Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

«I dirigenti che intendono fare politica si candidino»

Maturità: il ministero chiede codice fiscale degli alunni

Quali saranno le conseguenze per chi è immigrato irregolare? Perché i controlli passano attraverso il filtro della scuola?
Giacomo Alessandroni28 maggio 2009

B come bugia: dei presidi o del ministro?

Sono cambiate le modalità di rilevazione dell'andamento degli esami di stato: d'ora in poi i dati andranno comunicati, non più per scuola, bensì per studente. Una moalità - secondo il ministero della Pubblica Istruzione - per avere un polso della situazione più completo, studente per studente.

Tra le informazioni richieste dal ministero (la prima nota in materia risale all'8 maggio, la seconda è del 22) c'è anche il codice fiscale degli alunni.

Il ministero annunciava nella nota dell'8 maggio che «i codici fiscali degli alunni, comunicati dalle scuole, saranno validati da parte delle Agenzie delle entrate e, in caso di mancata corrispondenza, si dovrà procedere alle necessarie rettifiche».

Qui sorgono i sospetti degli esponenti del Pd: «Che cosa significa questa disposizione per gli stranieri non regolari? Perché introdurre una norma di validazione da parte dell'Agenzia delle entrate, quando il codice per gli studenti dovrebbe avere una funzione prettamente identificativa a fini informativi e statistici? Che cosa accadrà in caso di mancata validazione o di mancato possesso del codice?».

Il sospetto del Pd é che si stiano introducendo «attraverso norme amministrative, impropri controlli sulla regolarità degli studenti». Tutte domande che l'on. Mariangela Bastico ha posto in una interrogazione urgente al ministro Mariastella Gelmini.

Anche i presidi non hanno tardato a far sentire la loro voce, voce che ha suscitato le ire e le furie del ministro sua eccellenza Maria Stella Gelmini: «Confermo la presenza nella scuola di un numero circoscritto ma esistente di dirigenti che fanno politica, che creano inutilmente allarmismi che si riflettono nelle famiglie e nei genitori. Ho il massimo rispetto per coloro che svolgono il proprio ruolo con rispetto dell'istituzione scolastica. Ma trovo scorretto utilizzare la scuola per fare politica. I dirigenti che intendono fare politica si candidino e lo facciano all'interno delle istituzioni politiche e non della scuola».

Articoli correlati

  • La violenza non è il mio destino
    Cultura
    La prima legge innovativa sulla violenza sessuale è la numero 66 del febbraio 1996

    La violenza non è il mio destino

    La storia di vita di Tiziana Di Ruscio, vittima di violenza, sopravvissuta al femminicidio, narrata in questo libro di drammatica verità, rasenta però l’incredibile e l'indicibile.
    Libro in tutte le librerie dal 4 Marzo 2021
    20 febbraio 2021 - Laura Tussi
  • Il Giorno della Memoria della Shoah nel Comune di Alife
    Pace
    Presso l'Albero della Pace di Alife - Caserta

    Il Giorno della Memoria della Shoah nel Comune di Alife

    Comune di Alife situato nel Parco regionale del Matese. Presso l'Albero della Pace dedicato ai percorsi della grande guerra, si sono svolte la cerimonie di nomina delle "Guide Escursionisti per la Pace" e di intitolazione della scultura "Guardiano della Pace"
    9 febbraio 2021 - Laura Tussi
  • Scuola. Le classi di accoglienza
    Sociale
    La scuola e la popolazione multiculturale

    Scuola. Le classi di accoglienza

    L’Educazione per una Cittadinanza Globale a partire dalle Classi di accoglienza
    6 febbraio 2021 - Laura Tussi
  • Scuola. Il viaggio senza fine
    Pace
    Esperienze di educazione alla pace

    Scuola. Il viaggio senza fine

    A scuola è necessario imparare a riconoscere e gestire anche la parte emotiva dell’apprendimento: stati d'animo, insicurezza, esigenza di supporto da parte dell'adulto, sofferenza psichica, disagio emotivo.
    9 gennaio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)