MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    L'essenziale Ralph Nader

    17 giugno 2004 - Don Nash - trad. Melektro
    Fonte: Unknown News.net


    Ho ricevuto recentemente un' e-mail da Democrats.com in cui mi e' stato chiesto di firmare una petizione che insistentemente esorta Ralph Nader a ritirarsi dalla corsa alla Presidenza. Solitamente ricevo varie e-mail nelle quali mi viene chiesto di "agire" per una cosa o per un altra. Qualche volta accetto di "agire", qualche altra volta no. Ho qualche problema con la richiesta da parte di Democrats.com di firmare una petizione che sollecita Ralph Nader a ritirarsi dal processo elettorale.

    Per prima cosa, Ralph Nader ha ogni sacrosanto diritto in America di correre per la carica di Presidente degli Stati Uniti d'America. La Costituzione traccia un numero assai limitato di proibizioni contro chiunque voglia partecipare alla corsa per la carica. Per la maggior parte, a meno che non si sia stati condannati per avere sostenuto la ribellione armata e il rovesciamento del governo Americano, chiunque puo' partecipare. Chiunque! Questa e' la maniera Americana.

    Questo e' il nostro processo di selezione e per quanto distorto esso sia, per la maggior parte funziona. Le elezioni presidenziali portano sempre alla ribalta alcuni dei piu' amati e piu' svitati commedianti dell'America. Non potete includere i politici in questa categoria visto che non sono assolutamente divertenti.

    La Costituzione non fa alcuna menzione di Democratici e Repubblicani. Il sistema bipartitico al quale siamo ora asserviti, non e' appoggiato dalla Costituzione. Dai giorni di Richard M. Nixon, un numero sempre piu' ristretto di Americani eleggibili partecipa al processo di selezione. Il dovere civico sta trasformandosi in un dinosauro e i due partiti politici sono colpevoli di questo.

    Entrambi i partiti sono asserviti a potenti e ricchi 'interessi speciali' e i normali Americani sono un inconveniente che per le strutture politiche conta soltanto quando viene il tempo delle elezioni. Adesso e' tempo di elezioni cosi' siate i benvenuti nella macchina del voto. I miei ringraziamenti personali vanno ai Pink Floyd.

    Meno della meta' degli Americani eleggibili sono registrati per il voto e un numero quasi uguale fa uso di questo diritto. Cosi' per far vincere effettivamente ad un candidato un'elezione, le macchine partitiche devono ammassare soltanto poco un piu' di un quarto del voto. (E non voglio neppure entrare nella questione del Collegio Elettorale. L'intera questione mi fa arrabbiare, una rabbia senza fine.)

    Con l'America "polarizzata" dai partiti politici e con i partiti asserviti ai soldi delle multinazionali e agli interessi speciali, le elezioni vengono decise da piccole frazioni di una percentuale degli elettori. Questa e' la maniera in cui il processo si e' evoluto. Non e' buono e non e' giusto ma, Ce le vie.

    E' mia opinione che, i partiti sono abbastanza felici del fatto che la maggior parte dell'elettorato non partecipa al processo elettorale. In caso contrario infatti tutti loro vedrebbero i loro spiacenti posteriori scaraventati fuori dalle rispettive cariche. L'America viene lasciata con una scelta tra 'la malvagita' rivolta un po' a destra' o 'la malvagita' rivolta un po' a sinistra '. Una scelta c'e' ma che scelta.

    A Ralph Nader almeno dovrebbe essere riconosciuto il credito di fare uno sforzo per offrire un qualcosa di differente. Ralph Nader non ha la benche' minima possibilita' di conquistare la carica di Presidente. Lo so io e anche voi dovreste saperlo. Ma questo in nessun modo diminuisce il valore della sua partecipazione. Quest'uomo ha il coraggio datogli dalle sue convinzioni di starsene levato in piedi e di andare contro la follia bipartitica che ha infettato l'America. Ralph e' la versione da ventunesimo secolo del Don Chisciotte e dio lo benedica per questo.

    Se i Democratici non sono in grado di raggruppare abbastanza appoggio fra la gente Americana, con le questioni attraverso cui fanno campagna elettorale, be' e' solo colpa dei Democratici. I Democratici offrono solo nausea a meta' strada travestita come John Kerry.

    John Kerry - adesso si che abbiamo un modello di banalita' dinamica e di borbottii pseudo - intellettuali. Avete mai provato a sciropparvi uno dei suoi discorsi? Kerry comincia a parlare e la vostra mente comincia a vagare.

    Il Partito Democratico offre all'America la pura noia servita su di un vassoio di argento puro. Cosi' Democrats.com, congeda Ralph Nader e non comincia neppure a gemere sui voti rubati da Nader ai Democratici. Ma se volete i voti, allora offrite qualcosa che sia tangibile e onesto e non la maledetta versione morbida di Bush.

    Ralph Nader sta esercitando un suo diritto Costituzionale, quindi succhiatevi l'onta.

    Con i Democratici degli ultimi tempi, ho l'impressione di avere a che fare con il pianto del pargolo sul campo da gioco. "Mamma, quel bullo mi ha rubato la caramella".

    Se questo tutto sembra eccessivamente pesante, be' lo e' Sono molto ma molto piu' severo con i Democratici che con i Repubblicani. Con i Repubblicani, e' facile prevedere di avere a che fare con il fascismo, la criminalita' la guerra, gli abusi, la tortura e questo gia' alla loro convenzione. Con i Democratici, mi aspetto qualcosa che sia migliore e nobile e che sia degno di farmi completamente eccitare.

    Cosi' ai Democratici dico, la palla e' adesso dalla vostra parte. Siete pronti alla sfida?

    Ah si' chiaramente non firmero' la vostra petizione che esorta Ralph Nader ad uscire dalla corsa presidenziale.
    Note:

    Tradotto da Melektro - djm@melektro.com - a cura di Peacelink

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)