Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • PsyOps
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • "Lei ama la guerra?"
    Una lettura utile ai tempi di Trump

    "Lei ama la guerra?"

    Emilio Lussu sulla guerra
    14 aprile 2018
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Cartesio contro la guerra
    Il grande filosofo e matematico

    Cartesio contro la guerra

    Affermò nel XVII secolo: "Chi vede come noi uomini siamo fatti e pensa che la guerra è bella o che valga più della pace è storpio di mente".
    1 aprile 2018 - Alessandro Marescotti
12 luglio 2005 – ore 22.30. Roma, Università La Sapienza – piazzale Facoltà di Chimica Nell’ambito de “La Sapienza piazza di Roma”

Iraq: università, saperi, culture

Testimonianze, immagini, appelli e iniziative per le università, i docenti, gli studenti e gli operatori culturali in Iraq dopo due anni di guerra infinita
12 luglio 2005

Agenzia Il Segnalibro e Ass. “Una Biblioteca per Bagdad”

presentano

Iraq: università, saperi, culture
Testimonianze, immagini, appelli e iniziative per le università, i docenti, gli studenti e gli operatori culturali in Iraq dopo due anni di guerra infinita

Individuare nuove strade per favorire quel riavvicinamento che molti intellettuali e cittadini iracheni aspettano dal giorno della caduta di Saddam, e che l’interminabile dopoguerra rende ancora difficile. Questa la finalità della conferenza promossa all’interno della manifestazione La Sapienza piazza di Roma dall’Agenzia il Segnalibro e l’Ass. Culturale “Una Biblioteca per Bagdad”.
L’Associazione, attiva da due anni, è nata con l’obiettivo di sollecitare la maggiore attenzione del mondo culturale italiano sulla condizione delle università, i docenti, gli studenti e gli operatori culturali in Iraq, prezioso indicatore dei reali processi civili e culturali di democratizzazione in atto.
“Una biblioteca per Bagdad” opera attraverso progetti di cooperazione in campo universitario e di aiuto per la salvaguardia e la ricostruzione del patrimonio librario delle Università e delle Biblioteche irachene, distrutto dalla furia dei saccheggi seguiti al crollo del regime baathista.
Tra i progetti: la “una biblioteca virtuale” condivisa, realizzata attraverso il web (http://www.unabibliotecaperbagdad.org) dedicata ai temi della pace, dell’interculturalità e della convivenza dei popoli. Una raccolta di titoli, sinossi e estratti di libri, tradotti in arabo e in inglese, che, in seguito, potranno essere donati alle “biblioteche di carta” della Bagdad Univesity e di altre istituzioni pubbliche e universitarie irachene, per favorire l’accrescimento reciproco di mondi culturali tenuti distanti da anni di guerra e embergo.

Presentato per la prima volta nel corso di “Più Libri Più Liberi” – III Fiera delle piccola e media editoria di Roma (8 dicembre 2004), all’attenzione dei principali media italiani, il progetto ha raccolto nei mesi successivi importanti adesioni. La più significativa è la donazione di 3.000 volumi di letteratura italiana e romanza da parte della Biblioteca Interdipartimentale Angelo Monteverdi dell’Università La Sapienza di Roma, a favore della rinata Biblioteca Nazionale di Bagdad (iniziativa con l’Ass. “Un ponte per…”); assieme a quelle di altre istituzioni, singoli docenti, studenti, editori e cittadini.
Queste azioni assieme alle iniziative delle ONG impegnate ancora sul campo cominciano ad assumere concretezza, ma si scontrano con le difficoltà operative connesse alla precarietà e al caos in cui versa l’intero Paese, che accomuna intellettuali e società civile, docenti universitari e giovani studenti, operatori locali e organizzazioni di cooperazione internazionale.

Si avverte l’urgenza di una riflessione e di risposte agli appelli di aiuto e solidarietà provenienti dalle università irachene, come quello lanciato dagli studenti democratici di Bassora. A questa esigenza vuole rispondere il programma della conferenza, che darà ampio spazio alle testimonianze, alle immagini e agli appelli provenienti dal mondo intellettuale e accademico iracheno. Il momento conclusivo verterà sulla presentazione di iniziative concrete di realtà non profit impegnate nella ricostruzione e sul dibattito sulle prospettive future del progetto “Una Biblioteca per Bagdad”, aperto ai contributi del pubblico presente.

Per ulteriori informazioni
Ass. Una Biblioteca per Bagdad, Pres. Piero Rovigatti - cell. 349.2313987
http://www.unabibliotecaperbagdad.org - library.baghdad@tiscali.it

Ufficio Stampa e Comunicazione
Agenzia Il Segnalibro: Resp. Claudia Leuci http://www.ilsegnalibro.itufficiostampa@ilsegnalibro.it

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)