MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Notizie "senza parole"

    Il Corriere della Sera e l'informazione dall'estero

    5 maggio 2006 - Giovanna Vitrano (Analista ed esperta di Bolivia, fondatrice dell'Osservatorio Informativo Indipendente Selvas.org)

    Questa volta devo scrivere in prima persona, mi corre
    l'obbligo di scrivere in prima persona. Perché se prima sentivo "solo" come
    dovere quello di riportare notizie, analisi e fatti dalla Bolivia dopo
    lunghe e, spesso, estenuanti ricerche di conferme e approfonditi controlli,
    oggi sento questo come un obbligo nei confronti di tutte le persone che
    seguono le vicende latinoamericane attraverso l'Osservatorio Selvas.org di
    cui sono (scusate) sempre più orgogliosa.
    E' una premessa indispensabile per rendere ancora più chiaro lo sgomento
    che mi è salito come una nausea quando, il 4 maggio mattina, ho aperto il
    Corriere della Sera che, a pagina 19, titolava "Il gas Boliviano divide
    l'America Latina", un bel titolo d'apertura a quattro colonne sotto un
    grafico che esplicava l'infezione della "Onda rossa" che sta colpendo il
    subcontinente.
    Immediatamente ho pensato che mi ero persa delle notizie, che non avevo ben
    capito cosa stava succedendo e così, preoccupata, ho iniziato a leggere
    l'articolo di Rocco Cotroneo da Rio de Janeiro.

    (... ... ...) "Meeting convocato d'urgenza dopo la decisione boliviana di
    nazionalizzare i giacimenti di gas e annullare i contratti esistenti tra lo
    Stato e le imprese straniere". Ma quando mai! Morales non avrebbe mai
    potuto annullare contratti esistenti per il semplice fatto che i contratti
    con tutte le multinazionali petrolifere sono stati annullati con la Legge
    sugli Idrocarburi di Carlos Mesa (maggio 2005), presidente che aveva
    decretato 180 giorni di tempo per la negoziazione di nuovi contratti a
    rischio compartito. Questi contratti non sono mai stati firmati. In Bolivia
    non ci sono, ad oggi, contratti firmati. Morales, quindi, non ha annullato
    niente.
    Continuo a leggere. (... ... ...) "(la Petrobras - la petrolifera
    brasiliana) Come società quotata a Wall Street ha però deciso di ricorrere
    contro gli espropri in sede internazionale". Allo stato delle cose, risulta
    dai documenti che è la Bolivia ad avere citato Petrobras e Repsol
    (quest'ultima, spagnola, è già corsa ai ripari) perché avevano indicato
    alla borsa newyorkese come parte del loro attivo in bilancio il valore
    degli idrocarburi ancora nel sottosuolo boliviano.
    In tutto questo gridare al fuoco al fuoco, leggo "Anche l'altro paese con
    forti interessi in Bolivia, la Spagna della Repsol YPF, ha reagito
    pacatamente". Ma come, fino al rigo precedente erano tutti pronti a saltare
    alla gola dell'indio presidente, e adesso hanno reazioni pacate? E comunque
    anche questa affermazione non ha basi provate: i titoli dei giornali
    spagnoli di questi giorni sono stati piuttosto perentori e il presidente di
    Repsol si è perfino detto "costernato". Ricordo che non è stato annullato
    alcun contratto e che alle multinazionali viene concesso un nuovo periodo
    di 180 giorni per firmare i nuovi contratti.

