Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Il nazismo e la cultura dell'obbedienza

Eichmann: "Non ho fatto che obbedire. Ho fatto solo il mio dovere"

Ecco come il regime aveva educato intere generazioni. La Arendt parlò di "banalità del male"
22 settembre 2003
Daniele Novara
Fonte: Daniele Novara, "Scegliere la pace - educazione ai rapporti", Edizioni Gruppo Abele, Torino

Nel 1961 si tenne a Gerusalemme il processo a A.Eichmann, uno dei gerarchi nazisti più coinvolti nello setriminio degli ebrei, in quanto responsabile del trasporto e deportazione degli stessi. Ai giudici che lo interrogavano sulle sue responsabilità, non cessò mai di ripetere: "Non ho fatto che obbedire. Ho fatto solo il mio dovere". Ripeteva che non si sentiva colpevole nel senso dell'accusa, ossia di essere un assassino, in quanto si sentiva semplicemente una rotella in una macchina burocratica funzionante a dovere. Potè quindi dichiarare: "Non ho mai ammazzato un ebreo, né del resto un non-ebreo; non ho mai ammazzato un essere umano".
Ribadì che quanto il nazismo compì in quegli anni era sotto il segno della legalità e che nessuno all'epoca si sarebbe posto i problemi che il processo affrontava vent'anni dopo. I giudici non gli credettero e lo sottoposero a visita psichiatrica per poi dover ammettere che era sano e normale. Non solo, uno degli psichiatri esclamò: "Più normale di quello che sono io, dopo averlo visitato".
(...)
E' quello che H. Arendt dovette definire come "banalità del male": la capacità degli individui normali, buoni, tranquilli, di rinunciare alla loro umanità nel momento in cui vengono incorporati in più vaste strutture istituzionali. Come ha scritto S.Milgram "lealtà, disciplina e autosacrificio, cioè alcune delle virtù più apprezzate in un individuo, sono altrettante caratteristiche che rendono possibile l'esistenza di organizzazioni e di meccanismi di distruzione e di sterminio poiché legano gli uomini a degli ignobili sistemi di autorità". (...)
Già Goebbels nel 1943 aveva dichiarato: "Passeremo alla storia come i più grandi statisti di tutti i tempi, o come i più grandi criminali".

Articoli correlati

  • Il sapore di una speranza indistruttibile
    Storia della Pace
    Riflessioni sulla capacità di resistere al male

    Il sapore di una speranza indistruttibile

    Vale la pena leggere e rileggere lo scritto "La Madonna Sistina" di Vasilij Grossman, scrittore russo epico, corrispondente di guerra per il quotidiano dell'esercito Stella Rossa, testimone lucido della resistenza al nazismo e della repressione staliniana
    12 ottobre 2020 - Franca Sartoni
  • Così si organizzarono per resistere al massacro e evitarlo
    Editoriale
    16 maggio 1944: quando Rom e Sinti fecero resistenza alle SS

    Così si organizzarono per resistere al massacro e evitarlo

    L’angelo della morte, il dottor Mengele, compiva esperimenti efferati sugli zingari. In quel giorno era previsto l’assassinio e il massacro di oltre 500 Rom e Sinti.
    15 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Alcune franche parole nell'anniversario del rogo dei libri del 10 maggio 1933 a Berlino
    Cultura
    Oggi Internet rischia di promuovere la barbarie, per bruciare in altro modo i libri

    Alcune franche parole nell'anniversario del rogo dei libri del 10 maggio 1933 a Berlino

    I libri sono il modo con cui gli esseri umani possono dialogare al di la' delle distanze spaziali e temporali e proseguire il cammino che dall'ignoranza porta alla verita', che dalla solitudine porta all'incontro, che dal regno della necessita' porta al regno della liberta'.
    10 maggio 2020 - Peppe Sini
  • La Liberazione di Mauthausen
    Editoriale
    5 maggio 1945 - 5 maggio 2020 - Mai più Lager

    La Liberazione di Mauthausen

    75esimo della Liberazione del campo di concentramento e sterminio di Mauthausen. La Deportazione e la Liberazione va raccontata ai giovani. E' oggi più che mai importante la Pedagogia della Memoria e della Resistenza.
    4 maggio 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)