Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Cari pacifisti, vi spiego perché ho approvato quell’accordo

Lettera dal Senato, su Afghanistan e politica estera
30 giugno 2006
Lidia Menapace
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

Oggi, cari amici pacifisti, devo narrrarvi cose gravi e difficili e non per scarico di coscienza o per trovare giustificazioni o condivisioni da parte vostra, dato che so che la responsabilità di quello che decido è mia e intera la tengo.
Cominciano le prime decisioni del governo e la situazione non è allegra, almeno in Senato, dove -come è noto- la maggioranza è risicatissima e le imboscate possono sempre succedere. L’opposizione per ora fa una azione di disturbo regolamentare, un vero e proprio ostruzionismo, che è un diritto, ma non è una politica, se non quella di sfiancarci o trovarci sotto di uno o due senatori. D’altra parte il governo e la maggioranza sembrano voler usare molto il voto di fiducia per compattare senatori e deputati, il che però rende sempre più impicciata e difficile l’azione politica, tutta stretta fra richieste di verifiche, dispute regolamentari ecc. L’impressione di una sede che non ha rapporti con la realtà è sempre più forte.

Ieri 28 giugno siamo stati -state bloccati, si può dire l’intera giornata in una serie di impuntature (tutte sull’interpretazione del regolamento) che alcuni seguono con appassionato interesse e molti con atteggiamento di gioco e sfida: insomma una cosa alquanto grottesca. A me viene sempre in mente che se gli uomini avessero dovuto occuparsi non solo di se stessi, ma anche della cura di altri, non avrebbero costruito un mondo, specialmente politico, con regole senza senso.

Un voto di fiducia siamo riusciti a darlo ma il secondo della giornata è stato bloccato dall’opposizione appunto con una sequela di trucchi regolamentari ai quali la maggioranza non sembra altrettanto attrezzata a respingere. Ero molto distratta e incapace di appassionarmi, solo dotata di pazienza, fomentata dall’aria condizionata d’aula.

Ero però molto agitata da quello che era successo il pomeriggio precedente, quando avevo ascoltato la relazione dei capigruppo del Prc di Senato e Camera sulle decisioni e dicharazioni del governo sull’Afganistan. Il Governo era partito con dichiarazioni, sia del ministro degli Esteri che della Difesa su posizioni che non si potevano accogliere, cioè di accettazione delle richieste della Nato (che non è nemmeno abilitata a chiedere ciò che chiede) cioè di mandare altre truppe italiane e armamenti, quasi a giustificazione per essercene andati dall’Iraq. Attraverso una trattativa non semplice perchè quasi tutto l’Ulivo è d’accordo con simili posizioni, e dall’opposizione si profila una disponibilità dichiarata da parte dell’Udc di fare da stampella al Governo su posizioni belliciste (non senza conti presentati).

Una sorta di cinismo ripugnante “scambio” Iraq con Afghanistan e un patto tra “moderati” apre alla Grande coalizione e allo “scarico” della sinistra radicale come fosse una partita a scacchi o a tombola.
Ciò che discutendo si è ottenuto è: nessun ampliamento di presenze italiane in Afganistan, nè di dispiegamento fuori dalle zone in cui sono già stanziate, il mantenimento delle stesse spese per la missione ma con una ripartizione più orientata al civile che al militare, la scrittura di una mozione di indirizzo e l’istituizione di una commissione di monitoraggio, appunto per seguire e tenere sotto controllo tutto.

Mi sembra importante che si sia riusciti a mantenere fermo il punto che nell’Unione ciò che è stato convenuto sul programma è impegnativo e ciò che nel programma non è contenuto deve essere trattatto con lo stesso metodo del consenso che è servito per il programma. E’ ciò che è stato fatto sull’Afghanistan ed è anche ciò che mi ha convinta ad approvare l’accordo, pronta a mutare opinione se i fatti i del governo non fossero limpidamente ancorati ad esso. Non è semplice ciò che è stato ottenenuto ma sembra una prima forma di riduzione del danno e la convalida del metodo della decisione a consenso. Anche l’avvio di una commissione di monitoraggio va capita bene e utilizzata il più possibile. Dire no all’accordo in questo caso accelera semplicemente lo scivolamento a destra del governo, il proflarsi di una maggioranza che raccoglie Casini e company su posizioni molto filoatlantiche e così via. Il dilemma resta drammatico. La mia decisione resta sempre legata alla possibilità che verifiche insodisfacenti mi inducano a mutare opinione.

Articoli correlati

  • Dopo il Vietnam ora la ritirata dall'Afghanistan
    Editoriale
    Gli USA hanno trattato con gli odiati talebani per andare via

    Dopo il Vietnam ora la ritirata dall'Afghanistan

    Poco fa Trump annuncia il ritiro delle truppe dall'Afghanistan, dopo una guerra durata 19 anni e aver bruciato immense risorse militari. Ora dichiara di aspettarsi che i talebani combattano il terrorismo. E' incredibile ma è così.
    29 febbraio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Non sarà possibile indagare in Afghanistan sui crimini di guerra
    Conflitti
    Il veto americano

    Non sarà possibile indagare in Afghanistan sui crimini di guerra

    Gli Stati Uniti infatti hanno negato i visti di ingresso agli investigatori della Corte penale internazionale
    14 aprile 2019 - Redazione PeaceLink
  • Afghanistan, la scomoda verità mai raccontata dai governi italiani
    Conflitti
    "Migliaia di talebani uccisi dal contingente italiano", lo scrive oggi un analista militare

    Afghanistan, la scomoda verità mai raccontata dai governi italiani

    Un impegno in prima linea negato in nome della retorica della "missione di pace". Adesso che si sta discutendo del ritiro del contingente italiano, il governo dovrebbe fare piena luce su questa violazione dell'articolo 11 della Costituzione Italiana
    29 gennaio 2019 - Alessandro Marescotti
  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)