    Torno alla mia lettura. "In ambienti boliviani ostili al governo è
    circolata ieri una ricostruzione secondo la quale tecnici della venezuelana
    Pdvsa (la petrolifera statale del paese bolivariano) si trovano già in
    Bolivia, pronti a prendere il posto dei brasiliani della Petrobras e
    garantire know-how e funzionamento degli impianti nazionalizzati se gli ex
    proprietari dovessero andarsene". Questo è veramente il massimo. Il
    presidente Chavez, che in questo articolo diventa "l'ambiente ostile al
    governo" ha dichiarato che saranno a disposizione della Bolivia le figure
    professionali che potrebbero essere utili alla YPFB (la petrolifera statale
    boliviana) a mettere in funzione la sua macchina amministrativa nel minor
    tempo possibile. In Bolivia, in questo momento, circolano tanti
    venezuelani, sì, ma sono centinaia di insegnanti mobilitati nel paese di
    Morales per la Mission Robinson, il piano per abbattere l'analfabetismo in
    30 mesi. E poi il governo di La Paz ha nazionalizzato gli idrocarburi, non
    ha certo sequestrato gli impianti che, e questo viene ripetuto
    continuamente dal 1° maggio, sono di proprietà delle multinazionali e non
    c'è nessuno che li vuole sequestrare. Non ci sono ex proprietari, dunque,
    ma proprietari a tutti gli effetti.
    Ancora bla bla bla bla sulle mire economiche di Hugo Chavez (mai negate da
    nessuno), fino alla dichiarazione che il presidente venezuelano "minaccia
    di rompere con tutti i vicini che alla suggestione della Unidad bolivariana
    preferiscono trattati concreti di libero scambio con gli Stati Uniti". E
    allora quello che è accaduto in Ecuador? Il governo ha dovuto fare marcia
    indietro perché alla notizia della firma del Trattato di Libero Commercio
    con gli Stati Uniti è scoppiata quasi la rivoluzione; il Guatemala è in
    fermento per lo stesso motivo, il Perù di Toledo (il presidente ancora in
    carica perché a Lima si continua con i ballottaggi) ha firmato solo la
    carta di intenti e il prossimo presidente, forse Ollanta Humala, ha fatto
    del "no al TLC" uno slogan elettorale.
    E l'UruguayS proprio qualche giorno fa il presidente Tabarè Vazquez, a
    domanda diretta, rispondeva che "per una possibile firma al Tlc bisogna
    rifletterci ancora a lungo, molto a lungo".

    Non ho parole
    E poi il vero passaggio chiave di tutto l'articolo: "Aprirsi agli Stati
    Uniti, piuttosto che ai vicini, è molto conveniente per le piccole
    economie, che hanno interesse a esportare nel più grande mercato del mondo
    e poco da perdere aprendo le proprie frontiere". Su questa affermazione non
    ho davvero parole. Ma il signor Cotroneo, ha mai letto un accordo TLC? E'
    mai andato a guardare quali sono i prodotti esportabili negli Stati Uniti e
    quelli importabili nei paesi latinoamericani?
    Faccio un piccolo riassunto: con questi accordi gli Stati Uniti possono
    esportare nei paesi firmatari tutto quello che vogliono senza pagare le
    tasse, possono esportare anche le industrie che andrebbero a saccheggiare i
    prodotti grezzi del Latinoamerica, prodotti che verrebbero riportati in
    patria, raffinati e rivenduti con il marchio "Made in Usa" ai Latini.
    Questi, poi, potrebbero esportare solo un certo tipo di stoffe e qualche
    altra produzione artigianale. Tutto qui. E poi sul fatto che "hanno poco da
    perdere" vorrei dettagliarvi. L'America Latina è ricca di ogni ben di Dio,
    dal petrolio al tungsteno, al silicio, allo zinco, al rame, al ferroS
    all'acqua.

    Persino l'onda rossa, con tutte le faccine dei presidenti di sinistra a
    fare sfoggio sul grafico. Be', c'è da capirli questi andini. Prima hanno
    avuto (e alcuni hanno ancora) le dittature militari, poi hanno avuto i
    governi di destra. Infine, visto che tutti i governi di matrice
    neoliberista, ma solo pro statunitense, non hanno fato altro che affamarli,
    hanno deciso, ultima ratio, di cambiare un po' le carte in tavola.
    Questa è storia, signor Cotroneo. Il mio è un duro lavoro, ogni giorno, è
    soffrire le briglie di un senso morale che non mi permette di pubblicare o
    diffondere notizie che non siano verificate fino in fondo. E la mia è
    onestà, una liberatrice onestà che mi permette, quando non ho chiara una
    situazione, di rivolgermi ad altri, di "passare il pezzo" a chi ne sa più
    di me e consultare esperti.
    In più io lavoro gratis, signor Cotroneo. Lei è giustamente pagato per fare
    informazione (e non operazioni politiche!). Fortunatamente il suo senso
    morale non è sensibile quanto il mio.
    A voi che avete avuto la pazienza di leggermi, porgo le mie scuse per
    questo lunghissimo sfogo. E se avete voglia di saperne di più, di farvi
    un'idea sul tipo di informazione che si fa in Italia sull'America Latina,
    vi invito a leggere l'articolo di Gennaro Carotenuto
    (www.gennarocarotenuto.it) su quanto ha scritto La Repubblica a firma di
    Omero Ciai, altra firma illustre alla quale più volte noi dell'Osservatorio
    Selvas.org abbiamo espresso, attraverso il direttore del quotidiano, tutte
    le nostre perplessità.
    Ma quello che adesso, oggi, mi fa più male e il non sapere cosa rispondere
    alla domanda che mi è sorta alla fine dell'articolo: e ora, che cosa posso
    leggere per essere informata, ad esempio, sui fatti di cronaca nazionale?

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)