Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Il Niger è fra le nazioni che violano i diritti umani, lo dice Amnesty International

Controllare le migrazioni, vendere armi e addestrare i militari del Niger

Commercio d'armi. Svelato il trattato Italia-Niger: apre un nuovo mercato bellico. L'Italia inoltre addestrerà le forze armate di un governo accusato di arrestare persone "colpevoli" di aver esercitato la libertà di espressione
8 febbraio 2019

Asgi, Cil e Rete Disarmo rivelano i contenuti dell'accordo stipulato nel 2016 dal Governo Gentiloni. Addestramento per il controllo delle migrazioni, ma anche «acquisizione di prodotti per la difesa».

E questo governo continua sulla stessa strada del precedente.

Sulla questione migranti, la ministra della Difesa Trenta (M5S) ha dichiarato: “Via a missione militare in Niger: un successo del governo”.

“Si tratta di un grandissimo risultato di questo governo – scrive la ministra – dopo mesi e mesi di immobilismo". I retroscena della missione italiana in Niger: armi e migranti

Ma a gennaio dello scorso anno il M5S votò contro e Lega si astenne. Mentre adesso - con una apposita missione del primo ministro Conte in Niger - il governo porta a casa il risultato tanto caldeggiato dalla ministra Trenta.

Conte infatti ha concordato l'addestramento delle forza armate locali. E tutto questo il governo italiano lo fa trattando con il governo del Niger che è accusato di violere i diritti umani.  "Centinaia di persone, compresi prigionieri di coscienza, sono state arbitrariamente arrestate e perseguite per aver esercitato il loro diritto alla libertà d’espressione e d’associazione", si legge sul rapporto per il Niger di Amnesty International.

Per approfondire il tema dell'esternalizzazione delle frontiere e in particolare il Niger, può anche essere utile leggere il rapporto dell'ARCI. Sono stati infatti stretti accordi per i respingimenti di massa, nonostante il divieto delle convenzioni internazionali.

E poi in Niger c'è anche il petrolio e l'uranio. Una missione militare può sempre essere utile. In Niger non ci sono gli scafisti ma tante opportunità da esplorare.

E allora ecco il testo degli accordi tra Italia e Niger adesso pubblico grazie all’accesso agli atti intrapreso con Associazione Studi Giuridici Immigrazione e Coalizione Italiana Libertà e Diritti civili, dove si evince come con un atto amministrativo, mai discusso dal parlamento, si prefigura una fattiva collaborazione militare dei cui scopi reali non è mai fatta menzione nel documento stesso.

Note: Il testo dell'accordo Italia-Niger è stato ottenuto da ASGI CILD e NAGA mediante l'importante strumento dell'accesso civico http://www.funzionepubblica.gov.it/accesso-civico

Articoli correlati

  • La Germania rinuncia agli F-35: troppo costosi
    Disarmo
    Il governo tedesco ha detto no alla Lockheed Martin e a Donald Trump

    La Germania rinuncia agli F-35: troppo costosi

    Sceglierà caccia più economici: o l'Eurofighter (che costa quasi la metà dell'F-35) o il caccia F/A-18 della Boeing (che costa un terzo dell'F-35).
    16 febbraio 2019 - Redazione PeaceLink
  • "Ilva, vittoria del Movimento"
    Ecologia
    Il M5s in Italia presenta il caso ILVA come un successo

    "Ilva, vittoria del Movimento"

    Ma a Taranto Di Maio non mette piede, anche perché c'è il Wind Day
    13 febbraio 2019 - Alessandro Marescotti
  • Su Taranto Wind Day fortissimo
    Ecologia
    Ecco come appariva oggi il quartiere Tamburi

    Su Taranto Wind Day fortissimo

    Venti a 50 km/h hanno sradicato alberi e fatto volare su Taranto le polveri dell'ILVA. Oggi è il secondo giorno di Wind Day a Taranto. Domani si preannuncia un'altra giornata terribile.
    13 febbraio 2019 - Redazione PeaceLink
  • Cambio di strategia del M5s sugli F-35, il governo chiede di costruirne di più in Italia
    Disarmo
    La richiesta all'amministrazione Trump: "Aiutateci a realizzare in Italia gli F-35 di altri Paesi"

    Cambio di strategia del M5s sugli F-35, il governo chiede di costruirne di più in Italia

    Il M5s aveva criticato la scelta di produrre gli F-35 in Italia: "Sono predisposti per le bombe nucleari". Invece il sottosegretario pentastellato alla Difesa, Angelo Tofalo, è andato negli USA a chiedere di ampliare la produzione di F-35 in Italia. Intanto via libera del M5s anche ai droni militari
    8 febbraio 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)