. E tutto questo avviene mentre gli apparati militari, descritti come coraggiosi liberatori di popoli oppressi, non se la sentono di mandare a terra i loro uomini e preferiscono difendere i diritti umani da diecimila metri di quota, per avere la certezza di riportare a casa "i nostri ragazzi" senza nemmeno un graffio.

    Che razza di mondo e' quello in cui viviamo? Oggi [18 marzo, ndr] il "Corriere della Sera" pubblica in prima pagina una bella cartina dell'Iraq, decorata con aeroplanini, omini e barchette che indicano le forze militari presenti sul territorio: tre basi usa con bombardieri B-1 in Oman, cinque portaerei nel Golfo Persico, due nel Mar Mediterraneo e migliaia di soldati in Turchia, Arabia Saudita, Gibuti, Kuwait, Emirati Arabi, Quatar e Bahrain. In un piccolo riquadro, intitolato "le forze irachene", scopriamo tutta la potenza del terribile esercito di Saddam Hussein: un esercito tra i 350 mila e il 425 mila soldati, che in base al principio di "dieci uomini in logistica per uno in battaglia" corrisponde a un massimo di 40/50 mila combattenti, e a questi vanno aggiunti circa 50 mila uomini della guardia repubblicana, 2.200/2.600 carri armati e circa 300 aerei da combattimento. Punto.
    Come nei giochi di enigmistica dove si deve scovare l'errore in una illustrazione, anche quella cartina/risiko contiene un particolare mancante. Dove sono le armi di distruzione di massa? Dove sono le boccette di antrace sventolate da Powell, le bombe atomiche denunciate da Condoleeza Rice, le armi chimiche, i missili balistici, i satelliti laser e l'alabarda spaziale?

    Possiamo annoverare delle armi di distruzione di massa nell'arsenale dell'Iraq? Se si', perche' il Corriere della Sera non le elenca tra le dotazioni dei "cattivi"? Se la risposta e' no, come mai l'autorevole quotidiano italiano non ha chiaramente spiegato ai suoi lettori che la questione del disarmo iracheno e' solamente un pretesto per una aggressione militare che non ha niente da invidiare all'invasione tedesca della Polonia? Come mai si lascia intuire questa agghiacciante verita' solo ai "solutori piu' che abili", in grado di svelare gli enigmi mediatici del "Corrierone" scovando le informazioni non scritte sulle cartine? Perche' nessuno si e' chiesto come mai Colin Powell e' stato autorizzato a sventolare una boccetta di Antrace alle Nazioni Unite senza maschere, tute protettive o protezioni di alcun genere, rischiando la sua vita e quella di altre persone? Se quella boccetta fosse sfuggita di mano cadendo al suolo, avremmo assistito a una strage di tutti i delegati del consiglio di sicurezza dell'Onu oppure allo smascheramento dell'ennesima farsa mediatica orchestrata dai teorici dell'"information warfare"?
    "Basta questa per sterminare tutto il Senato Usa", ha detto il freddo Colin agitando la sua boccetta, e non so se ha detto la verita', ma so che quella boccetta, qualunque fosse il suo contenuto, sara' sufficiente a sterminare migliaia di vittime civili in Iraq.

    Ron Paul, parlamentare Usa repubblicano eletto in Texas, ha rivolto al suo governo alcune domande scomode: "non è vero che il motivo per il quale non bombardammo l’Unione Sovietica al culmine della Guerra Fredda era che sapevamo che poteva reagire? Non è vero anche che adesso siamo disposti a bombardare l’Iraq perché sappiamo che non può reagire - il che conferma che non esiste nessuna minaccia reale?"

    Insomma, si chiede Paul, perche' facciamo finta di combattere delle armi di sterminio di cui conosciamo perfettamente l'inesistenza? Perche' anche i nostri esperti, i nostri politici e i nostri editorialisti si prestano a questa farsa colossale, mentre la realta' di morte che stiamo per creare con la nostra complicita' sara' ben diversa dalla finzione che stiamo assecondando? Che razza di mondo, mio dio, e' quello in cui viviamo?
    Che razza di mondo e' quello in cui viviamo, dove si confonde la guerra con la pace, la sicurezza con il sicuritarismo, la giustizia con i giustizieri, i pacifisti con i terroristi, i nonviolenti con i kamikaze, la legalita' con l'arbitrio, il dissenso con l'antiamericanismo, la democrazia con la legge del piu' forte, il diritto internazionale con la "realpolitik", le armi della pace con la pace delle armi?

    Torno a casa e assisto all'ennesima farsa. Dopo aver sentito parlare per giorni della "temibile minaccia irachena", a poche ore dall'ultimatum sul teatrino del piccolo schermo si comincia a parlare di "guerre lampo" da chiudere in fretta con poche "bombe intelligenti". Come si fa a chiudere in fretta una guerra con un paese che dispone di armi di distruzione di massa? Disgustato, spengo il teleschermo, e mi chiudo nei miei pensieri.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)