Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

D'Alema

Massimo sconcerto

Non ci rimane che l'ironia
8 marzo 2007

Martedì 20 febbraio, pochi giorni dopo la manifestazione di Vicenza contro la costruzione di una nuova base USA:
"Ho fatto presente a Condoleeza Rice che ci sarebbero delle valutazioni ambientali"

Ora possiamo essere tranquilli, Condy sa che ci sarebbero dei problemini. Come dire balbettando alla Fantozzi "ho alzato il ditino come a scuola e, timido timido, ho detto: scusate vossia ma sa ...". L'unico problema è che D'Alema non è Fantozzi ma ministro della Repubblica nella quale sorgerà la base. Non dovrebbe quindi fare presente ad un'autorità estera ma tutelare gli interessi e la sovranità del proprio Paese.

3 marzo:
"Sul caso Calipari gli USA hanno perso un'occasione. Nel caso del Cermis si comportarono meglio"

Si, come no! Infatti "nel caso del Cermis" gli statunitensi si sono ripresi il pilota, l'hanno assolto e poi l'hanno pure decorato al merito...

5 marzo, appresa dell'ennesima strage di civili compiuta in un raid aereo in Afghanistan:
"Quel che e' accaduto crea in noi un grande turbamento"

Dopo aver appreso della notizia i parenti dei civili afghani, col cuore affranto, stavano pensando di inviare messaggi di solidarietà al nostro commossi. Poi si sono accorti che non avevano mezzi per farlo. Li avevano bombardati gli USA ...
Subito dopo arriva la perla:
"è preoccupante che possa diffondersi tra i cittadini afgani un sentimento ostile nei confronti dei militari della Nato che sono lì per difendere il Paese"

Per la serie: li stiamo solo massacrando(ma per difenderli! attenzione, lo facciamo per loro. Noi non vorremmo ma siamo costretti, ci sacrifichiamo per loro ...), ma siccome siamo noi speriamo che ci applaudino. Se si arrabbiano saranno sciocchi anche loro?(vedere notizia sotto)

6 marzo, appena appresa la notizia del rapimento del giornalista di Repubblica Daniele Mastrogiacomo:
"È del tutto sciocco strumentalizzare una vicenda di questo tipo così delicata in una discussione di carattere politico che non può muovere da un episodio per quanto drammatico"

Ovvero, al di là delle contorsioni linguistiche: Mastrogiacomo è stato rapito in Afghanistan, in Afghanistan c'è una guerra e l'Italia è parte in causa. Ma non pensate che la guerra e il rapimento abbiano dei collegamenti. Nooo????!!! E' da sciocchi ... Infatti nessuno l'ha pensato in questi giorni, è così intelligente non farlo ...

Articoli correlati

  • Dopo il Vietnam ora la ritirata dall'Afghanistan
    Editoriale
    Gli USA hanno trattato con gli odiati talebani per andare via

    Dopo il Vietnam ora la ritirata dall'Afghanistan

    Poco fa Trump annuncia il ritiro delle truppe dall'Afghanistan, dopo una guerra durata 19 anni e aver bruciato immense risorse militari. Ora dichiara di aspettarsi che i talebani combattano il terrorismo. E' incredibile ma è così.
    29 febbraio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Non sarà possibile indagare in Afghanistan sui crimini di guerra
    Conflitti
    Il veto americano

    Non sarà possibile indagare in Afghanistan sui crimini di guerra

    Gli Stati Uniti infatti hanno negato i visti di ingresso agli investigatori della Corte penale internazionale
    14 aprile 2019 - Redazione PeaceLink
  • Afghanistan, la scomoda verità mai raccontata dai governi italiani
    Conflitti
    "Migliaia di talebani uccisi dal contingente italiano", lo scrive oggi un analista militare

    Afghanistan, la scomoda verità mai raccontata dai governi italiani

    Un impegno in prima linea negato in nome della retorica della "missione di pace". Adesso che si sta discutendo del ritiro del contingente italiano, il governo dovrebbe fare piena luce su questa violazione dell'articolo 11 della Costituzione Italiana
    29 gennaio 2019 - Alessandro Marescotti
  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)