Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

«I dirigenti che intendono fare politica si candidino»

Maturità: il ministero chiede codice fiscale degli alunni

Quali saranno le conseguenze per chi è immigrato irregolare? Perché i controlli passano attraverso il filtro della scuola?
Giacomo Alessandroni28 maggio 2009

B come bugia: dei presidi o del ministro?

Sono cambiate le modalità di rilevazione dell'andamento degli esami di stato: d'ora in poi i dati andranno comunicati, non più per scuola, bensì per studente. Una moalità - secondo il ministero della Pubblica Istruzione - per avere un polso della situazione più completo, studente per studente.

Tra le informazioni richieste dal ministero (la prima nota in materia risale all'8 maggio, la seconda è del 22) c'è anche il codice fiscale degli alunni.

Il ministero annunciava nella nota dell'8 maggio che «i codici fiscali degli alunni, comunicati dalle scuole, saranno validati da parte delle Agenzie delle entrate e, in caso di mancata corrispondenza, si dovrà procedere alle necessarie rettifiche».

Qui sorgono i sospetti degli esponenti del Pd: «Che cosa significa questa disposizione per gli stranieri non regolari? Perché introdurre una norma di validazione da parte dell'Agenzia delle entrate, quando il codice per gli studenti dovrebbe avere una funzione prettamente identificativa a fini informativi e statistici? Che cosa accadrà in caso di mancata validazione o di mancato possesso del codice?».

Il sospetto del Pd é che si stiano introducendo «attraverso norme amministrative, impropri controlli sulla regolarità degli studenti». Tutte domande che l'on. Mariangela Bastico ha posto in una interrogazione urgente al ministro Mariastella Gelmini.

Anche i presidi non hanno tardato a far sentire la loro voce, voce che ha suscitato le ire e le furie del ministro sua eccellenza Maria Stella Gelmini: «Confermo la presenza nella scuola di un numero circoscritto ma esistente di dirigenti che fanno politica, che creano inutilmente allarmismi che si riflettono nelle famiglie e nei genitori. Ho il massimo rispetto per coloro che svolgono il proprio ruolo con rispetto dell'istituzione scolastica. Ma trovo scorretto utilizzare la scuola per fare politica. I dirigenti che intendono fare politica si candidino e lo facciano all'interno delle istituzioni politiche e non della scuola».

Articoli correlati

  • L’expérience de la légalité commence par l’école
    Français PeaceLink

    L’expérience de la légalité commence par l’école

    La culture de l’Antimafia, une réalité qui doit commencer dans l’école
    26 maggio 2020 - Tonio Dell'Olio
  • Nuove scelte nell'ambito della didattica digitale
    CyberCultura
    Dal modello trasmissivo alla scuola partecipativa

    Nuove scelte nell'ambito della didattica digitale

    Le ICT (Information and Communications Technology) offrono strumenti di condivisione e cooperazione per progettare un apprendimento attivo. Il dibattito sulla didattica a distanza ha fatto emergere un interesse attorno al "Manifesto delle Avanguardie Educative". Vediamone i punti fondamentali.
    24 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • La mia esperienza con la didattica a distanza
    CyberCultura
    In condizioni proibitive, mai sperimentate e mai immaginate prima

    La mia esperienza con la didattica a distanza

    Dopo la prima settimana ero diventato afono. Sembrava tutto finito. E invece no. Allora sono stati i miei studenti a sostituirmi, hanno fatto loro lezione. E' stato bellissimo. Alla fine i risultati sono arrivati: li ho recuperati tutti. Collaboravano fra loro, si aiutavano per imparare assieme.
    15 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Programmare per settembre una didattica a distanza di qualità
    CyberCultura
    Lettera alla ministra Azzolina

    Programmare per settembre una didattica a distanza di qualità

    Ipotizzare un avvio a settembre con una buona didattica a distanza significa puntare su una scelta di sicurezza ed eliminerebbe le incertezze sugli scenari: sapremmo che dobbiamo attrezzarci già da ora. Cambiando la programmazione didattica e creando repository didattici.
    12 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)