Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Alla SOTTOSEGRETARIA AGLI INTERNI on.le Marcella Lucidi e p.c. a tutti gli organi di informazione italiani

4 omicidi bianchi a Livorno

I responsabili vadano cercati nell’imprenditoria italiana in Romania e nella completa mancanza di programmazione di questo Governo (come di quello precedente)
17 agosto 2007
Massimo Converso, presidente nazionale Opera Nomadi (Tel. 0982-95509 339-6421538 posta elettronica: operanomadinazionale@virgilio.it)

Cara Marcella
conosci me e l’Opera Nomadi da venti anni quando ci incontrammo per la prima volta in una Comunità Rom dove io ero arrivato assieme al comune amico Don Luigi Di Liegro (di cui nella modesta finzione televisiva ci si è guardati bene dal riportare il grandissimo impegno da lui profuso con i Rom/Sinti).
Era l’epoca in cui si poteva far volontariato anche senza la pesante ipoteca dei partiti che anche (se non di più) con questo Governo condizionano la politica sociale privilegiando la lealtà di partito e la confessionalità alla competenza.
Atteggiamento che si è puntualmente confermato nell’inutilissima audizione tenuta dal Ministro Amato il 28 Giugno scorso: i veri esperti del problema non sono stati neppure invitati.
Sono mesi che cerchiamo invano di farci ricevere da te perché eravamo certi che i 4 omicidi bianchi odierni a Livorno potevano e dovevano essere evitati se si fosse dato ascolto al ragionevole piano d’emergenza che l’Opera Nomadi aveva proposto già da un anno al tuo Ministero.
Era la Protezione Civile che DOVEVA occuparsi dei 70.000 Rom Rumeni che, tranne qualche migliaio, vivono peggio dei loro fratelli jugoslavi che negli anni ’70 e negli anni ’90 furono costretti dai Paesi Occidentali ad immigrare in Italia.
Infatti anche i Rom Rumeni (2 milioni e mezzo nel “loro” Paese !! In Italia i Rom/Sinti sono soltanto 160.000 …) sono stati costretti ad immigrare nel nostro ricchissimo Paese dalla politica di rapina attuata dagli imprenditori italiani (fra cui GEOX, Dolce&Gabbana, Armani, il “multiculturale” Benetton, etc) che in Romania pagano salari non superiori ai 40 euro la settimana.
Avevamo chiesto che la Protezione Civile considerasse questa immigrazione (che comporta anche 20.000 bambini nemmeno vaccinati) come un’emergenza peggiore di un terremoto od un’alluvione e la affrontasse di conseguenza per evitare le diecine e diecine di morti violente che avevamo previsto e che si sono verificate e continueranno a verificarsi.
Salvo procedere poi ad un generalizzato programma di affitti agevolati (nei piccoli centri) per le famiglie Rom in Italia e di drastici interventi del nostro Ministero dell’Economia (e di controlli sindacali da parte dell’UE) in Romania.
Ma al tuo Ministero si è preferito ricevere il 28 Giugno incompetenti sacerdoti (ben distanti dalla grande competenza del nostro Mons. Di Liegro) e colorati cantanti piuttosto che i veri esperti, i quali avevano il solo torto di essere aconfessionali e, soprattutto, apartitici.
E’ possibile che tu ci riceva assieme agli ottimi e, super partes, Medici della Società Italiana Medicina Migrazioni, così da concertare un programma del tutto pragmatico che eviti le prevedibilissime diecine di OMICIDI BIANCHI che si verificheranno senza ombra di dubbio nei prossimi mesi e soprattutto in autunno
Con la consueta stima ed affetto

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Varese: progetto di assistenza sanitaria per immigrati
    Migranti
    L’ambulatorio è nato dall'impegno di un gruppo di volontari

    Varese: progetto di assistenza sanitaria per immigrati

    Sanità di Frontiera (SDF) è frutto di un' iniziativa autonoma di un  gruppo di volontari che, quando nel 2009 fu definito il "reato di clandestinità", immediatamente sorse dal nulla, sull'onda del forte sdegno provocato da questa aberrazione giuridica
    25 febbraio 2020 - Sanità di Frontiera
  • L'uomo in piedi. Quando la legge è ingiusta, disobbedire è un dovere
    Cultura
    Movimento dal sottosuolo con Arci Cazzago San Martinoe Anpi zona Franciacorta presentano:

    L'uomo in piedi. Quando la legge è ingiusta, disobbedire è un dovere

    Spettacolo-Azione di supporto al sindaco di Riace Mimmo Lucano. Testi e musiche di disobbedienza civile e politica. Con il libro RIACE. MUSICA PER L'UMANITA', MIMESIS EDIZIONI a cura di Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
    29 novembre 2019 - Laura Tussi
  • Alex Zanotelli - Appello: Salviamo Riace!
    Pace
    Per una nuova comune umanità: salviamo Riace!

    Alex Zanotelli - Appello: Salviamo Riace!

    Solidarietà con Mimmo Lucano, Sindaco di Riace, uomo di pace, accoglienza, fraternità.
    Di fronte all’onda nera del razzismo e della xenofobia che sta dilagando in Europa, dobbiamo difendere il modello Riace di accoglienza per chi fugge dalle guerre
    21 ottobre 2018 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)