Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • “L'esecuzione” di Robert Badinter - Spirali Edizioni -

    La barbarie della pena di morte nel racconto di un grande intellettuale francese, tra romanzo e saggio civile.
    Una magnifica testimonianza, una scrittura contraddistinta dalla lucidita' del tono narrativo e dall’intelligenza delle analisi, intorno ad una questione di civilta', che - dopo la moratoria dell'ONU e la ripresa delle esecuzioni negli Stati Uniti - continua ad essere, purtroppo, ancora attuale.
    27 giugno 2008 - Elisabetta Caravati
  • La legge approvata ad ampia maggioranza dal Congresso

    Guatemala: misure repressive del governo per combattere l'insicurezza sociale

    Approvata la Ley de Indulto, che concede al capo di stato il potere di concedere o meno la grazia ai condannati a morte.
    18 febbraio 2008 - David Lifodi
  • Esecuzioni illegali in Nigeria

    La Nigeria accusata di eseguire segretamente condanne a morte

    All'indomani del voto sulla moratoria contro la pena di morte alle Nazioni Unite, la Nigeria rimane uno dei paesi principali su cui si concentrano le pressioni per un maggiore impegno sull'abolizione della pena capitale
    19 dicembre 2007 - Matteo Figus
  • Appello

    Blocchiamo la lapidazione di Pegah

    Chiediamo al Governo Italiano di impegnarsi perché Pegah non sia lapidata in Iran
    23 agosto 2007 - Doriana Goracci
sulla pena di morte

Cronaca dei sentimenti: Caino è mio fratello.

E' difficile convincere che la pena di morte non rende giustizia all'uomo.
Così difficile che, l'unico modo valido, può essere quello di cercare di dimostrare che siamo uguali al mostro, nel momento in cui ne invochiamo la morte.
5 aprile 2006 - Paola Maccioni

Devo chiarire il senso ultimo del mio articolo pubblicato con il titolo: “Il perdono impossibile: quando Caino non è mio fratello”.

Devo chiarirlo, perchè non sono stata in grado di formulare giuste frasi e della mia argomentazione è rimasta solo l’antitesi: chiedo la pena di morte.

Ho cercato di fare la cronaca dei sentimenti comuni. Di riportare, apoliticamente, le radici del pensiero e delle voci che si sono levate dopo gli orribili fatti. Orribili, ma non unici. Ciò che li ha resi insopportabili è stato l’aver visto e sentito, l’uomo che sapeva, proclamare la sua innocenza; gridare alla persecuzione; invocare la liberazione per Tommaso e il rispetto per il proprio figlio. Forse, se i comunicatori avessero evidenziato che, quello stesso uomo che proponevano come vittima, era, in realtà, una persona non nuova al crimine e soprattutto, che ciò che dicevano e mostravano era sotto pagamento, forse, e dico forse, nell’opinione pubblica non ci sarebbe stato quel dubbio. Forse, alla fine di tutto, non chiederemmo il conto anche per aver “creduto” a quelle immagini e a quelle parole.
Siamo abituati al male e alle efferatezze peggiori, ma non vogliamo essere presi in giro quando com-patiamo.

Credo che le società civili, nella loro evoluzione socio-culturale, e non solo biologica, abbiano imparato a riconoscersi e a riconoscere le proprie miserie. Ecco perchè, con onestà intellettuale, ognuno di noi può affermare che Caino è fratello dell’uomo. Non solo in quanto assassino, ma in quanto portatore di passioni incompatibili con la società e l’etica. Non riconosciamo più Caino quando esce dagli schemi, quando prende le nostre sembianze.

Ed ecco il meccanismo della punizione estrema.

Alla fine del mio articolo, ho fatto cronaca anche del dolore e delle lacrime. Comuni a tutti. Comuni ai genitori di Virginia, ai familiari del tassista ucciso. Ma, a conferma di ciò che ho scritto, ditemi: ricordate i loro nomi, i loro volti, il perchè delle loro morti inutili? Chiedete la pena di morte per quel giovane ventiduenne Stefano? No. O forse sì, ma con meno indignazione. Eppure ha ucciso due volte.

Mi sono chiesta perchè esiste il bisogno di appellarsi alla pena di morte:

"Quell'uomo è un mostro della natura. Solo la sua morte potrà placare lo strazio e ridargli la sua umanità. E con la sua umanità acquisterà anche il perdono."

Potrò perdonarlo perchè la morte è il terrore dell’uomo. È il terrore di ogni Caino. È ciò che ci accomuna in quanto uomini. Ed ecco perchè, in pochissime parole dette molto male, ho detto che l’unico modo di non accettare di essere uguale a un mostro è quello di perdonarlo.

L’ho scritto molto male. Non ho giustificazioni, se non la mia umanità, nei confronti di chi è coerentemente, senza SE e senza Ma, contro la pena di morte. Invito, invece, i fautori della pena estrema a rileggere soprattutto le ultime parole:

" Perchè mentre scrivo e il cuore e gli occhi si gonfiano di lacrime, sento che neanche la morte di Mario Alessi e di mostri come lui potrà dare pace.
Forse potrà portare pace quel perdono immenso e grandioso che mi distanzia dall'essere uguale a lui nel desiderare la sua morte. Che mi porta tanto in alto da dirgli: ti perdono.
E a riconoscerlo ancora una volta in Caino e quindi in mio fratello."

Note:

http://italy.peacelink.org/pace/articles/art_15834.html

Il perdono impossibile: quando Caino non è mio fratello.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)