MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    In Spagna

    «Reporter ucciso», ordine d'arresto per soldati Usa

    17 gennaio 2007 - Alberto D'Argenzio
    Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

    Parte da Madrid un ordine di cattura internazionale per i tre militari statunitensi accusati dell'omicidio di José Couso, il cameraman di Tele5 ucciso l'8 aprile 2003 a Baghdad da un proiettile sparato da un blindato Usa sull'Hotel Palestine ripieno di giornalisti. Lo ha deciso ieri il giudice dell'Audiencia Nacional Santiago Pedraz riattivando il caso, archiviato il 10 marzo scorso perché la stessa Audiencia lo considerava un «atto di guerra contro un nemico erroneamente identificato» e affermava che la Spagna non era competente a giudicare i militari Usa. Tutto fermo fino al 5 dicembre scorso quando il Tribunal Supremo, la più alta istanza giuridica spagnola (a parte la Corte Costituzionale) ha approvato all'unanimità il ricorso della famiglia Couso, ribaltando la frittata: la giustizia di Madrid è competente a istruire il processo. Ieri il seguito con il mandato di arresto e di cattura internazionale per il sergente Thomas Gibson, il soldato che ha materialmente sparato, per il suo superiore immediato, il capitano Philip Wolford, e per il tenente colonnello Philip De Camp, che ha preso la decisione. Il futuro è però incerto visto che gli Usa non consegnano i loro soldati e in Spagna non esiste il processo in contumacia.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)