Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

La nave Aquarius respinta da Salvini verso Messina accolta dall'amministrazione Accorinti

Dura presa posizione dell'amministrazione dopo le dichiarazioni del ministro dell'Interno
10 giugno 2018
Redazione Peacelink

Amministrazione Accorinti

“L’esordio del Ministro Matteo Salvini nella gestione dell’accoglienza migranti ci lascia esterefatti, sia nella dimensione umanitaria negata, che nella conoscenza delle leggi del mare”.

Dura presa posizione dell'amministrazione comunale di Messina, porto nel quale è diretta la nave “Aquarius” di Medici senza Frontiere con a bordo 629 migranti (tra i quali 123 minori non accompagnati, 11 bambini e 7 donne incinte), dopo le parole del ministro dell'Interno sulla chiusura dei porti italiani per impedire alla “Aquarius” di attraccare.

“Non si può pensare di prescindere dai diritti universali dell’uomo e dal diritto della navigazione – argomentano il sindaco Renato Accorinti e della sua Giunta – nei quali l’essere umano è sacro a prescindere dal colore della sua pelle e del suo paese d’origine. E’ dovere primario accogliere e ad una politica disumanizzante ci contrapponiamo con una politica fatta di diritti e di valore delle persone”.

Come è noto, tra l’altro, qualsiasi comandante di nave che riscontri esigenze connesse all’incolumità dei passeggeri può comunque procedere con l’attracco presso il primo porto ritenuto sicuro.

“A dispetto del diktat del ministro Salvini, l’amministrazione Accorinti dichiara la sua disponibilità immediata perché la nave “Aquarius” possa attraccare presso il porto cittadino. Pertanto, il sindaco Accorinti e la sua Giunta, ritenendo di interpretare anche il pensiero di buona parte della città – prosegue l'Amministrazione – ribadisce la necessità che la nave umanitaria “Aquarius” possa trovare in Messina un porto sicuro dove offrire aiuto e sostegno. Nelle operazioni di soccorso, ogni minuto di ritardo può avere conseguenze irreversibili che, in tal caso, interessano anche bambini piccoli, ragazzi soli e donne incinte. Che Matteo Salvini si assuma personalmente tutte le responsabilità dei rischi potenziali dovuti a tale rimpallo di responsabilità tra Malta e il nostro paese, strumentali ad una azione di forza che non può essere consentita, trattandosi di vite umane. Che i suoi alleati politici comprendano le complicità cui si prestano”.

La Giunta comunale di Messina conclue: “Se Salvini pensa di poter concepire il suo “NO”, l’amministrazione Accorinti risponde con un grande e incondizionato “Sì”, coerente con la politica di accoglienza fino ad oggi attuata”.

#WelcomeAquariusInMessina

Articoli correlati

  • Alex Zanotelli: "Questa legge trasuda ‘barbarie’ ed è un veleno micidiale per la nostra democrazia"
    Alex Zanotelli
    Una campagna di resistenza civile al Decreto Sicurezza di Salvini

    Alex Zanotelli: "Questa legge trasuda ‘barbarie’ ed è un veleno micidiale per la nostra democrazia"

    "La gravità di questo Decreto sta nel fatto che nega i principi che sono alla base della nostra Costituzione. Prevede l’abolizione della protezione umanitaria, lo smantellamento dei centri per i richiedenti asilo, la soppressione dell’iscrizione anagrafica con l’esclusione dal servizio sanitario"
    4 gennaio 2019
  • Disobbedire a una legge ingiusta è possibile
    Migranti
    Come dare un dispiacere a Salvini sul decreto sicurezza

    Disobbedire a una legge ingiusta è possibile

    Il sindaco Leoluca Orlando "non ha tutti i torti", secondo il giudice emerito della Corte Costituzionale Sabino Cassese. Infatti Orlando - ponendosi in contrasto con la legge nazionale - favorirebbe una pronuncia della Corte Costituzionale. La legge voluta da Salvini verrebbe così sospesa.
    4 gennaio 2019 - Alessandro Marescotti
  • Per obbedire alla coscienza e alla Costituzione
    Migranti
    Oggi manifestazione a sostegno del sindaco di Palermo e per tutelare i diritti umani

    Per obbedire alla coscienza e alla Costituzione

    Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, contravvenendo al decreto sicurezza, ha disposto che i cittadini stranieri il cui permesso di soggiorno umanitario sia scaduto, potranno ancora iscriversi all'anagrafe del Comune.
    4 gennaio 2019 - Redazione PeaceLink
  • Il mondo all’incontrario
    Migranti
    Sotto processo l'accoglienza dei migranti a Riace

    Il mondo all’incontrario

    Oggi ci sono tutte le premesse per trasformare la vicenda giudiziaria di Mimmo Lucano in una riedizione del processo a Danilo Dolci, arrestato mentre guidava alcuni braccianti a lavorare in una strada abbandonata all’incuria, o del processo contro don Milani accusato di disobbedienza militare.
    18 dicembre 2018 - Comune-info
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)