Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

D'Alema

Massimo sconcerto

Non ci rimane che l'ironia
8 marzo 2007

Martedì 20 febbraio, pochi giorni dopo la manifestazione di Vicenza contro la costruzione di una nuova base USA:
"Ho fatto presente a Condoleeza Rice che ci sarebbero delle valutazioni ambientali"

Ora possiamo essere tranquilli, Condy sa che ci sarebbero dei problemini. Come dire balbettando alla Fantozzi "ho alzato il ditino come a scuola e, timido timido, ho detto: scusate vossia ma sa ...". L'unico problema è che D'Alema non è Fantozzi ma ministro della Repubblica nella quale sorgerà la base. Non dovrebbe quindi fare presente ad un'autorità estera ma tutelare gli interessi e la sovranità del proprio Paese.

3 marzo:
"Sul caso Calipari gli USA hanno perso un'occasione. Nel caso del Cermis si comportarono meglio"

Si, come no! Infatti "nel caso del Cermis" gli statunitensi si sono ripresi il pilota, l'hanno assolto e poi l'hanno pure decorato al merito...

5 marzo, appresa dell'ennesima strage di civili compiuta in un raid aereo in Afghanistan:
"Quel che e' accaduto crea in noi un grande turbamento"

Dopo aver appreso della notizia i parenti dei civili afghani, col cuore affranto, stavano pensando di inviare messaggi di solidarietà al nostro commossi. Poi si sono accorti che non avevano mezzi per farlo. Li avevano bombardati gli USA ...
Subito dopo arriva la perla:
"è preoccupante che possa diffondersi tra i cittadini afgani un sentimento ostile nei confronti dei militari della Nato che sono lì per difendere il Paese"

Per la serie: li stiamo solo massacrando(ma per difenderli! attenzione, lo facciamo per loro. Noi non vorremmo ma siamo costretti, ci sacrifichiamo per loro ...), ma siccome siamo noi speriamo che ci applaudino. Se si arrabbiano saranno sciocchi anche loro?(vedere notizia sotto)

6 marzo, appena appresa la notizia del rapimento del giornalista di Repubblica Daniele Mastrogiacomo:
"È del tutto sciocco strumentalizzare una vicenda di questo tipo così delicata in una discussione di carattere politico che non può muovere da un episodio per quanto drammatico"

Ovvero, al di là delle contorsioni linguistiche: Mastrogiacomo è stato rapito in Afghanistan, in Afghanistan c'è una guerra e l'Italia è parte in causa. Ma non pensate che la guerra e il rapimento abbiano dei collegamenti. Nooo????!!! E' da sciocchi ... Infatti nessuno l'ha pensato in questi giorni, è così intelligente non farlo ...

Articoli correlati

  • Pagina web della Campagna Guantanamo
    PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
  • Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia
    Laboratorio di scrittura
    A settecento anni dalla morte di Dante

    Nel nostro morbido bozzolo di indifferenza e di ignavia

    Viviamo in una zona di confort irreale, come se esistessimo solo noi. Non conosciamo gli eroi del nostro tempo, sono perseguitati e non li sosteniamo. Da questa letargica indifferenza ci risvegliamo quando la TV ci fa sentire in colpa e magari organizza un nuovo criminale "intervento umanitario".
    15 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»
    MediaWatch
    Droni, l’ex analista Usa che ha svelato i danni collaterali

    «Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre»

    Un caso di coscienza. Daniel Hale, figlio di un battista della Virginia, è stato condannato a quattro anni di reclusione per aver rivelato informazioni segrete sulle operazioni anti terrorismo durante l’amministrazione Obama. «Non un giorno senza rimorso»
    15 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti
    Conflitti
    Il video analizzato dal New York Times tocca l'illegalità delle uccisioni con i droni

    Il drone americano ha colpito l'auto ma non c'era nessun terrorista, solo civili innocenti

    Centrata in pieno l'auto del presunto attentatore dell'Isis ma in realtà era guidata da Zemari Ahmadi, un ingegnere che trasportava taniche d'acqua e collaborava con un gruppo di aiuto americano. Ci sono sette bambini fra i dieci civili uccisi a Kabul il 29 agosto dal drone USA.
    14 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)