Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Cosa non si fa per apparire

Liberato Gabriele Torsello. Rapiti alcuni parlamentari italiani

La follia si è impadronita di alcuni parlamentari che, invece di gioire, sono stati rapiti dalla smania di protagonismo e sfruttano l'effetto-media per lanciarsi nei soliti giochi di immagine e di potere
3 novembre 2006
Alessandro Marescotti (www.peacelink.it)

Gabriele Torsello Era un momento bellissimo. Da poche ore Gabriele Torsello camminava libero. Telefonava ad Emergency. Il suo volto sorridente ci ridava speranza e fiducia.

Ed ecco sbucare alcuni parlamentari che - invece di unirsi al sentimento comune - si fanno rapire dalla smania di protagonismo e sfruttano l'effetto-media per lanciarsi nei soliti giochi dialettici di immagine e di potere.

E parlano di servizi segreti, di Sismi, di poltrone chiave, di equilibri negli organigrammi degli 007. E parlano, parlano, parlano. Dei veri parlamentari da paranoia.

"Dopo la liberazione di Torsello la Cdl si schiera a favore del Sismi", possiamo leggere attoniti su RaiNews24.

Noi di PeaceLink, che di poltrone occupiamo solo quelle che stanno di fronte ai nostri computer, vogliamo invece dire che questo non è il momento delle strumentalizzazioni ma della gioia e della speranza che riprende la parola. Chi la speranza e il coraggio non ce l'ha se ne stia in silenzio.

Perché oggi ritorna il libertà un uomo libero e coraggioso che è uscito fuori dei Palazzi per portare lo sguardo e l'obiettivo su ciò che il Potere non vede o non vuole vedere: l'orrore della guerra, della povertà e della violazione dei diritti umani.

A Gabriele Torsello e alla sua famiglia vanno i nostri pensieri di stima e di ringraziamento. A Emergency e a PeaceReporter va il nostro grazie per l'instancabile opera di testimonianza, informazione e collegamento.

Ai parlatori da delirio non va proprio nulla: toglietevi dalle scatole almeno per un giorno. Grazie.

Articoli correlati

  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Aumentano i bombardamenti in Afghanistan. Onu: «Sempre più vittime civili»
    Editoriale
    Washington testa i nuovi F35

    Aumentano i bombardamenti in Afghanistan. Onu: «Sempre più vittime civili»

    La strategia di Trump è quella di convincere la guerriglia a trattare con un'escalation di attacchi. Una strategia intollerabile che colpisce una popolazione stremata da una guerra che dura da 17 anni e che è costata quasi mille miliardi di dollari.
    9 ottobre 2018 - Alessandro Marescotti
  • L'Italia rimarrà in Afghanistan fino al 2024
    Conflitti
    Sull'Afghanistan il MS5 ha cambiato posizione

    L'Italia rimarrà in Afghanistan fino al 2024

    "Noi del Movimento cinque stelle pensiamo che il contingente italiano non debba più restare in Afghanistan", diceva Luigi Di Maio. Adesso il ministro della Difesa prende l'impegno di mantenere sul campo le truppe della missione militare "a lungo termine".
    16 luglio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Il "governo del cambiamento" faccia tornare i soldati italiani dall'Afghanistan
    Editoriale
    Un appello

    Il "governo del cambiamento" faccia tornare i soldati italiani dall'Afghanistan

    In Afghanistan produzione di oppio senza precedenti. L’ONU sostiene che la produzione record di oppio ha portato in Afghanistan ad una rapida espansione dell'economia illegale nel 2017. La guerra puzza sempre più di droga e di ipocrisia
    10 giugno 2018 - Alessandro Marescotti

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.9 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)