Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

CPT

Detenzioni immorali

17 marzo 2005
Alessandro Dal Lago
Fonte: www.ilmanifesto.it - 16 marzo 2005


Qualche giorno fa, la notizia dell'arresto di Don Lodeserto è stata data così da Televideo: «Arrestato il prete degli immigrati». Ecco un bell'esempio di confezione ad hoc dell'informazione. Chiunque non fosse minimamente edotto sulla figura del detto padre, sui Cpt e questioni connesse, e non avesse voglia di approfondimenti avrebbe dedotto che un difensore, e non un supposto vessatore, degli stranieri era finito nelle mani della legge. Ma l'ambiguità politico-mediale - per chiamarla così - regna sovrana. Ecco infatti la chiesa locale e noti difensori dei diritti umani come Rocco Buttiglione levarsi a difesa di Lodeserto. Come se le grinfie della magistratura si fossero richiuse su un benefattore degli ultimi. Un altro esempio: l'antropologo La Cecla è sotto processo a Parigi per avere intralciato, secondo l'accusa, l'espulsione di alcuni stranieri imbarcati a forza su un aereo all'aeroporto Charles De Gaulle. Egli merita, secondo me, il plauso per essere intervenuto e la piena solidarietà di chi, antropologo o no, considera l'espulsione degli stranieri una lesione dei diritti umani e una vera e propria vegogna. Ma perché mettere l'accento - come ha fatto lo stesso La Cecla in una lettera alla Repubblica e Corrado Augias nella risposta (il 26 febbraio) - sullo «spettacolo» indegno che un'espulsione crerebbe ai danni della nostra sensibilità occidentale? Come se il problema fosse lo spettacolo e non l'indegnità dell'espulsione!

Nei modi via via ambigui o vagamente snob con cui l'informazione - e nemmeno quella forcaiola - tratta la questione di Cpt, espulsioni e diritti umani dei migranti c'è, mi sembra una profonda incomprensione della questione. Che nei Cpt siano detenuti alcune migliaia di stranieri - aggiungiamo, non per il periodo ufficiale di due mesi, ma per molto più tempo, visto che la gran parte vi ritorna in continuazione -, significa la creazione di uno spazio extra-legale, su cui il giudice ordinario ha scarsa o nulla giurisdizione (a meno che non siano denunciati clamorosi abusi come a S. Foca). Che centinaia di stranieri, come è divenuto normale a Lampedusa, siano ammanettati (magari con legacci di plastica) e rispediti in Libia - grazie agli accordi con il nuovo paladino della democrazia Gheddafi - oppure smistati nei Cpt, significa semplicemente praticare un'abituale violazione dei diritti degli stranieri. Che questo avvenga in base a leggi o decreti - un po' come la detenzione senza possibilità di difesa dei sospetti negli Usa, dopo l'11 settembre, è stata legalizzata dall'ex ministro Ashcroft - non significa che non si tratti di provvedimenti socialmente, moralmente, politicamente e anche giuridicamente illegittimi (tant'è che Cassazione e Corte Costituzionale, anche se - a mio avviso - con una certa prudenza, stanno prestando una certa attenzione alle leggi sui migranti).

Insomma, la questione val al di là degli abusi attribuiti a Lodeserto, dello «spettacolo» delle espulsioni e delle illegalità più clamorose commesse sugli stranieri. No, investe la stessa natura della detenzione dei migranti e, in senso lato, delle politiche migratorie attuate dallo stato italiano e dalla Ue. Si tratta di un nodo che l'attuale governo ha creduto di sciogliere con misure drastiche e disumane, e con la sostanziale clandestinizzazione della maggioranza dei migranti. Ma è poi questa linea qualitativamente opposta a quella dei governi precedenti? A me sembra che sia più brutale, ma non opposta (due mesi di detenzione massima al posto di uno, per citare solo un esempio). Allora, se e quando la palla tornerà a un eventuale governo di centro-sinistra, cambierà la logica? La finiremo con la vergogna dei Cpt, e in generale con politiche migratorie abbacinate dalla «sicurezza» e in realtà mirate alla creazione di una popolazione senza diritti sociali e civili?

Articoli correlati

  • Mafie, emergenze ambientali, immigrazione sta andando tutto come prima ...
    PeaceLink Abruzzo

    Mafie, emergenze ambientali, immigrazione sta andando tutto come prima ...

    ... tra i soliti teatrini e le identiche indifferenze che puzzano di omertà e connivenza
    9 settembre 2020 - Alessio Di Florio
  • Scuola e diritto alla pace
    Pace
    Riflessioni pedagogiche

    Scuola e diritto alla pace

    La scuola ha il compito di costruire un’alternativa, un baluardo e un’azione di contropotere, decostruendo e ricostruendo le idee, indicando ai giovani la possibilità di scegliere tra un pensiero conformista e allineato al potere e uno stile di vita libero e divergente
    24 agosto 2020 - Laura Tussi
  • Per la Giornata internazionale dei rifugiati
    Migranti
    Tutte e tutti siamo esseri umani in cammino. Tutte e tutti abbiamo bisogno di aiuto.

    Per la Giornata internazionale dei rifugiati

    Chiediamo ad ogni persona di volonta' buona, ad ogni associazione ed istituzione democratica di insorgere nonviolentemente in difesa della legalita' che salva le vite; in difesa della Costituzione antifascista che nessun essere umano abbandona; in difesa di ogni essere umano e dell'umanita' tutta.
    19 giugno 2020 - Peppe Sini
  • Left. Mai più, la vergogna italiana dei lager per immigrati
    Migranti

    Left. Mai più, la vergogna italiana dei lager per immigrati

    Un libro in edicola con Left sulla storia rimossa dei Cpt/Cie/Cpr dalla Turco-Napolitano ad oggi
    11 ottobre 2019 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)