Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Il "governo del cambiamento" faccia tornare i soldati italiani dall'Afghanistan
    Un appello

    Il "governo del cambiamento" faccia tornare i soldati italiani dall'Afghanistan

    In Afghanistan produzione di oppio senza precedenti. L’ONU sostiene che la produzione record di oppio ha portato in Afghanistan ad una rapida espansione dell'economia illegale nel 2017. La guerra puzza sempre più di droga e di ipocrisia
    10 giugno 2018 - Alessandro Marescotti
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • E' morto Fidel Castro

    E' morto Fidel Castro

    26 novembre 2016 - Marinella Correggia
Il precedente

Dalle botte talebane ai sequestri "democratici", dalle speranze di Intini agli auspici di D'Alema

Nel maggio 2001 Emergency dovette sospendere le sue attività in Afghanistan in seguito all'irruzione nell'ospedale di Kabul dei talebani
20 aprile 2007 - Alessio Di Florio

"Nella tarda mattinata di ieri un gruppo della polizia religiosa talibana, composto da circa 25 persone, è entrato con la forza nell'ospedale di Emergency scavalcando il muro di cinta e minacciando il personale dell'ospedale. Il gruppo, armato di kalashnikov e fruste, ha imposto a tutti i membri dello staff nazionale e internazionale di Emergency presenti in ospedale di inginocchiarsi, tenendoli sotto il tiro delle armi per quasi due ore. Alcuni di loro sono anche stati picchiati con rami strappati dagli alberi e usati come frusta. Tre membri dello staff locale sono stati arrestati con l'accusa di "aver opposto resistenza" e non ancora rilasciati."
Questo comunicato stampa denunciava al mondo il 18 maggio 2001 l'intimidazione violenta dei talebani nei confronti di Emergency. I fondamentalisti che erano entrati nell'ospedale avevano trovato a pranzare insieme uomini e donne, un comportamento considerato criminale nell'Afghanistan talebano. In seguito al gesto repressivo Emergency sospese le proprie attività. Gino Strada fa subito presente ai talebani che sulle condizioni di lavoro negli ospedali di Emergency e sul rispetto dei diritti umani universali(quindi estesi anche alle donne) non si poteva trattare.
L'ospedale(alle condizioni di Gino e senza nessuna limitazione imposta dai talebani) riesce a riaprire dopo diversi mesi, successivamente l'attacco statunitense e l'inizio della carneficina. Prima dell'11 settembre l'Afghanistan non occupava le prime pagine dei giornali e, se si esclude la vicenda dei Buddha distrutti dagli studenti coranici, nessuno si occupava del Paese caucasico. Quindi anche l'attacco talebano all'indipendenza di Emergency passò sotto silenzio. Il portale Vita.it nel suo archivio riporta una dichiarazione di speranza del sottosegretario agli Esteri Intini(nell'anno 2007 Beppe Grillo segnalava qualche giorno fa che oggi invece i nostri governanti non sperano, auspicano). Mentre alcuni mesi dopo l'impegno contro la guerra di Gino fu strumentalizzato a fini di propaganda e il chirurgo milanese divenne "amico dei talebani" per i coriferi della guerra.
Sono passati diversi anni e la cronaca di queste settimane è nota. Emergency, dietro sollecitazione della Farnesina, interviene per la liberazione del giornalista Daniele Mastrogiacomo e dei suoi collaboratori. Mastrogiacomo viene liberato mentre i suoi collaboratori verrano assassinati(uno subito dopo il sequestro, l'altro dopo una misteriosa seconda cattura talebana). I servizi segreti afghani, mentre D'Alema e i suoi collaboratori inondano l'etere di dichiarazioni, rapiscono Rahmatullah Hanefi, il direttore dell'ospedale di Emergency a Lashgar-Kah e figura chiave della sicurezza dell'ospedale stesso. Dopo settimane di detenzione(nelle quali giungono voci di torture nei suoi confronti) Rahmatullah ed Emergency vengono accusate di sostenere Al-Qaeda e i talebani con la copertura dell'attività umanitaria. Emergency è costretta a sospendere le sue attività nel Paese.
Gli anni sono passati ma a quanto pare le situazioni sono le stesse. Nel 2001 i talebani con la forza costrinsero Emergency a sospendere le sue attività. Le autorità italiane espressero "la speranza in una pronta riapertura dell'ospedale". 6 anni dopo i servizi segreti del "democratico" stato afghano rapiscono un collaboratore preziosissimo di Emergency, lanciano accuse infamanti e costringono la Ong a sospendere le sue attività. Le autorità italiane, davanti ai fatti e alle accuse di tortura, "auspicano che tutto si chiarisca rapidamente".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)