Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Repubblica Democratica del Congo, Kivu

    Che succede in Congo?

    Il governo congolese non ha ceduto alla pressione occidentale che avrebbe voluto la rescissione degli accordi tra la Repubblica Democratica del Congo e la Cina. Che relazione c'è tra questo e i ribelli di Nkunda? Quale gioco sta giocando la MONUC?
    10 novembre 2008 - José Garcia Botia
  • Vertice ONU con Kagame e Kabila
    Kivu, Repubblica Democratica del Congo

    Vertice ONU con Kagame e Kabila

    Dopo lunghe consultazioni e trattative, la comunità internazionale ha deciso di promuovere un vertice sul conflitto nel nord del Kivu che si terrà venerdì a Nairobi.
    5 novembre 2008 - Daniele Mastrogiacomo
  • A norma (per legge) le ecoballe Campane
    L'ennesimo atto scellerato del moribondo governo Prodi

    A norma (per legge) le ecoballe Campane

    Il governo Prodi intende bruciare le ecoballe campane fuori norma nell'inceneritore di Acerra
    3 marzo 2008 - Vittorio Moccia
  • Kossovo: storia di una repubblica fondata sulla guerra
    Dieci anni fa le convenzioni di Ginevra morivano a Belgrado. Oggi il diritto Internazionale muore a Pristina

    Kossovo: storia di una repubblica fondata sulla guerra

    Dai tentativi locali di riconciliazione delle etnie all'"indipendenza" pilotata dall'occupazione militare: i passaggi chiave e i retroscena della "guerra umanitaria" che ha creato dal nulla una repubblica amica della Nato.
    24 febbraio 2008 - Carlo Gubitosa

"Abbiamo le prove: è un criminale"

parla Elio Boscaini, il prete comboniano che contesta la scelta di premiare il dittatore ruandese a Roma
31 agosto 2007 - Marco Boccitto
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Al di là del manifesto, l'unica voce critica rispetto alla scelta di eleggere il dittatore del Ruanda «abolizionista dell'anno» si è levata ieri dal sito di Nigrizia. Padre Elio Boscaini, che in passato ha anche diretto la rivista dei Comboniani, sulla scorta della sua lunga esperienza di missionario in Ruanda, Burundi, Togo, Ghana, Benin, firma la lettera pubblicata qui a fianco. E risponde al telefono dalla redazione. «Prodi, che è anche vicino ai comboniani, non doveva prestarsi. Le verità di Kagame andavano verificate meglio».

Cosa avrebbe dovuto fare il governo per informarsi?Si poteva chiedere al giudice francese Jean Louis Brugière, che ha incriminato Kagame per le sue responsabilità nel genocidio del 1994, perché ce l'ha tanto con lui. Oppure chiedere al primo ministro deposto da Kagame, Faustin Twagiramungu, perché è stato costretto a fuggire in Belgio. O all'ex presidente Pasteur Bizimungu come e perché è stato incarcerato. Io ho fatto il cappellano nelle carceri africane, la gente non sa in quali condizioni vivono i detenuti. E non parlo di quando viene annunciata una visita di Amnesty per il giorno successivo... Non capisco niente di sistemi mondiali, ma della realtà concreta di tutti i giorni sì.

A Kagame invece cosa avrebbe chiesto?Quanti morti ha sulla coscienza e quando pensa di restituire il potere al popolo... Non è possibile che il mondo gli creda solo perché rappresenta gli interessi Usa nella regione. Quello che dicono i tutsi bisogna dimostrarlo, un po' come quello che dicono i sacerdoti. Ma le cifre sul genocidio sono folli: se fossero vere i tutsi dovrebbero essere quasi estinti. La verità è che Kagame ha imparato dal suo amico Museveni a spostare i mucchi di teschi da una parte all'altra.

Nessuno Tocchi Caino vi accusa esplicitamente di negazionismo. E per il ruolo svolto da alcuni religiosi nelle stragi qualcuno potrebbe pensar male...Dio mi guardi dal voler negare, dico solo che ci sono anche migliaia di persone che si sono lasciate ammazzare per salvare un tutsi. Su Kagame, poi, i missionari comboniani hanno le prove. Figurarsi che quando era a Kampala scoprì che c'era una talpa in un battaglione, e per non correre rischi fece uccidere tutti e 200 i soldati che lo componevano. Quanto alle suore e ai preti coinvolti nel genocidio, sono uomini e donne come gli altri e se hanno sbagliato devono pagare. Ma in Ruanda c'era una situazione oggettiva che non lasciava scampo: non sono i preti ad aver creato la contrapposizione hutu-tutsi. Noi dobbiamo riconoscere il fallimento della nostra opera evangelizzatrice, in Africa abbiamo commesso grandi errori. Ma non può essere tutta colpa nostra.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)