Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

12 luglio 2005 – ore 22.30. Roma, Università La Sapienza – piazzale Facoltà di Chimica Nell’ambito de “La Sapienza piazza di Roma”

Iraq: università, saperi, culture

Testimonianze, immagini, appelli e iniziative per le università, i docenti, gli studenti e gli operatori culturali in Iraq dopo due anni di guerra infinita
12 luglio 2005

Agenzia Il Segnalibro e Ass. “Una Biblioteca per Bagdad”

presentano

Iraq: università, saperi, culture
Testimonianze, immagini, appelli e iniziative per le università, i docenti, gli studenti e gli operatori culturali in Iraq dopo due anni di guerra infinita

Individuare nuove strade per favorire quel riavvicinamento che molti intellettuali e cittadini iracheni aspettano dal giorno della caduta di Saddam, e che l’interminabile dopoguerra rende ancora difficile. Questa la finalità della conferenza promossa all’interno della manifestazione La Sapienza piazza di Roma dall’Agenzia il Segnalibro e l’Ass. Culturale “Una Biblioteca per Bagdad”.
L’Associazione, attiva da due anni, è nata con l’obiettivo di sollecitare la maggiore attenzione del mondo culturale italiano sulla condizione delle università, i docenti, gli studenti e gli operatori culturali in Iraq, prezioso indicatore dei reali processi civili e culturali di democratizzazione in atto.
“Una biblioteca per Bagdad” opera attraverso progetti di cooperazione in campo universitario e di aiuto per la salvaguardia e la ricostruzione del patrimonio librario delle Università e delle Biblioteche irachene, distrutto dalla furia dei saccheggi seguiti al crollo del regime baathista.
Tra i progetti: la “una biblioteca virtuale” condivisa, realizzata attraverso il web (http://www.unabibliotecaperbagdad.org) dedicata ai temi della pace, dell’interculturalità e della convivenza dei popoli. Una raccolta di titoli, sinossi e estratti di libri, tradotti in arabo e in inglese, che, in seguito, potranno essere donati alle “biblioteche di carta” della Bagdad Univesity e di altre istituzioni pubbliche e universitarie irachene, per favorire l’accrescimento reciproco di mondi culturali tenuti distanti da anni di guerra e embergo.

Presentato per la prima volta nel corso di “Più Libri Più Liberi” – III Fiera delle piccola e media editoria di Roma (8 dicembre 2004), all’attenzione dei principali media italiani, il progetto ha raccolto nei mesi successivi importanti adesioni. La più significativa è la donazione di 3.000 volumi di letteratura italiana e romanza da parte della Biblioteca Interdipartimentale Angelo Monteverdi dell’Università La Sapienza di Roma, a favore della rinata Biblioteca Nazionale di Bagdad (iniziativa con l’Ass. “Un ponte per…”); assieme a quelle di altre istituzioni, singoli docenti, studenti, editori e cittadini.
Queste azioni assieme alle iniziative delle ONG impegnate ancora sul campo cominciano ad assumere concretezza, ma si scontrano con le difficoltà operative connesse alla precarietà e al caos in cui versa l’intero Paese, che accomuna intellettuali e società civile, docenti universitari e giovani studenti, operatori locali e organizzazioni di cooperazione internazionale.

Si avverte l’urgenza di una riflessione e di risposte agli appelli di aiuto e solidarietà provenienti dalle università irachene, come quello lanciato dagli studenti democratici di Bassora. A questa esigenza vuole rispondere il programma della conferenza, che darà ampio spazio alle testimonianze, alle immagini e agli appelli provenienti dal mondo intellettuale e accademico iracheno. Il momento conclusivo verterà sulla presentazione di iniziative concrete di realtà non profit impegnate nella ricostruzione e sul dibattito sulle prospettive future del progetto “Una Biblioteca per Bagdad”, aperto ai contributi del pubblico presente.

Per ulteriori informazioni
Ass. Una Biblioteca per Bagdad, Pres. Piero Rovigatti - cell. 349.2313987
http://www.unabibliotecaperbagdad.org - library.baghdad@tiscali.it

Ufficio Stampa e Comunicazione
Agenzia Il Segnalibro: Resp. Claudia Leuci http://www.ilsegnalibro.itufficiostampa@ilsegnalibro.it

Allegati

Articoli correlati

  • Ti ricorderemo, Gino Strada
    Pace
    Un mese fa moriva Gino Strada

    Ti ricorderemo, Gino Strada

    Ha lasciato un segno nella Storia e nelle nostre coscienze, ci ha esortato a credere in un futuro senza guerre. Lavorava, soffriva per quello che vedeva e si interrogava.
    10 settembre 2021 - Maria Pastore
  • L'esportazione della democrazia e Gino Strada
    Pace
    Afghanistan

    L'esportazione della democrazia e Gino Strada

    Nessuno gli ha dato ascolto, se non la povera gente di cui ha guarito le ferite senza fare distinzione alcuna. Quello che sta succedendo è la bancarotta morale dell'Occidente.
    17 agosto 2021 - Gianfranco Mammone
  • La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange
    Pace
    Non uccidere il messaggero

    La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange

    Il fondatore di Wikileaks ci aveva da tempo avvertito che in Afghanistan le truppe USA/NATO non stavano “guadagnando le menti e i cuori” della popolazione; anzi, si stavano facendo odiare. Ma il messaggio non è stato ascoltato e il messaggero è ora in prigione in attesa di giudizio.
    17 agosto 2021 - Patrick Boylan
  • Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?
    Cultura
    Sul programma televisivo "La Caserma"

    Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?

    Quello che propongono i media a mo' di gioco, nella realtà è molto, molto più triste. Cosa vogliamo raccontare ai nostri ragazzi, la finzione o la realtà?
    26 maggio 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)