Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Morire di frontiera

29 novembre 2005
Gabriele Del Grande

ROMA - Una donna iraniana muore assiderata tra le braccia del marito nella lunga marcia attraverso le montagne che separano la Turchia dalla Grecia, in mezzo a una tempesta di neve. Incapace di accettare la morte della moglie, l'uomo la porta tra le braccia fino alla prima strada, dove un conducente li vede e chiama la polizia. L'uomo è ricoverato per ipotermia, appena dimesso è rimpatriato. É il 7 novembre 2002. È soltanto una delle tragedie umane e familiari che stanno dietro alle migliaia di morti lungo le frontiere europee. L'ultima notizia è del naufragio di oggi al largo di Ragusa: 9 morti e 40 dispersi.


CLICCA QUI: http://80.181.0.166/allegati-notizie/Morire%20di%20frontiera.doc

Abbiamo censito gli archivi di Repubblica, Corriere della Sera, Kathimerini, El Mundo, Le Monde, Turkish Press, Tunezine, The Guardian per documentare una tragedia taciuta che dalla fine degli anni Ottanta macchia di sangue le nostre frontiere. Vista la clandestinità del fenomeno i dati sono sicuramente incompleti, ma fin troppo drammatici: 2.224 morti e 1.015 dispersi dal 1988 ad oggi. Sono soprattutto naufragi (1.929 morti e 1.015 dispersi), nel Mar Egeo, dalla Turchia verso la Grecia (163 morti, 103 dispersi), nel Canale di Otranto, dall'Albania e dal Medio Oriente verso l'Italia (402 morti, 62 dispersi), nel Canale di Sicilia (517 morti, 521 dispersi), ma anche al largo delle coste libiche (92 morti e 123 dispersi) e tunisine (253 morti, 77 dispersi). Infine nelle acque che separano il Marocco dalla Spagna (494 morti e 129 dispersi). Non mancano incidenti lungo la frontiera terrestre: 14 morti nelle due enclave spagnole in Marocco, a Ceuta e Melilla, 19 morti assiderati sul confine turco con l'Iran e 7 per lo stesso motivo sul confine greco con la Turchia. Sempre in Grecia sono 83 i morti nei campi minati della frontiera con la Turchia. Asfissiate nei container almeno 134 persone, 37 in Italia. Trovati congelati nei carrelli aerei 4 cadaveri. Ma si muore anche sotto gli spari delle forze dell'ordine, è successo a Ceuta e Melilla, a Cipro e in Slovenia. Infine almeno 20 persone hanno perso la vita lungo i binari dell'Eurotunnel nascosti sotto i treni per oltrepassare la Manica. (Gabriele Del Grande)

Articoli correlati

  • Sanità di Frontiera, progetto "I colori del mondo"
    Migranti
    Testimonianza di un medico di frontiera

    Sanità di Frontiera, progetto "I colori del mondo"

    Un ambulatorio volontario, gratuito, per gli stranieri senza permesso di soggiorno, a Varese lavora alla luce del sole dal 2009, seguendo i dettami della legge Bossi-Fini, che prima fu Turco-Napolitano
    16 giugno 2019 - Laura Tussi
  • "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"
    Pace
    Dal comunicato della Rete NoWar:

    "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"

    Con l'affare Skripal, la Gran Bretagna aizza la Guerra Fredda. Orchestra una grossolana montatura contro la Russia e poi, all'unisono, quasi tutti i paesi della NATO espellono “per solidarietà” oltre 100 diplomatici russi. Eppure la GB ha emesso un verdetto senza prove, senza inchiesta indipendente, senza far vedere i rilievi del laboratorio. Un linciaggio bell'e buono.
    31 marzo 2018 - Rete NoWar - Roma
  • Il ruolo dell’industria della difesa e sicurezza nella politica estera e di difesa italiana ed europea
    Disarmo

    Il ruolo dell’industria della difesa e sicurezza nella politica estera e di difesa italiana ed europea

    Moretti alla domanda circa la vendita di sistemi d’arma ai Paesi islamici ha detto che “sono paesi che fanno parte di un fronte occidentale legittimato dagli Stati Uniti , e noi facciamo parte di consorzi che ai paesi del fronte occidentale danno sostegno per potersi difendere” inoltre “abbiamo 50mila persone da dover alimentare”.
    29 marzo 2016 - Rossana De Simone
  • Una macchina da guerra chiamata Finmeccanica e il cinismo di Mauro Moretti
    Disarmo
    “Le sfide della sicurezza cibernetica da una prospettiva italiana ed israeliana"

    Una macchina da guerra chiamata Finmeccanica e il cinismo di Mauro Moretti

    Il vero intento di Moretti, in perfetta simbiosi con Matteo Renzi, è quello di continuare a drenare denaro pubblico a favore dei programmi di Finmeccanica da una parte, e dall’altra centralizzare in mano ad una élite la direzione e la gestione della ricerca e sviluppo
    27 novembre 2015 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)