Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Il Niger è fra le nazioni che violano i diritti umani, lo dice Amnesty International

Controllare le migrazioni, vendere armi e addestrare i militari del Niger

Commercio d'armi. Svelato il trattato Italia-Niger: apre un nuovo mercato bellico. L'Italia inoltre addestrerà le forze armate di un governo accusato di arrestare persone "colpevoli" di aver esercitato la libertà di espressione
8 febbraio 2019

Asgi, Cil e Rete Disarmo rivelano i contenuti dell'accordo stipulato nel 2016 dal Governo Gentiloni. Addestramento per il controllo delle migrazioni, ma anche «acquisizione di prodotti per la difesa».

E questo governo continua sulla stessa strada del precedente.

Sulla questione migranti, la ministra della Difesa Trenta (M5S) ha dichiarato: “Via a missione militare in Niger: un successo del governo”.

“Si tratta di un grandissimo risultato di questo governo – scrive la ministra – dopo mesi e mesi di immobilismo". I retroscena della missione italiana in Niger: armi e migranti

Ma a gennaio dello scorso anno il M5S votò contro e Lega si astenne. Mentre adesso - con una apposita missione del primo ministro Conte in Niger - il governo porta a casa il risultato tanto caldeggiato dalla ministra Trenta.

Conte infatti ha concordato l'addestramento delle forza armate locali. E tutto questo il governo italiano lo fa trattando con il governo del Niger che è accusato di violere i diritti umani.  "Centinaia di persone, compresi prigionieri di coscienza, sono state arbitrariamente arrestate e perseguite per aver esercitato il loro diritto alla libertà d’espressione e d’associazione", si legge sul rapporto per il Niger di Amnesty International.

Per approfondire il tema dell'esternalizzazione delle frontiere e in particolare il Niger, può anche essere utile leggere il rapporto dell'ARCI. Sono stati infatti stretti accordi per i respingimenti di massa, nonostante il divieto delle convenzioni internazionali.

E poi in Niger c'è anche il petrolio e l'uranio. Una missione militare può sempre essere utile. In Niger non ci sono gli scafisti ma tante opportunità da esplorare.

E allora ecco il testo degli accordi tra Italia e Niger adesso pubblico grazie all’accesso agli atti intrapreso con Associazione Studi Giuridici Immigrazione e Coalizione Italiana Libertà e Diritti civili, dove si evince come con un atto amministrativo, mai discusso dal parlamento, si prefigura una fattiva collaborazione militare dei cui scopi reali non è mai fatta menzione nel documento stesso.

Note: Il testo dell'accordo Italia-Niger è stato ottenuto da ASGI CILD e NAGA mediante l'importante strumento dell'accesso civico http://www.funzionepubblica.gov.it/accesso-civico

Articoli correlati

  • "La città è sotto scacco degli allarmisti"
    Taranto Sociale
    Comunicato stampa

    "La città è sotto scacco degli allarmisti"

    A proposito delle polemiche a Taranto sull'inquinamento dello stabilimento siderurgico
    14 aprile 2019 - Giustizia per Taranto
  • Ilva: Conte, problema salute a Taranto non risolto interverremo più efficacemente
    Taranto Sociale
    Dichiarazione del Presidente del Consiglio a Lecce

    Ilva: Conte, problema salute a Taranto non risolto interverremo più efficacemente

    “Il problema di Taranto è serio - ha detto Conte -, ma vorrei ricordare che dall'inizio il vice presidente Di Maio, competente come ministro dello Sviluppo economico, con il mio appoggio, ha lavorato per cercare di risolvere il problema dell'Ilva".
    24 marzo 2019 - AGI
  • La forza della nonviolenza
    Ecologia
    Come i bambini hanno cambiato la lotta all'inquinamento dell'ILVA

    La forza della nonviolenza

    Si chiude una settimana che passerà nella storia delle lotte popolari nonviolente italiane. Taranto ha scritto, con i suoi bambini e con il suo dolore, una delle pagine più luminose della resistenza nonviolenta alle ingiustizie. Adesso occorre fare altri passi avanti
    9 marzo 2019 - Alessandro Marescotti
  • Ecco tutti i dati che confermano l'aumento dell'inquinamento a Taranto
    Ecologia
    Pubblichiamo l'intera serie storica da quando ArcelorMittal ha preso possesso dell'ILVA

    Ecco tutti i dati che confermano l'aumento dell'inquinamento a Taranto

    Documentazione per la conferenza stampa. Le informazioni attestano un innegabile ed evidente aumento delle emissioni e dell'inquinamento. Si può consultare tutta la documentazione che PeaceLink ha inviato ad Arpa Puglia
    6 marzo 2019 - PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.19 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)